Cashback Unicredit: come funziona

Ecco come si può partecipare al Cashback con Unicredit e le sue carte di credito o debito. Il programma in questione fa parte del piano Cashless di Stato che garantisce agli utenti un rimborso spese pari a 150 euro su un massimo di 1.500 euro di spese in sei mesi. Il progetto per incentivare l'uso dei metodi di pagamento elettronici prevede anche dei maxi premi da 1.500 euro per chi effettua il maggior numero di spese in un semestre

Cashback Unicredit: come funziona

Per invogliare i cittadini a modificare le loro abitudini rispetto all’uso del contante per fare le proprie spese quotidiane il Governo ha creato il programma Cashless, un sistema che premia i pagamenti con carte o altri strumenti elettronici. In questa guida ci concentriamo sul racconto di come funziona il Cashback Unicredit e su quali sono le carte che  utilizzare strumenti di pagamento tracciabile è il Cashback. Si tratta di un piano di rimborsi sugli acquisti pagati con carta di credito o di debito, oppure con le principali app come Satispay o Google Pay.

Chiunque voglia partecipare deve avere un conto corrente, una carta di credito o di debito, lo SPID ( o degli altri strumenti di riconoscimento elettronico come la CIE – Carta di identità elettronica -, o la Carta Nazionale dei Servizi.

Il Cashback è abilitato con le carte Bancoposta e Postepay  grazie al sistema BancoPosta. Per ottenere il rimborso con questi strumenti è necessario solo abilitare la funzione sull’applicazione o tramite il profilo online. Anche con le carte dei seguenti emittenti l’attivazione del servizio di rimborso avviene  tramite l’app: Bancomat Pay, Enel X Pay, Flowe, Hype, Nexi Pay, Satispay, UniCredit, Yap.

Qual è l’app migliore per iscriversi al Cashback Unicredit

L’app IO ha subito diverse critiche da quando è stato lanciato il programma Cashback, mentre gli strumenti di banche e altri servizi di pagamento si sono mostrati più semplici e immediati per l’attivazione. Però solo l’applicazione della Pubblica Amministrazione consente di registrare e associare al proprio profilo (grazie al codice fiscale) tutte le carte che si possiede.

Con l’app Unicredit sarà invece possibile attivare il Cashback solo sugli strumenti collegati a questo emittente. Se poi si è anche intestatari di una PostePay si dovrà abilitare la registrazione delle spese su un’altra applicazione o dall’app IO. Il rimborso sarà comunque di 150 euro complessivi in 6 mesi, infatti è il vostro codice fiscale che permetterà di stabilire un legame anche tra diverse applicazioni di spesa.

Per poter attivare il rimborso delle spese con il piano di Stato dovrai avere l’app Mobile Banking di Unicredit, per poter avere questo servizio dovrai avere una Genius Card o avere un conto corrente Unicredit aperto con servizio di Banca Multicanale abilitato.

Registrarsi al Cashback

Come accennavamo ci si può creare un profilo sull’applicazione ufficiale della Pubblica amministrazione, app IO. In questo caso la procedure prevede che si disponga di uno strumento di identità digitale che consenta di identificare l’intestatario delle carte che si vuole registrare. In realtà l’app IO consente anche di effettuare molte altre operazioni nei confronti della PA: pagare le tasse, versare il bollo auto, inviare documentazioni o richieste di informazioni all’Agenzia delle Entrate.

La registrazione tramite questa piattaforma è semplice. Scarica app IO, una volta inseriti i dati personali e con lo SPID potrai visualizzare i menu, seleziona Portafoglio, dovrai quindi inserire i dati delle carte che vuoi associare al tuo profilo (ricorda che devono essere intestate a te). Per completare con successo l’iscrizione dovrai fornire anche i codici di sblocco.

Resta ancora un passo da fare per poter terminare l’operazione, inserisci il tuo IBAN. Sarà su questo conto corrente che poi lo Stato caricherà in automatico il rimborso che si è acquisito con le spese del semestre. Il calcolo degli importi dovuti viene fatto entro 2 mesi dal termine del periodo utile a  raccogliere punti.

Per chi non avesse ancora un conto corrente o una carta di credito è possibile attivare uno o entrambi servizi in pochi minuti. Per scegliere la promozione più vantaggiosa sul mercato per chi apre un conto corrente si può usare il comparatore di SOStariffe.it, il servizio automatico di raffronto delle offerte è una bella comodità che non ti impone costi ulteriori. Puoi fare una ricerca dei prodotti le cui condizioni ti sembrano migliori. Il servizio è senza impegno all’acquisto.
Scopri il tuo conto corrente senza spese di canone »

Cashback Unicredit come funziona l’app Mobile

Per i clienti Unicredit non è necessario avere lo SPID o qualsiasi sistema elettronico di identità, se avete un conto o una delle carte abilitate al Cashback potrete abilitare le carte con l’app Mobile Bankig. L’app può essere scaricata da Google Play o App Store.

Poi dovrai selezionare l’IBAN associato e abilitare le carte che vuoi utilizzare per cumulare le spese per il programma di rimborso. Potrai verificare il numero di operazioni valide per il Cashback e la somma del rimborso guadagnato direttamente dall’app.

Per ogni transazione si può ottenere un rimborso massimo di 15 euro oppure pari al 10% se la spesa sostenuta non supera i 150 euro. Dato questo sistema è molto conveniente fare tanti acquisti di importi inferiori a 150 euro piuttosto che grosse spese per le quali si ottiene meno rimborso. Il monitoraggio del Cashback conquistato è quindi immediato e semplice. Sia le carte PagoBancomat che quelle Maestro o VPay sono abilitate per questa iniziativa di Stato.

Per poter verificare se hai effettuato in modo corretto la registrazione al programma di rimborsi puoi accedere alla tua app Mobile Banking Unicredit, clicca quindi sull’icona della carta e poi seleziona il pulsante Verifica  che si trova sotto la voce Cashback. Per chi ha registrato la propria carta Unicredit sull’app IO il controllo operazioni e saldo del credito dei rimborsi potrà avvenire sempre tramite l’applicazione Mobile Banking della banca. In questo caso devi accedere alla sezione Gestione carta e cliccare sulla voce Gestisci e quindi su Verifica.

Rimborsi di Stato, come funzionano

Riepiloghiamo per chi ha aderito da poco le condizioni per poter partecipare a questo piano di rimborsi statali. Sulle spese che i cittadini, registrati tramite app IO della Pubblica amministrazione o con l’app dei singoli emittenti (se convenzionata), faranno con le carte di credito, debito o prepagate è possibile avere una parte dell’importo indietro sotto forma di cashback. Il sistema dei rimborsi ti promette un rimborso sulle somme spese in 6 mesi.

Su una singola operazione ti potrà essere riaccreditato un massimo di 15 euro o il 10% di questo speso. La cifra massima accettata per i rimborsi è 150 euro, quindi come accennavamo, è conveniente per acquisti inferiori, se invece di supera la soglia dei 150 euro il cashback resterà fisso a 15 euro.

A Giugno terminerà il primo semestre di accumulo spese per i rimborsi, il secondo periodo inizierà a Luglio e terminerà a Dicembre. Tra un semestre e l’altro i contatori del cashback vengono azzerati. In un anno il rimborso massimo che ogni utente può avere è di 300 euro.

Il Governo ha stabilito che per poter accedere al cashback è necessario effettuare almeno 50 spese con carte di credito presso negozi che hanno aderito a questo piano. Non tutti gli emittenti di POS sono infatti abilitati, se vuoi essere certo che la spesa che stai andando a fare ti dia diritto al rimborso controllare se lo Iusser del rivenditore è tra quelli segnalati.

I super Cashback da 1500 euro

A parte i 300 euro del piano Cashback che si ottengono con le spese fatte, per incentivare l’utilizzo delle carte anche una volta raggiunta la soglia massima di rimborso e il numero richiesto di operazioni è stato istituito un premio. Il maxi premio consiste un un super rimborso pari a 1.500 euro che possono vincere i 100 mila utenti che hanno compiuto il maggior numero di operazioni con le carte nell’arco dei 6 mesi.

Il sistema calcolerà chi tra gli utenti registrati ha fatto più transazioni. Sono state eliminate le micro operazioni dopo che alcuni furbetti del cashback hanno barato. Gli utenti si erano accorti che effettuando operazioni di pochi centesimi presso distributori automatici di benzina potevano cumulare in breve tempo un numero molto elevato di transazioni e ne hanno approfittato. Gli operatori del settore e gli esercenti si sono però subito lamentati, anche perché le micro transazioni gli costano moltissimo in termini di commissioni. Il Governo è intervenuto bloccando dal conteggio questi addebiti e le operazioni ricorrenti di importi molto bassi.

Cashback con le Carte Unicredit

Ecco quali sono le carte Unicredit che sono abilitate per il sistema dei rimborsi di Stato:

  • Genius Card – carta nominativa e prepagata
  • Unicredit Flexia – carta di credito
  • My One – carta di debito
  • carte VPay o Maestro
  • Buddybank carte di credito o debito

Per avere questi prodotti puoi aprire il conto a zero spese di Unicredit, My Genius. Il conto è in promozione per chi lo attiva entro il 31 Maggio, il premio per i nuovi correntisti è un buono Amazon da 50 euro. Per ottenere questo welcome bonus dovrai effettuare almeno 500 euro di spese con le carte associate al tuo conto corrente entro il 31 Agosto.

Con l’apertura di My Genius online avrai incluso a costo zero:

  • carta di debito My One
  • servizio di Banca Multicanale abilitato
  • bonifici e giroconti gratuiti

Scopri di più su My Genius »

Commenti Facebook: