Athonet Smartgrid e 3 Italia insieme per Enel

L’impianto EnelFederico II di Brindisi (una delle centrali più avanzate d’Europa) è stato dotato di una rete 4G-LTE all’avanguardia grazie alla partnership tra Athonet Smartgrid, start-up del progetto di integrazione promosso da Enel, e 3 Italia. Nella centrale è stata realizzata una micro-rete TDD-LTE a banda ultralarga, in grado di assicurare livelli ottimali di copertura e bassissima latenza.

Federico-II
Una nuova micro-rete all'avanguardia per l'impianto Federico II di Brindisi

In altre parole, Tre e Athonet hanno creato una micro-rete indipendente non solo per l’impianto di Brindisi ma anche per il cantiere adiacente, impegnato nella costruzione di nuovi carbonili coperti; una soluzione che può essere facilmente replicata anche su altri impianti produttivi e cantieri.
Confronta le offerte di Tre
La tecnologia del progetto fa riferimento alla Network Function Virtualization, concetto innovativo di rete radiomobile distribuita e completamente integrata nel contesto ICT di Enel, capace di consentire la videosorveglianza live di tutta l’area, il monitoraggio dei mezzi in movimento, la comunicazione audio-video tra gli addetti presenti nell’area e tra questi e la rete aziendale o il mondo esterno, o ancora la trasmissione e la ricezione di allarmi da sensori fissi o mobili indossati dal personale.

Secondo Dina Ravera, Direttore Generale di 3 Italia, «Grazie alle opportunità colte in occasione dell’asta indetta dal Governo italiano per le frequenze LTE, avendo individuato nel TDD la tecnologia ideale per l’IoT, l’Internet delle cose, siamo oggi in grado di realizzare piattaforme efficienti e competitive a supporto di questo importante settore di innovazione e crescita, a partire dalle applicazioni di tipo industriale e in generale di tipo “mission critical”».

Commenti Facebook: