Aumenti luce e gas: primi dettagli sul nuovo decreto contro il caro bollette

È in arrivo un nuovo decreto per contrastare gli aumenti per le bollette di luce e gas. Il Governo sta definendo le caratteristiche del nuovo provvedimento che dovrebbe essere ufficializzato nel corso delle prossime settimane con l'obiettivo di contrastare gli aumenti registrati da inizio gennaio e di prevenire ulteriori possibili rincari dal prossimo mese di aprile. Vediamo i dettagli:

Aumenti luce e gas: primi dettagli sul nuovo decreto contro il caro bollette

Per contrastare i nuovi aumenti su luce e gas è in arrivo un nuovo decreto del Governo. Tale decreto dovrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei Ministri già questa settimana (si parla del prossimo giovedì) per introdurre una serie di misure ulteriori mirate al contenimento dei prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale. Secondo le prime indiscrezioni, l’intervento del Governo comprenderà misure per 5 miliardi di euro. Da notare, però, non è previsto un nuovo scostamento di bilancio. 

Vediamo tutti i dettagli relativi al nuovo provvedimento.

Caro bollette: il nuovo intervento del Governo aiuterà le categorie più in difficoltà

Il nuovo provvedimento includerà aiuti mirati per sostenere le categorie più in difficoltà in questo momento di emergenza. In particolare, sono previsti aiuti per le famiglie a basso reddito, per le piccole imprese e per le imprese più grandi che operano in settori particolarmente colpiti dall’emergenza. Non si tratterà, quindi, di un intervento generale ma di una serie di sostegni mirati a supportare le categorie che, in questo momento, stanno facendo i conti con bollette elevate e che potrebbero avere difficoltà nella gestione dei normali pagamenti.

C’è un altro aspetto centrale da sottolineare. Il provvedimento del Governo non dovrebbe riguardare questa seconda parte del primo trimestre dell’anno, coperto dagli interventi introdotti con la scorsa Legge di Bilancio. Le nuove misure di sostegno dovrebbero concentrarsi sul secondo trimestre del 2022 che si caratterizzerà, quasi sicuramente, per prezzi dell’energia ancora molto alti (ad oggi non ci sono segnali di un calo delle quotazioni dell’energia all’ingrosso).

Il Governo, tra la seconda metà del 2021 e l’inizio del 2022, ha già definito diversi provvedimenti. Il nuovo decreto in arrivo sul tavolo del Consiglio dei Ministri questa settimana dovrebbe portare a 16 miliardi di euro complessivi i fondi destinati al contrasto dell’emergenza energetica in corso. Si tratta di un importo molto elevato ma decisamente inferiore a quello che servirebbe per contrastare, in modo efficace e completo, l’emergenza energetica.

Di recente, il Centro studi di Confindustria, ad esempio, ha sottolineato che per le industrie è previsto un rincaro di 17 miliardi di euro per il costo dell’energia nel corso del 2022, nonostante l’intervento del Governo. Complessivamente, la spesa sarà di 37 miliardi di euro, in netta crescita rispetto ai 20 miliardi di euro del 2021 ed agli 8 miliardi di euro del 2020. Secondo l’analisi del Centro studi di Confindustria, si prevede un impatto dello 0.8% sul PIL se i prezzi dovessero restare a questi livelli.

Uno degli elementi centrali del nuovo provvedimento del Governo in arrivo nelle prossime settimane riguarda la volontà di non ricorrere ad un nuovo scostamento di bilancio. I circa 5 miliardi di euro in arrivo per sostenere famiglie e imprese in questo momento di crisi energetica deriveranno dalla crescita superiore alle attese nel 2021, dai sussidi anti COVID non spesi, da tagli al bilancio e dai proventi delle aste delle quote di emissione di CO2. Non è ancora chiara l’esatta suddivisione dei fondi ma sempre definitiva la scelta di non ricorrere ad altro deficit, almeno per il momento.

Le novità in arrivo per contrastare il caro bollette di luce e gas

Per il momento, non ci sono indicazioni precise in merito alla tipologia di intervento in arrivo per il contrasto del caro bollette. Lo scenario più probabile riguarda una proroga delle misure già attivate con la Legge di Bilancio. In particolare, è previsto un azzeramento degli oneri di sistema per luce e gas ed un nuovo taglio al 5% dell’IVA per le bollette del gas che consentiranno di ridurre in modo generalizzato le bollette.

Per quanto riguarda le famiglie a basso reddito ci sarà un nuovo potenziamento dei Bonus Luce e Gas che, per il primo trimestre del 2022, sono affiancati da un bonus integrativo (del valore medio di 200 euro per la luce e 400 euro per il gas). Per le imprese, inoltre, ci saranno interventi specifici con meccanismi che, almeno per il momento, sono ancora da definire.

Come combattere gli aumenti e tagliare le bollette di luce e gas

In attesa del nuovo provvedimento del Governo, è importante sottolineare che tutte le famiglie italiano hanno la possibilità di attivarsi per ridurre al minimo il costo dell’energia e, quindi, tagliare le bollette. La strada per il risparmio passa per la scelta delle migliori offerte luce e gas del Mercato Libero che consentono di accedere ad un prezzo dell’energia (espresso in €/kWh per la luce e €/Smc per il gas) più basso rispetto al mercato tutelato.

La scelta delle migliori offerte del momento può avvenire, gratuitamente e senza alcuna difficoltà, tramite il comparatore di SOStariffe.it per offerte luce e gas, disponibile al link qui di sotto oppure tramite l’App di SOStariffe.it per dispositivi Android ed iOS. Per individuare l’offerta migliore è sufficiente indicare una stima del proprio consumo annuo. Il dato è riportato nell’ultima bolletta inviata dall’attuale fornitore.

Scopri qui le migliori offerte luce e gas » 

Ricordiamo, inoltre, che è possibile ottenere assistenza (gratuita e senza impegno) nella scelta dell’offerta da attivare:

  • chiamando al numero 02 5005 222 per parlare con un consulente di SOStariffe.it
  • utilizzando il servizio Analisi della Bolletta che, tramite il comparatore o l’app di SOStariffe.it, consente di inviare una bolletta in versione digitale al Team di SOStariffe.it che si occuperà di individuare, per l’utente, la tariffa più vantaggiosa