Wind e Google, accordo per il carrier billing

La partnership tra Google e Wind si rafforza: per i 22 milioni di clienti dell’operatore, ora acquistare contenuti e applicazioni su Google Play sarà ancora più semplice, e non richiederà carta di credito. Si pagherà infatti direttamente con il proprio conto telefonico, una novità per l’Italia.

Play-store
Gli acquisti su Google Play verranno addebitati direttamente sul conto telefonico

App, giochi, musica, film e libri saranno quindi a portata di mano degli utenti Wind senza le operazioni necessarie per l’acquisto con carta (e le relative preoccupazioni per la sicurezza). Una sinergia che diventa particolarmente comoda quando si dispone di Chromecast, la chiavetta HDMI per potersi godere direttamente sul proprio televisore i contenuti acquistati via smartphone.

Wind è del resto in prima linea nel settore del “Mobile Ticketing“, che con il marchio “Mobile Pay” permette ai suoi clienti, sempre con l’addebito su conto telefonico, di pagare trasporti pubblici, e in un futuro prossimo anche i parcheggi e gli accessi alle zone a traffico limitato.
Confronta le offerte di Wind
Questo del “carrier billing” è un passo importante per entrambe le società, secondo Edoardo Thermes, direttore Mobile Internet and Innovative Services di Wind: «per Google significa ampliare significativamente il proprio mercato con la sua offerta che comprende oltre 975.000 titoli tra app e giochi, 5 milioni di e-book e oltre 18 milioni di brani musicali. Per Wind significa, finalmente, a dare sostanza alla strategia di collaborazione costruttiva con gli OTT ed alla relativa opportunità di monetizzazione, aspetti su cui altri player si stanno ancora interrogando».

Commenti Facebook: