Rischi del Mercato Libero di luce e gas: come evitarli

Scegliere le migliori offerte luce e gas del Mercato Libero dell’energia permette di ottenere considerevoli risparmi in bolletta. Spesso si hanno dei dubbi nel passare al Mercato Libero, legati a diversi rischi, o presunti tali, a cui si può andare incontro nell’abbandonare il regime di Maggior Tute. Ecco come evitare tutti i rischi del Mercato Libero. 

Le offerte del Mercato Libero permettono di risparmiare su luce e gas

Per poter ridurre al minimo l’importo delle bollette energetiche è opportuno attivare le migliori offerte luce e gas attualmente disponibili sul Mercato Libero dell’energia. Per una famiglia “tipo” è possibile risparmiare ogni anno più di 300 Euro rispetto alle tariffe praticate, ad oggi, nel regime di Maggior Tutela. Scegliere le offerte del Mercato Libero, quindi, conviene ed il risparmio ottenibile sarà immediato e anche considerevole.

E’ opportuno valutare con attenzione le tariffe da attivare al fine di massimizzare le possibilità di risparmio. Il Mercato Libero dell’energia non comporta rischi reali per gli utenti ma su molti aspetti, in diversi casi, c’è davvero poca chiarezza e molti utenti hanno ancora tanti dubbi in merito ai reali vantaggi legati al passaggio al Mercato Libero.Scopri le migliori offerte luce e risparmia sulla bolletta

Per essere sicuri sulle tariffe da attivare per risparmiare è possibile consultare il comparatore di SosTariffe.it per offerte luce e offerte gas che racchiude tutte le tariffe disponibili sul Mercato Libero e permette di attivare rapidamente online la soluzione desiderata, senza costi di alcun tipo, reindirizzando l’utente al sito ufficiale del venditore.

Mercato Libero: tutto quello che c’è da sapere

Il Mercato Libero e le sue offerte presentano una serie di importanti garanzie per gli utenti. Per prima cosa è opportuno sottolineare che non ci sono rischi di interruzioni del servizio. Nel passaggio da un’offerta ad un’altra, infatti, la fornitura energetica continuerà e tutto il processo di “passaggio” (che di fatto rappresenta un procedimento commerciale) viene gestito in autonomia dal distributore e dal fornitore.

Anche se l’azienda con cui si è attivata una nuova fornitura dovesse fallire, esiste un meccanismo di protezione e tutela del consumatore sviluppato da ARERA, l’Autorità per l’energia, che elimina il rischio che una famiglia possa restare, anche per breve tempo, senza una fornitura di energia attiva. 

Da notare, inoltre, che per effettuare il passaggio al Mercato Libero non è necessario apportare modifiche all’impianto e non è necessario cambiare il contatore. Come detto in precedenza, tutto il processo viene gestito in automatico e sia l’impianto che il contatore non dovranno registrare alcuna modifica o aggiornamento.

La struttura del Mercato Libero esclude anche il rischio di dover pagare due volte gli stessi consumi energetici. Al momento del cambio di venditore, infatti, si registra una lettura del contatore al fine di permettere al precedente venditore di emettere l’ultima bolletta.

Un altro aspetto da considerare sono i costi di cambio venditore. Passare dal regime di Maggior Tutela al Mercato Libero o anche passare da un’offerta ad un’altra nel Mercato Libero non presenta costi di alcun tipo, a prescindere da quelle che sono le offerte o le promozioni del momento da parte del venditore. Allo stesso modo, non ci sono costi di disattivazione nel passaggio ad un’altra offerta.

Sino a che sarà disponibile il regime di Maggior Tutela, inoltre, un consumatore passato al Mercato Libero potrà decidere di rientrare nel regime tutelato. E’, quindi, possibile “provare” il Mercato Libero dell’energia, per valutarne le caratteristiche ed i vantaggi, con la consapevolezza di poter tornare indietro.

Scegliere il Mercato Libero offre, quindi, molte più garanzie ed occasioni di risparmio che rischi. Per ridurre al minimo i costi energetici è opportuno valutare con attenzione le offerte disponibili e procedere con la sottoscrizione della tariffa desiderata. Il risparmio annuale in bolletta sarà davvero considerevole.

Commenti Facebook: