Accumulatori per fotovoltaico: come funzionano e quanto costano


L’impianto fotovoltaico può essere corredato da un sistema di accumulo, in inglese storage. L’accumulatore è una sorta di pila elettrica. Una vera e propria batteria che conserva l’energia non consumata all’istante, per adoperarla in un secondo momento.

Cos’è il sistema di accumulo

Si tratta di una riserva energetica che serve alla famiglia per usufruire in qualsiasi momento della corrente elettrica auto-prodotta. Anche di sera e di notte, quando cioè i pannelli fotovoltaici sono spenti e inattivi, per evitare di attingere alla rete elettrica nazionale.

Inoltre, se le batterie sono del tutto cariche, ma c’è comunque un eccesso di energia non consumato al momento, questo viene ceduto alla rete e rimborsato in base al meccanismo dello scambio sul posto.

Come funziona

I sistemi di accumulo sono un’invenzione recente. Si possono installare subito insieme all’impianto fotovoltaico o aggiungere in un secondo momento, godendo delle detrazioni fiscali Irpef al 50%.

Un sistema di accumulo è composto da due dispositivi, l’inverter e l’accumulo (il cosiddetto pacco batterie).

Ad essi si aggiungono altri accessori, come il sensore di misura amperometrico. L’inverter converte la corrente prodotta dai pannelli, trasformandola da continua ad alternata. Talvolta emette un lieve ronzio.

L’inverter può essere installato all’esterno o nel sottotetto, l’importante è che sia vicino ai pannelli, in un locale isolato e ventilato, né troppo freddo né troppo caldo (tra i 5°C e i 40°C).

Esistono diversi sistemi di storage in base al metodo di accumulo: meccanico, elettrico, termico, chimico, elettrochimico. Quest’ultima tecnologia è finora la più diffusa ed efficace.

Le batterie più usate e durature sono quelle agli ioni di litio (Li-Ion).

Quanto costa

È importante scegliere con cura la taglia del pacco batterie da installare in casa in base alla capacità utile di accumulo che è lievemente inferiore alla capacità dichiarata.

I prezzi di questa tecnologia nuova, ancora abbastanza elevati, variano in base a vari fattori, tra cui: il materiale (piombo o litio), la capacità, la garanzia (misurata in anni e cicli) e le eventuali funzionalità extra come ad esempio applicazioni per dispositivi mobili per gestire da remoto gli elettrodomestici collegati all’impianto.

Le batterie più diffuse sono quelle monodirezionali: si possono caricare solo dal fotovoltaico e non richiedono un contatore aggiuntivo. I dispositivi bidirezionali, invece, si caricano anche dalla rete.

La prima cosa da fare è dunque delineare il profilo dei propri consumi, su base giornaliera, mensile e annuale, consultando le bollette degli ultimi 12 o 24 mesi (considerando anche le diverse fasce orarie di consumo, F1, F2-F3) per scegliere la taglia adatta alle nostre esigenze, magari privilegiando batterie espandibili in un secondo tempo.

Poi affidarsi ad un tecnico specializzato per valutare l’opzione migliore. I prezzi di un sistema completo di batteria al litio, inverter e componenti elettronici, ha un prezzo che oscilla tra gli 800 e i 1.200 €/kWh circa.

Se invece optiamo per una batteria al piombo (le prime in commercio, economiche ma meno durature e più ingombranti) i costi si aggirano tra i 400 e 700 € /kWh circa.

Scopri i prezzi per installare pannelli fotovoltaici a casa Vai

Bonus elettrodomestici senza ristrutturazione: è possibile?

L'agevolazione riconfermata dal Governo Conte con la Legge di Bilancio 2020 prevede una detrazione IRPEF del 50% delle spese per nuovi elettrodomestici e mobili. Ecco come funziona il bonus e alcune risposte ai principali dubbi su questo incentivo

Superbonus 110% e salto di due classi energetiche: come approfittare dell'ecobonus

Il Superbonus, che garantisce la possibilità di ottenere detrazioni fiscali sino al 110% delle spese sostenute, può rappresentare l'occasione giusta per effettuare interventi per il miglioramento dell'efficienza energetica in casa. Uno dei requisiti per accedere al Superbonus è rappresentato al miglioramento di almeno due classi energetiche dell'edificio (o dal raggiungimento della classe energetica più alta). Ecco come approfittare del nuovo ecobonus ed effettuare interventi di efficientamento energetico con la possibilità di poter contare sulla detrazione fiscale al 110%.

Bonus condizionatori 2020: ecobonus dal 50% al 110%, come funzionano

A disposizione di tutti i contribuenti che effettuano l'acquisto di un condizionatore c'è la possibilità di ottenere una serie di agevolazioni fiscali. Le soluzioni a disposizione sono diverse e, in base alle proprie esigenze, sarà possibile accedere all'Ecobonus più adatto. Ecco come ottenere il bonus condizionatori 2020 e a quanto ammonta l'Ecobonus a disposizione in base alla tipologia di acquisto effettuato.