di

Wind, vicina la cessione delle torre mobili?

Secondo la stampa specializzata, inizierà a breve la dismissione delle torri mobili di Wind sul territorio nazionale italiano, dopo i rallentamenti dell'analoga asta per le infrastrutture di Telecom. Si tratta di un'operazione da circa 500 milioni di euro, che ha già incontrato l'interesse degli spagnoli di Abertis.

Wind, vicina la cessione delle torre mobili?

Il gruppo Abertis si occupa di infrastrutture e concessioni autostradali, e l’interesse verso le proprietà di Telecom e Wind sembra essere stato confermato dalle parole del direttore finanziario José Aljaro, che a margine della presentazione dei risultati trimestrali, ha definito «strategiche» proprio le attività di gestione delle infrastrutture di telecomunicazioni: le 10mila torri di trasmissione mobile in Italia potrebbero essere cruciali nel processo di rafforzamento nel settore.

Abertis è anche il primo operatore di torri telefoniche in Spagna, ma non è il solo potenziale acquirente ad aver messo gli occhi sulle dismissioni di Wind: della partita fa parte anche Ei Towers, società nata dalla fusione tra l’ex Dmt ed Elettronica Industriale del gruppo Mediaset, e alcuni fondi di private equity.

Confronta le offerte Wind »

Le dismissioni di Wind e Telecom fanno parte della più ampia strategia di scorporamento delle attività non strategiche, soprattutto per far fronte ai debiti (Wind ne ha ancora 9,2 miliardi, situazione finanziaria che ha fatto ipotizzare diverse mosse da parte dell’azionista russo Vimpelcom, tra cui la fusione con altri operatori come 3 Italia).

Commenti Facebook: