Sos Tariffe › News ›
ADSL

Antenne WiFi: l’amplificatore fai da te può aumentare la connessione?

Le connessioni WiFi presenti nelle offerte ADSL per l’accesso a Internet senza fili impiegano lo standard di trasmissione IEEE 802.11. Quest’ultimo si declina in più versioni. La più recente è la 802.11n, in grado di operare su frequenze 2.4 GHz e 5 GHz, e di assicurare prestazioni superiori, portata più estesa e affidabilità maggiore rispetto alle versioni precedenti. Tuttavia, interferenze e ostacoli possono compromettere le garanzie di cui sopra, degradare la qualità del segnale e quindi rallentare la connessione e limitarne la portata. È di fatto impossibile agganciare una rete Wi-Fi e godere delle specifiche indicati dai produttori di dispositivi a radiofrequenza.

I valori, infatti, sono raggiunti in condizioni ottimali, ovvero in laboratorio. Sono molteplici le fonti di interferenza e di ostacolo che degradano le prestazioni e la portata di un network wireless. Tra queste, l’impiego del medesimo canale da parte di altre reti WiFi presenti nelle vicinanze, i materiali utilizzati per la costruzione dell’abitazione, l’uso di forni a microonde, di telefoni cordless, di ripetitori TV domestici.

È possibile seguire alcuni accorgimenti tecnici e affidarsi a soluzioni che consentono di ottenere prestazioni migliori. Prima di fornire indicazioni utili in tal senso, è opportuno precisare che per Wi-Fi si intendono la tecnica e i dispositivi che permettono a computer, cellulari, tablet e altri terminali di collegarsi tra loro attraverso una rete locale in modalità wireless sulla base delle specifiche dello standard IEEE 802.11. Per accedere a Internet, è necessario che il network wireless sia collegato a una fonte di connettività a banda larga via cavo (ADSL, HDSL, Fibra Ottica) o via satellite. La rete locale, quindi, deve essere interlacciata alla rete Internet tramite un dispositivo ricetrasmittente (router, Access Point etc). La capacità di trasmissione è limitata da normative specifiche di sicurezza. Per approfondimenti, si consiglia di prendere visione della voce Wi-Fi di Wikipedia e di fare riferimento ai siti web della Wi-Fi Alliance e della Wireless Broadband Alliance.

 

Per estendere la portata di una rete WiFi domestica è innanzitutto opportuno individuare le proprie specifiche esigenze: quali sono le stanze che si vogliono raggiungere? Il segnale Wi-Fi deve coprire l’intera abitazione oppure solo determinati ambienti? Si vuole avere la possibilità di connettersi a Internet tramite Wi-Fi anche in giardino o in locali adiacenti all’abitazione? In linea generale, la posizione del router deve essere la più centrale possibile in senso verticale e orizzontale rispetto all’intera area che si intende coprire. Fondamentale è anche la scelta del router WiFi. In linea di massima, dotarsi di un router Wi-Fi con supporto per lo standard IEEE 802.11n dovrebbe garantire una copertura piuttosto estesa. È possibile ampliare il raggio d’azione del segnale impiegando un cosiddetto range extender/expander. Si tratta di un dispositivo che ripete il segnale wireless di un router o di un Access Point allo scopo di fornire la connettività Internet in aree altrimenti difficili da raggiungere in modalità senza fili.

Bisogna prestare attenzione anche alle antenne in dotazione al router Wi-Fi di riferimento. Spesso, infatti, i produttori impiegano antenne economiche che non consentono di godere di una sufficiente estensione di portata del segnale. Alcuni router WiFi sono dotati di antenne removibili. Pertanto, è possibile sostituire quelle incluse nella confezione di vendita con delle antenne nuove capaci di garantire una maggiore portata. Si consiglia di verificare se il produttore commercializza antenne originali migliori compatibili con il router Wi-Fi acquistato. In alternativa, ci si può orientare verso le antenne universali proposte sul mercato, fermo restando di chiedere informazioni in merito alla compatibilità e agli standard wireless supportati.

È altresì possibile costruire un’antenna in proprio. Vi sono esperienze pratiche che confermano la bontà di questa soluzione. Per esempio, l’esperienza avviata dalla comunità Napoli Wireless, nata con l’intento di promuovere le tecnologie wireless in Campania e di coordinare la sperimentazione di una rete privata a livello cittadino e regionale. Un’apposita sezione del sito web di Napoli Wireless è proprio dedicata alle antenne fai da te: la Cantenna (antenna a barattolo), l’antenna direzionale The Pastiera Short Backfire, le antenne omnidirezionali Collinare verticale e Spider. Un’antenna omnidirezionale spazia in ogni direzione alla ricerca dei client disponibili nel suo raggio d’azione. La possibilità di agganciare il segnale, dunque, è superiore rispetto a quella assicurata da un’antenna direzionale. Tuttavia, aumentano anche i rischi di interferenza, proprio perché un’antenna omnidirezionale setaccia in ogni direzione. Il dispositivo fai da te più semplice da costruire e quasi a costo zero è la Mini Parabola, che può essere realizzata con della carta stagnola da cucina o con una lattina di birra.

 

Tariffe correlate
Absolute Adsl
26.95€/mese
Dettagli
Home Pack Full ADSL con Sky
29.00€/mese
Dettagli
Tutto
29.00€/mese
Dettagli

Commenti Facebook:

Sos Tariffe S.r.l. - P.Iva 07049740967 - È vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica. © 2008 - 2014