Adsl e cellulari per aumentare il mercato

La banda larga sta facendo sempre più fatica a guadagnare nuova clientela, ed è così che gli operatori fissi sono giunti a unire le offerte alla telefonia mobile.

Il problema è che il mercato potenziale per l’adsl è stato quasi tutto sfruttato in quanto le persone dotate di pc ma non della connessione alla banda larga sono solo il 17% della popolazione italiana. Rimane il 38% che non possiede nemmeno il computer e, quindi, difficilmente convertibile in clientela.

Il piano del Governo per ammodernare le infrastrutture permetterà di migliorare soprattutto le attuali condizioni della rete e permettere di raggiungere anche chi ora è tagliato fuori (anche portando socialmente internet verso il mondo quotidiano). Il 38% che ancora non si è “informatizzato” avrà quindi l’occasione di poter sfruttare il potente strumento di internet. Stefano fa alcune riflessioni, assolutamente da leggere.

Alessandro Longo analizza le mosse degli operatori dove l’unica soluzione per aumentare clienti sembra quella di unire l’offerta Adsl a quella di telefonia mobile, soprattutto tra i neo-operatori mobili virtuali come Tiscali (che offre la propria sim Tiscali Mobile con 50 o 25 euro insieme alle offerte Adsl e casa) e Fastweb nonchè Vodafone.

Ecco le principali offerte ADSL a confronto:

confronto-adsl-tuttoincluso

confronto-adsl-mobile

Fastweb Joy propone la chiavetta internet abbinata all’ADSL, mentre Tiscali regala una sim mobile con 25 o 50 euro di traffico incluso. A nostro avviso ancora le offerte non permettono una reale convergenza. Ciò che manca (e non può essere fatto dagli MVNO perchè la rete non è degli operatori virtuali) sono le offerte con vantaggi tra rete fissa e mobile dello stesso operatore.

Solo Telecom, Wind (con infostrada) e Vodafone(con Tele2) potranno davvero puntare alla convergenza: I primi spiragli da Vodafone che anche a casa permette di chiamare con il telefonino a una tariffa urbana. Finchè però i costi di accesso alla rete vengono definiti dai provider fisici non è possibile per i nuovi entranti poter proporre tariffe concorrenziali. Dobbiamo aspettare ancora.

banda larga sta facendo sempre più fatica a guadagnare nuova clientela, ed è così che gli operatori fissi sono giunti a unire le offerte alla telefonia mobile.

Il problema è che il mercato potenziale per l’adsl è stato quasi tutto sfruttato in quanto le persone dotate di pc ma non della connessione alla banda larga sono solo il 17% della popolazione italiana. Rimane il 38% che non possiede nemmeno il computer e, quindi, difficilmente convertibile in clientela.

Il piano del Governo per ammodernare le infrastrutture permetterà di migliorare soprattutto le attuali condizioni della rete e permettere di raggiungere anche chi ora è tagliato fuori (anche portando socialmente internet verso il mondo quotidiano). Il 38% che ancora non si è “informatizzato” avrà quindi l’occasione di poter sfruttare il potente strumento di internet. Stefano fa alcune riflessioni, assolutamente da leggere.

Alessandro Longo analizza le mosse degli operatori dove l’unica soluzione per aumentare clienti sembra quella di unire l’offerta Adsl a quella di telefonia mobile, soprattutto tra i neo-operatori mobili virtuali come Tiscali (che offre la propria sim Tiscali Mobile con 50 o 25 euro insieme alle offerte Adsl e casa) e Fastweb nonchè Vodafone.

Ecco le principali offerte ADSL a confronto:

confronto-adsl-tuttoincluso

confronto-adsl-mobile

Fastweb Joy propone la chiavetta internet abbinata all’ADSL, mentre Tiscali regala una sim mobile con 25 o 50 euro di traffico incluso. A nostro avviso ancora le offerte non permettono una reale convergenza. Ciò che manca (e non può essere fatto dagli MVNO perchè la rete non è degli operatori virtuali) sono le offerte con vantaggi tra rete fissa e mobile dello stesso operatore.

Solo Telecom, Wind (con infostrada) e Vodafone(con Tele2) potranno davvero puntare alla convergenza: I primi spiragli da Vodafone che anche a casa permette di chiamare con il telefonino a una tariffa urbana. Finchè però i costi di accesso alla rete vengono definiti dai provider fisici non è possibile per i nuovi entranti poter proporre tariffe concorrenziali. Dobbiamo aspettare ancora.

Commenti Facebook: