Conti correnti senza imposta di bollo a confronto

Diverse banche propongono un conto senza l’imposta di bollo: quest'ultima in genere non deve essere pagata se il conto corrente presenta un valore di giacenza media inferiore ai 5.000 euro ("no tax area").

Ultimo aggiornamento tariffe: 24/02/2024
Canone zero il primo anno

Conto Fineco

Conto corrente multivaluta
Condizioni speciali per Under 30
Online e via Fineco App
Imposta di bollo: Gratuita
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Annuncio sponsorizzato
4% lordo di remunerazione sul saldo e 4% di cashback fino al 31/01/2025*

Conto Corrente BBVA

Conto e Carta BBVA a zero spese per sempre
Daily banking a 0€ con Bonifici istantanei a 0€
4% di cashback senza condizioni
Paga a rate con Pay&Plan
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Canone conto a zero!

Conto Corrente Arancio

Canone Carta di Debito gratis
Apple Pay e Google Pay
Imposta di bollo: Gratuita
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Piano Over 35

Conto BPER On Demand

Canone 0€ per i primi 3 mesi, poi resta 0€ se accrediti stipendio/pensione
Consulenza dedicata online o in filiale
Bonifici online illimitati a 0€ inclusi
Carta di debito internazionale Plus Mastercard inclusa a canone zero
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Piano Under 35

Conto BPER On Demand

Carta di debito internazionale Plus Mastercard inclusa a canone zero
Consulenza dedicata online o in filiale
Bonifici online illimitati a 0€ inclusi
Prelievi illimitati a 0€ dagli oltre 2.400 ATM del Gruppo BPER Banca
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno

Conto Standard

Trasferimenti senza commissioni ad altri titolari di conti Western Union
Carta di Debito Visa Platinum gratuita
Offerte speciali da Digital Banking e partner
Imposta di bollo: Non applicabile
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Tasso annuo lordo del 4,00% sui vincoli a 3, 6, 12 mesi

Conto Corrente Widiba

Apertura conto anche tramite SPID
Pec e firma digitale incluse
Pagamenti con Google Pay
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Per i nuovi clienti 3,50% lordo per sei mesi

ControCorrente Semplice

Carta di debito inclusa
Canone azzerabile con accredito, giacenza maggiore di 5.000 € o vincolo
Imposta di bollo: Gratuita
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Cashback VISA fino a 100€ e Welcome Bonus di 50€

Conto Crédit Agricole Online

Carta di Debito a canone gratuito richiedibile online
Welcome Bonus di 50€
Imposta di bollo: Gratuita
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno
Fino a 100€ di bonus

Conto Corrente

Carta Mastercard, trasferimenti istantanei e bonifici SEPA
Pagamenti in modalità contactless da Smartphone e Smartwatch
Imposta di bollo: sempre gratuita
Imposta di bollo: Gratuita
Canone annuo
gratuito
Gratis e senza impegno

I migliori conti correnti senza imposta di bollo a febbraio 2024

In tabella, qui di seguito, vengono riepilogati i migliori conti senza imposta di bollo del momento:

CONTO CORRENTE SENZA BOLLO

SERVIZI INCLUSI

COSTO ANNUO

Conto Corrente Tinaba

  • Conto e Carta BBVA a zero spese per sempre
  • Daily banking a 0€ con Bonifici istantanei a 0€
  • Paga a rate con Pay&Plan
  • 4% di cashback senza condizioni
  • 0 euro

Conto Corrente Arancio

  • Canone Carta di Debito gratis
  • Apple Pay e Google Pay
  • Bonifico online gratis
  • 0 euro

Conto Fineco

  • Conto corrente multivaluta
  • Condizioni speciali per Under 30
  • Bonifico online gratis
  • 0 euro

L’imposta di bollo sul conto corrente viene applicata al momento dell’emissione dell’estratto conto o del rendiconto; in caso di assenza di un rendiconto annuale è applicata al 31 dicembre di ogni anno. Per le persone fisiche, l'ammontare dell’imposta di bollo è di 34,20 euro.

In caso di rendicontazione semestrale o trimestrale l’importo dell’imposta viene suddiviso in un pagamento rateale, con rate di pari importo:

  • due rate da 17,10 euro in caso di rendicontazione semestrale;
  • quattro rate dall'importo di 8,55 euro ciascuna in caso di rendicontazione trimestrale.

Da notare, inoltre, che l’imposta di bollo sul conto corrente non è dovuta, per le persone fisiche, nel caso in cui la giacenza media sia inferiore a 5.000 euro. Per calcolare il valore medio, ai fini del pagamento dell’imposta, si considerano i saldi giornalieri del conto corrente per il numero di giorni di rendicontazione. Per i conti cointestati, il risultato va ponderato per la quota di detenzione del conto corrente.

La verifica della giacenza media, per valutare la possibile esenzione dal pagamento, deve essere effettuata in occasione di ogni estratto conto o rendiconto e deve essere riferita al periodo di rendicontazione. Il versamento dell’imposta di bollo sul conto corrente (se dovuta) non viene effettuato dal correntista. È la banca, infatti, che si occupa di effettuare il versamento di quanto dovuto. L’istituto, inoltre, tratterà dal saldo del conto corrente un importo pari all’imposta di bollo versata alle casse dello Stato.

L’interra procedura avviene in modo automatico. La banca effettua la verifica relativa al pagamento dell’imposta di bollo e, eventualmente, provvede ad effettuare il versamento, andando a trattenere l’importo relativo alla tassa dal saldo del conto corrente. Se le condizioni contrattuali del conto prevedono che l’imposta si a carico della banca, invece, l’istituto non tratterà l’importo della tassa dal conto corrente ma effettuerà ugualmente il versamento, se l’imposta è dovuta.

Come non pagare l'imposta di bollo sui conti correnti?

Per poter azzerare l’imposta di bollo sul conto corrente  ci sono due modi:

  • avere una giacenza media del conto corrente sia inferiore ai 5.000 euro: al di sotto di questo limite, infatti, scatta l’esenzione. La verifica della giacenza media ai fini del pagamento dell’imposta di bollo va effettuata per ogni periodo di rendicontazione.

Un esempio pratico:

In caso di rendicontazione semestrale vengono effettuate due verifiche annuali. Se nel corso del primo semestre la giacenza dovesse risultare superiore a 5.000 euro, il correntista sarà tenuto al pagamento dell’imposta di bollo nella misura ridotta del 50% (quindi 17,10 euro). In caso di giacenza inferiore ai 5.000 euro nel secondo semestre, invece, la seconda parte dell’imposta non sarà dovuta per l’anno in corso.

  • scegliere un conto corrente con imposta di bollo a carico della banca, anche in caso di giacenza superiore ai 5.000 euro al termine di un periodo di rendicontazione. Anche i titolari di un conto corrente di base con ISEE inferiore a 11.600 euro hanno la possibilità di beneficiare dell’azzeramento dell’imposta di bollo.

Domande Correlate

Quanto costa avere più di € 5000 sul conto corrente?

I titolari di un conto corrente con rendicontazione annuale pagano un solo addebito annuale di 34,20 euro quando la giacenza media risulta superiore ai 5.000 euro. In caso di invio dell'estratto conto semestrale o trimestrale l’importo deve essere pagato a ratea di pari importo: due rate da 17,10 euro nel primo caso e quattro rate da 8,55 euro ciascuna nel secondo.

Alcune delle recensioni che ci rendono più orgogliosi:
Eccezionale
Basata su 4845 recensioni
Ottima esperienza per i...

Avevo bisogno di cambiare operatore per passare dal mercato tutelato al mercato liber...

Martelli Soluzioni Assicurativ
Valutata 4.4 su 5 sulla base di 4845 recensioni su