Wimax in Emilia Romagna, Lombardia Sicilia e altro

L’operatore Aria ha annunciato che le zone della Lombardia entro la fine del 2009 saranno coperte dalla tecnologia WiMax.

In specifico sarà disponibile nelle provincie di Brescia e Bergamo, Pavia, Lodi, Mantova e Cremona, Varese, Como e Sondrio e nell’hinterland milanese dove l’Adsl non è ancora arrivata.

Le offerte per i privati variano tra i 15 e i 20 euro al mese, mentre per le imprese il canone è di a 30 euro. Alle tariffe vanno aggiunti 3 o 5 euro per il noleggio del modem WiMax, a seconda della versione senza o con Wi-Fi. Mario Citelli, AD di Aria ha annunciato che la copertura verrà estesa entro l’anno anche in Veneto e in Puglia.

Linkem (che ha appena fatto un aumento di capitale sociale per 50 milioni al fine di sostenere gli investimenti di copertura di nuove zone) è presente già a Brescia, Bari, Latina e Crotone e l’obiettivo è di arrivare in Lombardia, Veneto, Lazio, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. 

In Sicilia l’unico operatore già attivo è Mandarin che punta alla copertura di tutta la regione.

Lo sviluppo tuttavia procede a rilento a causa della burocrazia, delle difficoltà di credito per le aziende, e a casua dei dubbi rischi sulla salute a cause delle onde radio.

re Aria ha annunciato che le zone della Lombardia entro la fine del 2009 saranno coperte dalla tecnologia WiMax.

In specifico sarà disponibile nelle provincie di Brescia e Bergamo, Pavia, Lodi, Mantova e Cremona, Varese, Como e Sondrio e nell’hinterland milanese dove l’Adsl non è ancora arrivata.

Le offerte per i privati variano tra i 15 e i 20 euro al mese, mentre per le imprese il canone è di a 30 euro. Alle tariffe vanno aggiunti 3 o 5 euro per il noleggio del modem WiMax, a seconda della versione senza o con Wi-Fi. Mario Citelli, AD di Aria ha annunciato che la copertura verrà estesa entro l’anno anche in Veneto e in Puglia.

Linkem (che ha appena fatto un aumento di capitale sociale per 50 milioni al fine di sostenere gli investimenti di copertura di nuove zone) è presente già a Brescia, Bari, Latina e Crotone e l’obiettivo è di arrivare in Lombardia, Veneto, Lazio, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. 

In Sicilia l’unico operatore già attivo è Mandarin che punta alla copertura di tutta la regione.

Lo sviluppo tuttavia procede a rilento a causa della burocrazia, delle difficoltà di credito per le aziende, e a casua dei dubbi rischi sulla salute a cause delle onde radio.

Commenti Facebook: