Wi-fi libero con il decreto del Fare

Dopo tanti tentennamenti, la liberalizzazione del Wi-fi ha finalmente ottenuto il via libera: sarà quindi possibile collegarsi nei luoghi pubblici e negli esercizi privati (bar, ristoranti, ecc.) senza necessità di alcuna autenticazione. Scopri tutte le novità grazie a SosTariffe.it. 

wi-fi-4

Un passaggio, quello di cui sopra, che era già stato posto in cantina dopo la decadenza di alcune disposizioni del decreto Pisanu, ma che oggi è stato esplicitato attraverso la nuova iniziativa del governo Letta, che prevedeva originariamente anche il tracciamento dei codici.

In tal proposito, il nuovo tenore letterale dell’art. 10 del decreto recita che “l’offerta di accesso alla rete Internet al pubblico tramite rete Wi-Fi non richiede l’identificazione personale degli utilizzatori. Quando l’offerta di accesso non costituisce l’attività commerciale prevalente del gestore del servizio, non trovano applicazione l’articolo 25 del codice delle comunicazioni elettroniche di cui al decreto legislativo 1° gennaio 2003, n. 259 e successive modificazioni, e l’articolo 7 del decreto legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, e successive modificazioni”.

Una mossa dovuta nei confronti della piena liberalizzazione del servizio Wi-fi, che potrebbe finalmente snellire le possibilità di accesso al web da parte dei fruitori del web. Continueremo a monitorare l’evoluzione dell’accessibilità a internet Wi-fi anche nel corso delle prossime settimane.

Scopri le offerte per navigare in Wi-fi

Commenti Facebook: