Da quando non si paga il Canone RAI in bolletta?


Il canone RAI (o più propriamente canone televisivo) è stato per anni una delle tasse più evase della storia d’Italia, ma tutto è cambiato a partire da luglio 2016. In quella data, infatti, il canone di abbonamento alla televisione per uso privato è stato incorporato alla bolletta dell’energia elettrica e rateizzato per essere pagato un po’ al mese (per la precisione, i primi 10 mesi dell’anno).

Questo ha significato di fatto l’impossibilità di non pagare il canone a meno di non richiederne l’esenzione, se si rientra in quelle categorie di utenti che non sono tenuti a pagarlo. Ora, però, sta per cambiare tutto di nuovo, perché per le normative UE il canone pagato in bolletta non è regolare: vediamo di saperne di più.

Chi è tenuto a pagare il canone RAI

Il canone RAI deve essere pagato da chiunque detenga un apparecchio televisivo; non solo un televisore, ma qualsiasi strumento in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, da solo o tramite decoder. Se si hanno più apparecchi televisivi in casa si paga comunque il canone una sola volta (se si tratta di apparecchi posseduti da componenti della stessa famiglia anagrafica, anche in più abitazioni). La sola utenza elettrica vale come presunzione di possesso di un apparecchio ricevente, a partire dal 1° gennaio 2016 (non è però retroattiva).

Come si paga il canone RAI oggi

Ancora per il 2022 il pagamento del canone avviene tramite addebito sulle fattura emesse dalle imprese elettriche. L’ammontare del canone RAI, dal 2017, è sempre stato di 90 euro, incorporati nella bolletta dell’energia elettrica con rate da gennaio fino a ottobre compreso da 9 euro l’una (o 18 euro sulle bollette bimestrali). Dal 2023 però le cose dovrebbero cambiare, a causa di quanto stabilito dall’Unione europea.

Se una famiglia non risulta titolare, per nessuno dei suoi membri, di un contratto elettrico di tipo domestico residenziale, il canone va versato tramite modello F24 entro il 31 di gennaio dell’anno di riferimento. Lo stesso modello va utilizzato per pagare il canone anche da parte dei cittadini per i quali la fornitura di energia elettrica avviene nell’ambito delle reti non interconnesse con la rete di trasmissione nazionale (ad esempio chi è totalmente autosufficiente tramite un impianto fotovoltaico). È anche possibile pagare il canone TV direttamente con addebito sulla pensione, ma bisogna farne richiesta al proprio ente pensionistico entro il 15 novembre dell’anno precedente a quello a cui si riferisce l’abbonamento.

Perché non si può più pagare il canone RAI nella bolletta?

Secondo quanto stabilito dall’Unione europea, il canone RAI non va più pagato in bolletta perché corrisponde a un onere improprio nei costi dell’energia; l’impegno dell’Italia a rimuovere questa modalità automatica di pagamento rientra negli impegni presi dal nostro Paese con la Ue nell’ambito del Pnrr.

Quando verrà scorporato dalla bolletta il canone RAI?

In realtà la questione del canone fuori dalla bolletta elettrica è ancora poco definita. In teoria, dal 2023 il canone RAI non dovrebbe più essere pagato come facciamo oggi, ma le modalità con cui verrà saldato – per non incorrere nelle sanzioni Ue, ma anche per evitare un ritorno all’evasione diffusa in un momento in cui le finanze della tv pubblica sono in passivo – non sono ancora state fissate. Il governo ritiene inoltre che il canone RAI non possa considerarsi a tutti gli effetti un onere improprio nella bolletta dell’energia elettrica perché indicato in modo chiaramente riconoscibile.

Chi può non pagare il canone RAI?

Non tutti i cittadini sono tenuti a pagare il canone RAI. Rimangono infatti fuori dal pagamento dell’imposta:

  • Coloro che non detengono televisori o apparecchi adattabili, che lo comunicano all’Agenzia dell’Entrate tramite apposita dichiarazione
  • Gli anziani con un’età pari o superiore a 75 anni con reddito proprio e del coniuge non superiore complessivamente a 8000 euro annuali, senza conviventi, e detenzione di apparecchi televisivi solo nel luogo di residenza
  • I militari delle Forze Armate Italiane per quanto riguarda gli apparecchi di uso comune destinati a visione collettiva in ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate
  • I militari appartenenti alle Forze NATO di cittadinanza straniera
  • Gli agenti diplomatici e consolari provenienti da Paesi che in condizione di reciprocità a loro volta esonerino i loro colleghi italiani da eventuali obblighi analoghi
  • I rivenditori e i riparatori tv che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva
  • Le imbarcazioni da diporto se non adibite all'esercizio di attività commerciali

Come si richiede il rimborso del canone RAI già addebitato in bolletta?

Nel caso in cui il titolare di fornitura di energia elettrica sia esonerato dal pagamento del canone RAI ma abbia comunque ricevuto le bollette dell’energia elettrica con l’addebito per il pagamento della tassa non dovuta, è necessario compilare un apposito modello. L’istanza va presentata in via telematica dal titolare dell’utenza elettrica, dai suoi eredi o dagli intermediari abilitati, mediante la specifica applicazione web, oppure, insieme a un documento di identità valido, via posta all’indirizzo Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.

Nella tabella qui di seguito vediamo quali codici vanno indicati per la dichiarazione per segnalare correttamente la propria situazione:

Motivo per l’esenzione Causale da riportare nella dichiarazione
Cittadini con più di 75 anni di età e con reddito non superiore a 8.000 euro Codice 1
Richiedente esente per effetto di convenzioni internazionali (es. diplomatici e militari stranieri) Codice 2
Richiedente che ha pagato il canone mediante l’addebito sulle fatture per l’energia elettrica ma con pagamento effettuato da lui o altro componente della famiglia anche con altre modalità, es. addebito su pensione Codice 3
Richiedente che ha pagato il canone mediante addebito sulle fatture per l’energia elettrica ma con pagamento anche mediante addebito sulle fatture relative ad un’utenza elettrica intestata ad un altro componente della stessa famiglia anagrafica Codice 4. Va inserito anche il codice fiscale del familiare a cui è stato addebitato il canone e il periodo in cui sussistono i presupposti della richiesta, ossia l'appartenenza alla stessa famiglia anagrafica
Richiedente che ha presentato la dichiarazione sostitutiva di non detenzione di apparecchi televisivi da parte propria e dei componenti della sua famiglia anagrafica

Codice 5

Motivazione diversa, da compilare nell’apposito spazio del modello

Codice 6

 Il rimborso viene effettuato dalle imprese elettriche mediante accredito sulla prima fattura utile, oppure con altre modalità, sempre che le stesse assicurino l’effettiva erogazione entro 45 giorni dalla ricezione, da parte delle stesse imprese elettriche, delle informazioni utili all’effettuazione del rimborso, trasmesse dall’Agenzia delle Entrate.

Come si fa a non pagare il canone RAI?

Il modello di dichiarazione sostitutiva, per chi non ha un televisore o per chi ha diritto all’esenzione per altri motivi, va presentato direttamente dal contribuente o dall’erede direttamente via Web, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, oppure tramite gli intermediari abilitati. Se non è possibile l’invio telematico il modello, insieme a un documento di identità, va inviato all’indirizzo Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino.

La dichiarazione va presentata dal 1° febbraio al 30 giugno per essere esonerati dall’obbligo di pagamento per il secondo semestre dello stesso anno; se la si presenta dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno successivo esonera invece dall’obbligo del pagamento per l’intero anno successivo. 

 

Sky e stop al digitale terrestre: le novità di Agosto 2022

Dopo la chiusura dell’offerta Sky sul digitale terrestre, ecco le indicazioni per non perdersi il meglio della programmazione messa in onda dalla media company. Con una fotografia delle promozioni attivabili ad Agosto 2022.

Bonus TV 2022: importo aumentato per alcuni aventi diritto, ecco le novità

Il Bonus TV è un'agevolazione che punta a semplificare il passaggio ad un TV o ad un decoder di nuova generazione, in grado di supportare in modo completo il nuovo digitale terrestre in vista dello switch off. Il recente Decreto Aiuti bis è intervenuto anche sul Bonus TV andando ad incrementare l'importo dell'agevolazione per alcuni aventi diritto. Ecco i dettagli del bonus che sarà disponibile per tutto il 2022 o, più probabilmente, fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

TIM DAZN: novità e offerte di Agosto 2022

TIM DAZN: scopri i diversi pacchetti per avere tutta la Serie A e altri sport insieme a tanti contenuti di intrattenimento come film e serie TV