Sos Tariffe › News ›
Energia Elettrica

Come diventare cliente ENEL tramite VOLTURA

Se ti stai trasferendo in una casa già abitata da un'altra persona e vuoi stipulare il contratto di energia elettrica e/o di gas con Enel Energia, e il contratto è ancora attivo, devi eseguire una procedura nota come “voltura”. Qualora il contratto sia già stato cessato, servirà fare un "subentro". Ecco il costo della voltura Enel, e  come intestare a proprio nome un contratto per l'energia Enel.

Voltura con Enel: procedura, documenti necessari e costi
Tariffe correlate
E-light
Prezzo bloccato
Dettagli
Energia 3.0 Trioraria
Prezzo bloccato
Dettagli
Energia 3.0
Prezzo bloccato
Dettagli

Quando serve fare una voltura o un subentro?

Spesso è necessario cambiare l’intestatario di un contratto di energia elettrica e/o di gas con Enel Energia (mercato libero) o Enel Servizio Elettrico (mercato tutelato) in una casa dove prima c’era già una fornitura attiva; in queste situazioni bisogna eseguire una procedura nota come “voltura”.

La voltura non è altro che l’operazione attraverso la quale un cliente intesta a nome suo un contratto di energia elettrica o gas attualmente intestato all’inquilino precedente dell’abitazione.

Devi realizzare una voltura sempre che il precedente intestatario non abbia chiuso il contratto; se invece il contratto è stato già cessato, occorre realizzare un “subentro”.

Puoi avere più informazioni su queste procedure in generale nei nostri articoli al riguardo:

Scopri le offerte luce per voltura »

In questo articolo vedremo come effettuare la voltura con Enel, tanto per il mercato libero che per quello tutelato, e sia per la fornitura domestica dell’energia elettrica come del gas.

Enel Servizio Elettrico, va ricordato, non è lo stesso di Enel Energia. Per saperne di più, leggi il nostro articolo dove ti spieghiamo la differenza tra Enel e Enel Energia.

Scarica le nostre guide stampabili per la voltura con Enel

Oltre a spiegare nel dettaglio la procedura di voltura con Enel per le forniture di energia elettrica e gas, sia per chi è in maggior tutela come per chi ha attivato una tariffa del mercato libero con Enel, abbiamo predisposto delle brevissime guide stampabili, dove troverete un riassunto con tutte le informazioni che ti servono.

Se il precedente intestatario era cliente Enel ma non sai se del mercato libero o la maggior tutela, controlla la bolletta. Se trovi la dicitura “Enel Servizio Elettrico“, si tratta di un contratto in maggior tutela (mercato tutelato), altrimenti sarà scritto “Enel Energia” per il mercato libero.

Scopri le offerte Enel Energia »

Documenti necessari per la voltura con Enel

Per fare la voltura con Enel Energia (mercato libero) ti verranno richiesti i seguenti dati e documenti:

  • il codice fiscale del nuovo intestatario;
  • il codice POD (per la fornitura di energia elettrica) oppure il codice PDR (per la fornitura di gas naturale). Qui vedi dove trovare il codice POD;
  • la lettura del contatore (vedi qui come leggere il contatore luce o gas);
  • il titolo abitativo che attesti la proprietà o il regolare possesso dell’immobile per il quale si richiede la fornitura di energia elettrica o del gas, nel rispetto della Legge 80/14 (Piano Casa) che contrasta gli abusi edilizi e le occupazioni abusive degli immobili;
  • In caso di voltura per fornitura ad uso domestico, dovrai inviare per posta, dopo averla compilata in ogni sua parte, la Dichiarazione di regolare possesso/detenzione dell’immobile, allegando inoltre fotocopia di un documento di riconoscimento.

Per fare invece la voltura con Enel Servizio Elettrico (mercato tutelato), i documenti che servono sono i seguenti:

  • Numero cliente;
  • Titolo abitativo e Istanza contenente una dichiarazione di regolare possesso/detenzione dell’immobile come specificato precedentemente;
  • Cognome, Nome, codice fiscale, recapiti telefonici e mail del nuovo intestatario nel caso di persona fisica, oppure ragione o denominazione sociale, codice fiscale e/o partita IVA in caso di persona giuridica
  • Lettura del contatore;
  • Potenza e tensione richiesta;
  • Uso della fornitura nel caso di contratto per usi diversi da abitazione;
  • Indirizzo di recapito del cliente precedente per inviare la bolletta di chiusura conto;
  • Autocertificazione di residenza anagrafica, se la persona a cui va intestato il contratto ha la residenza nell’abitazione da allacciare; se ci dovessero essere variazioni è possibile presentare la documentazione entro 5 mesi dalla data del contratto;
  • Fotocopia del documento di riconoscimento del titolare del contratto;
  • Coordinate del conto corrente bancario/postale se si sceglie la domiciliazione delle bollette (in questo modo non viene addebitato il deposito cauzionale).

Voltura con Enel: come fare

Enel Energia

Sul mercato libero basta eseguire la procedura direttamente online sul sito ufficiale di Enel Energia, ed è sufficiente avere il codice POD (un codice alfanumerico che troverai sulla bolletta della luce del precedente intestatario oppure su un cartellino appeso al contatore) relativo alla fornitura elettrica che vorresti intestare a tuo nome.

Annunci Google

Se si tratta di una fornitura gas invece, ti serve il codice PDR, che lo troverai anche sulla bolletta del gas o appeso al contatore.

Con i dati che fornirai a Enel durante la procedura il sistema automaticamente avvierà la richiesta di subentro o di voltura. È importante inoltre registrare la lettura del contatore, che poi dovrai inserire nel modulo online.

Una volta che avrai stipulato il contratto con Enel Energia, è possibile informarti riguardo lo stato di avanzamento della pratica direttamente online. Basta registrarsi nell’area cliente e cliccare su “Le tue pratiche”. Successivamente, entra alla sezione “I tuoi contratti” e potrai visualizzare tutti i contratti che hai stipulato con Enel, così come lo stato di avanzamento della pratica.

Per maggiori informazioni basta chiamare il numero verde Enel 800.900.800.

Enel Servizio Elettrico

Sul mercato tutelato bisogna recarsi a un Punto Enel o chiamare il numero verde 800 900 800 (da cellulare 199 50 50 55). Ricorda che dovrai restituire, compilata e firmata, la documentazione inviata da Enel Servizio Elettrico (spese postali a carico dell’azienda), seguendo le indicazioni riportate nella lettera di accompagnamento e dovrai pagare le spese contrattuali, che solitamente sono addebitate sulla prima bolletta.

Quanto costa la voltura con Enel?

La voltura con Enel ha un costo di 27,52 euro + Iva che verranno addebitati nella prima fattura utile. Nel caso del gas, il costo può variare in base alle convenzioni esistenti tra i singoli comuni (proprietari delle reti) e distributori locali e viene addebitato nella prima bolletta.

Se invece il fornitore dell’intestatario precedente non è Enel ma un’altra società, bisogna realizzare la voltura con quel fornitore; una volta che avrai ricevuto la prima bolletta con il tuo nome, potrai richiedere il passaggio a Enel a costo zero.

Il passaggio tra i diversi fornitori di energia è sempre gratuito, ma il cambio di intestazione (voltura o subentro) si paga con tutti gli operatori.

Confronta Tariffe Energia Elettrica »

Quali sono le tariffe Enel Energia con cui posso fare la voltura?

Non tutte le tariffe energia elettrica e gas di Enel Energia (e di tutte le compagnie in generale) sono attivabili in casi di voltura, subentro o nuove attivazioni. Ecco perché SosTariffe.it ha predisposto un apposito filtro sul comparatore di energia elettrica che consente di selezionare unicamente le offerte che si possono attivare in ogni situazione in particolare.

Con Enel Energia, ad esempio, per cambiare l’intestazione di un contratto (sia voltura che subentro) potrai sottoscrivere Semplice Luce o Gas, ed Energia Pura Casa. Le altre proposte sono disponibili solo per le nuove attivazioni.

Scopri Semplice Luce di Enel Energia »

Annunci Google

Confronta le migliori offerte per il gas nel tuo comune e scegli la più conveniente:

CONFRONTA
Confronta

Commenti Facebook:

Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2016