Vodafone Wind Fastweb NGN, Fibra per l’Italia

Si è svolta a Milano la conferenza stampa per la presentazione del progetto NGN per il quale è prevista la realizzazione in Italia di una infrastruttura di rete in fibra ottica.

Erano presenti gli amministratori delegati di Vodafone, Paolo Bertoluzzo, Wind, Luigi Gubitosi e Fastweb,Carsten Schloter.

Il progetto NGN, aperto a tutti i soggetti pubblici e privati, prevede la copertura di 15 maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Catania, Venezia, Verona) per raggiungere 10 milioni di persone entro cinque anni. Successivamente si potrà estendere il cablaggio alle città con più di 20 mila abitanti, raggiungendo così il 50% circa della popolazione italiana. Si parte dall’area della Collina Fleming a Roma

Ecco i contenuti della presentazione:

Realizzare la Rete in Fibra per l’Italia
• Guardare al futuro e portare l’Italia tra i Paesi leader nei servizi a Banda Larga ammodernando un’infrastruttura strategica per il Paese
• Garantire ai cittadini, alle imprese e al sistema pubblico un’infrastruttura che consentirà efficienza, produttività
e innovazione
• Avviare un processo economico virtuoso che assicuri crescita e lavoro per i prossimi anni in un’area altamente strategica
• Generare ulteriore crescita e occupazione in tutti i settori economici

Come deve essere la Rete del futuro ?

Unica
L’ingente quantità di investimenti necessaria per la sua realizzazione e il rilevante impatto urbano non consentono la realizzazione di più reti in concorrenza

FTTH
Fiber To The Home. La rete in fibra deve raggiungere direttamente le case e le imprese

APERTA
Tutti gli operatori devono poter avere accesso alla rete per offrire servizi in concorrenza

EFFICIENTE
Per ridurre i costi di manutenzione e di esercizio: passare alla Fibra è meno costoso che manutenere il Rame e di ciò ne beneficeranno il Mercato e i Clienti

AD ALTE PRESTAZIONI
Per fornire connessioni sempre più veloci, per qualsiasi tipo di servizio che sarà disponibile sulla rete per i prossimi…100 anni.

La crescita della domanda ed i nuovi servizi richiedono la Rete in Fibra

crescita-traffico-dati-petabyte
• I servizi di domani necessitano di una rete moderna, soprattutto in aree urbane ad alta concentrazione:
• Imprese: Cloud computing, connessione data centers, Video conferenze, unified communication • Pubblica Amministrazione: servizi di e-government, e-health, sistemi di controllo, market place,
outsourcing • Famiglie: nuovi servizi video, Cloud computing, scuola, sanità, altri servizi pubblici

architetture-ftth

Il Progetto FTTH Punto Punto sul campo

  • Proprietà della Rete congiunta tra gli Operatori
  • Tutti i clienti degli Operatori partecipanti verranno migrati dalla rete in Rame alla nuova rete in Fibra
  • Ogni Operatore offrirà i propri servizi in modo indipendente, pur utilizzando la stessa infrastruttura in Fibra
  • Unbundling in Centrale dei “doppini in Fibra” per Clienti che passano da un Operatore all’altro
  • Realizzazione di una rete in Fibra Ottica con collegamento FTTH Punto-Punto dedicato dalla centrale alla casa del cliente
  • Obiettivo di collegare entro luglio le prime unità abitative del Quartiere Fleming a Roma, ~ 7.400 unità immobiliari

Realizzare la rete in Fibra costa meno che manutenere la rete in Rame se la migrazione è totale

• La massima efficienza della rete FTTH si ottiene se tutti i clienti migrano su fibra
• Una linea FTTH ha così un costo complessivo inferiore al solo costo di manutenzione del Rame
• Per recuperare i costi di una linea Fibra, il canone ULL Fibra può essere inferiore all’attuale costo ULL Rame
• Migrazione totale assicura prevedibilita’ dei ricavi sull’investimento, minimizzandone il rischio

confronto-costo-fibra-rame
La Fibra per tutti modernizza la Rete degli Italiani senza aggravi di costi

newco-societa-gestione-fibra

Il Progetto Comune è economicamente sostenibile, modulabile in funzione della disponibilità finanziaria

copertura-fibra-NGN

Prima Fase (a sinistra nella foto) 15 maggiori Città: ~10 milioni abitanti •  Realizzazione in 5 anni •  Investimenti: ~ 2,5 miliardi di euro •  Periodo di pareggio finanziario: 9 anni

Seconda Fase (a destra nella foto) 500 Comuni più grandi: ~30 milioni abitanti •  Realizzazione in 5-10 anni •  Investimenti: ~ 8,5 miliardi di euro •  Periodo di pareggio finanziario: 11 anni

Valutazioni con FTTH Punto-Punto a tutti i Clienti:

• I Clienti finali pagano prezzi equivalenti su Fibra e su Rame

• La Società della Fibra fissa per gli Operatori un canone di unbundling pari all’attuale in rame, azzerandone l’ammontare
per i primi 30 mesi per favorire la migrazione

Fastweb, Vodafone e Wind sono pronti a fare la propria parte a condizione che siano chiare le scelte per il Mercato e la Regolamentazione

• Partecipare alla definizione del Progetto Comune, in termini di pianificazione delle attività e di condivisione del know-how
• Partecipare economicamente al capitale della Società per la Fibra in funzione della partecipazione degli altri Soggetti Pubblici e Privati e della conseguente sostenibilità economica
• Migrare i propri clienti dal Rame alla Fibra non appena disponibile la nuova infrastruttura
• Avviare un test per dimostrare la validità dell’approccio operativo (Roma Fleming):

    • Rete unica per tutti gli Operatori
    • Architettura Punto-Punto, con full unbundling
    • Migrazione della totalità dei clienti

Collaborare verso il Progetto Comune alle opportune condizioni di neutralità economica e nell’ambito di un quadro regolamentare chiaro per la migrazione verso la Fibra

E’ necessario quindi:

A. Non accrescere artatamente la profittabilità della “vecchia rete” in Rame

  • Stabilizzare le condizioni economiche wholesale esistenti: no ad ulteriori aumenti dei costi wholesale (ULL; WLR; Bitstream; Co- location; terminazione su rete Telecom Italia)
  • Evitare ulteriori vantaggi economici e competitivi da parte dell’operatore dominante (applicare subito i test di prezzo per le offerte bundled)
  • Mantenere prezzi wholesale medi nazionali: no differenziazione geografica

B. Garantire efficienti meccanismi di transizione da Rame a Fibra

  • Effettuare switch over graduale da Rame a Fibra con Piano Comune e Business Plan condivisi con il Mercato
  • Facilitare economicamente la migrazione dalla vecchia rete in Rame alla nuova rete in Fibra

C. Favorire competizione sulla rete di accesso in Fibra

  • Accesso disaggregato ad elementi attivi e passivi (canaline, dark fiber, …)
  • Piena applicazione della equivalence of inputs
  • Definizione offerta ULL Fibra
  • Divieto di lancio offerte Retail Fibra non replicabili

a a Milano la conferenza stampa per la presentazione del progetto NGN per il quale è prevista la realizzazione in Italia di una infrastruttura di rete in fibra ottica.

Erano presenti gli amministratori delegati di Vodafone, Paolo Bertoluzzo, Wind, Luigi Gubitosi e Fastweb,Carsten Schloter.

Il progetto NGN, aperto a tutti i soggetti pubblici e privati, prevede la copertura di 15 maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Catania, Venezia, Verona) per raggiungere 10 milioni di persone entro cinque anni. Successivamente si potrà estendere il cablaggio alle città con più di 20 mila abitanti, raggiungendo così il 50% circa della popolazione italiana. Si parte dall’area della Collina Fleming a Roma

Ecco i contenuti della presentazione:

Realizzare la Rete in Fibra per l’Italia
• Guardare al futuro e portare l’Italia tra i Paesi leader nei servizi a Banda Larga ammodernando un’infrastruttura strategica per il Paese
• Garantire ai cittadini, alle imprese e al sistema pubblico un’infrastruttura che consentirà efficienza, produttività
e innovazione
• Avviare un processo economico virtuoso che assicuri crescita e lavoro per i prossimi anni in un’area altamente strategica
• Generare ulteriore crescita e occupazione in tutti i settori economici

Come deve essere la Rete del futuro ?

Unica
L’ingente quantità di investimenti necessaria per la sua realizzazione e il rilevante impatto urbano non consentono la realizzazione di più reti in concorrenza

FTTH
Fiber To The Home. La rete in fibra deve raggiungere direttamente le case e le imprese

APERTA
Tutti gli operatori devono poter avere accesso alla rete per offrire servizi in concorrenza

EFFICIENTE
Per ridurre i costi di manutenzione e di esercizio: passare alla Fibra è meno costoso che manutenere il Rame e di ciò ne beneficeranno il Mercato e i Clienti

AD ALTE PRESTAZIONI
Per fornire connessioni sempre più veloci, per qualsiasi tipo di servizio che sarà disponibile sulla rete per i prossimi…100 anni.

La crescita della domanda ed i nuovi servizi richiedono la Rete in Fibra

crescita-traffico-dati-petabyte
• I servizi di domani necessitano di una rete moderna, soprattutto in aree urbane ad alta concentrazione:
• Imprese: Cloud computing, connessione data centers, Video conferenze, unified communication • Pubblica Amministrazione: servizi di e-government, e-health, sistemi di controllo, market place,
outsourcing • Famiglie: nuovi servizi video, Cloud computing, scuola, sanità, altri servizi pubblici

architetture-ftth

Il Progetto FTTH Punto Punto sul campo

  • Proprietà della Rete congiunta tra gli Operatori
  • Tutti i clienti degli Operatori partecipanti verranno migrati dalla rete in Rame alla nuova rete in Fibra
  • Ogni Operatore offrirà i propri servizi in modo indipendente, pur utilizzando la stessa infrastruttura in Fibra
  • Unbundling in Centrale dei “doppini in Fibra” per Clienti che passano da un Operatore all’altro
  • Realizzazione di una rete in Fibra Ottica con collegamento FTTH Punto-Punto dedicato dalla centrale alla casa del cliente
  • Obiettivo di collegare entro luglio le prime unità abitative del Quartiere Fleming a Roma, ~ 7.400 unità immobiliari

Realizzare la rete in Fibra costa meno che manutenere la rete in Rame se la migrazione è totale

• La massima efficienza della rete FTTH si ottiene se tutti i clienti migrano su fibra
• Una linea FTTH ha così un costo complessivo inferiore al solo costo di manutenzione del Rame
• Per recuperare i costi di una linea Fibra, il canone ULL Fibra può essere inferiore all’attuale costo ULL Rame
• Migrazione totale assicura prevedibilita’ dei ricavi sull’investimento, minimizzandone il rischio

confronto-costo-fibra-rame
La Fibra per tutti modernizza la Rete degli Italiani senza aggravi di costi

newco-societa-gestione-fibra

Il Progetto Comune è economicamente sostenibile, modulabile in funzione della disponibilità finanziaria

copertura-fibra-NGN

Prima Fase (a sinistra nella foto) 15 maggiori Città: ~10 milioni abitanti •  Realizzazione in 5 anni •  Investimenti: ~ 2,5 miliardi di euro •  Periodo di pareggio finanziario: 9 anni

Seconda Fase (a destra nella foto) 500 Comuni più grandi: ~30 milioni abitanti •  Realizzazione in 5-10 anni •  Investimenti: ~ 8,5 miliardi di euro •  Periodo di pareggio finanziario: 11 anni

Valutazioni con FTTH Punto-Punto a tutti i Clienti:

• I Clienti finali pagano prezzi equivalenti su Fibra e su Rame

• La Società della Fibra fissa per gli Operatori un canone di unbundling pari all’attuale in rame, azzerandone l’ammontare
per i primi 30 mesi per favorire la migrazione

Fastweb, Vodafone e Wind sono pronti a fare la propria parte a condizione che siano chiare le scelte per il Mercato e la Regolamentazione

• Partecipare alla definizione del Progetto Comune, in termini di pianificazione delle attività e di condivisione del know-how
• Partecipare economicamente al capitale della Società per la Fibra in funzione della partecipazione degli altri Soggetti Pubblici e Privati e della conseguente sostenibilità economica
• Migrare i propri clienti dal Rame alla Fibra non appena disponibile la nuova infrastruttura
• Avviare un test per dimostrare la validità dell’approccio operativo (Roma Fleming):

    • Rete unica per tutti gli Operatori
    • Architettura Punto-Punto, con full unbundling
    • Migrazione della totalità dei clienti

Collaborare verso il Progetto Comune alle opportune condizioni di neutralità economica e nell’ambito di un quadro regolamentare chiaro per la migrazione verso la Fibra

E’ necessario quindi:

A. Non accrescere artatamente la profittabilità della “vecchia rete” in Rame

  • Stabilizzare le condizioni economiche wholesale esistenti: no ad ulteriori aumenti dei costi wholesale (ULL; WLR; Bitstream; Co- location; terminazione su rete Telecom Italia)
  • Evitare ulteriori vantaggi economici e competitivi da parte dell’operatore dominante (applicare subito i test di prezzo per le offerte bundled)
  • Mantenere prezzi wholesale medi nazionali: no differenziazione geografica

B. Garantire efficienti meccanismi di transizione da Rame a Fibra

  • Effettuare switch over graduale da Rame a Fibra con Piano Comune e Business Plan condivisi con il Mercato
  • Facilitare economicamente la migrazione dalla vecchia rete in Rame alla nuova rete in Fibra

C. Favorire competizione sulla rete di accesso in Fibra

  • Accesso disaggregato ad elementi attivi e passivi (canaline, dark fiber, …)
  • Piena applicazione della equivalence of inputs
  • Definizione offerta ULL Fibra
  • Divieto di lancio offerte Retail Fibra non replicabili

Commenti Facebook: