Vodafone Booster: come portare il segnale 3G nelle zone non coperte

La compagnia telefonica Vodafone Italia ha lanciato due nuovi prodotti che consentiranno di portare il segnale mobile del carrier anche nei punti dove c’è scarsa ricezione: stiamo parlando di Vodafone Booster, disponibile nelle versioni V2.0c e V1.5e.

Vediamo prima di tutto di cosa si tratta e qual è il suo funzionamento: Vodafone Booster è un device che consente di avere una copertura dedicata UMTS/HSDPA, grazie alle femtocelle, che amplificano il segnale e lo fanno arrivare anche nei punti meno coperti.

In questo modo, quindi, si potrà chiamare, inviare messaggi, navigare su Internet senza problemi e abilitare fino a 32 numeri a scelta (ovviamente Vodafone) per poter condividere la copertura, senza alcun costo aggiuntivo.

vodafone-booster

Il Vodafone Booster V2.0c è concepito per appartamenti, negozi e uffici di piccoli dimensioni, garantisce una copertura massima di 90 metri quadri e fino a 4 connessioni contemporaneamente. Il Vodafone Booster V1.5e è particolarmente adatto, invece, per le case con più piani e le aziende, fino ad una copertura massima di 500 metri quadri e 8 connessioni contemporanee.

Per poter utilizzare i dispositivi sono necessarie due cose: avere un telefono o un device dotato del supporto per le reti 3G e HSDPA. Inoltre si dovrà avere una linea ADSL con un contributo mensile fisso.

Il Vodafone Booster ha un prezzo di 169 euro nella versione V2.0c, mentre la V1.5e si potrà acquistare a 549 euro. Per l’utenza con Partita IVA e la clientela aziendale, si potranno acquistare in abbonamento a 5 euro al mese per il V2.0c oppure a 19 euro al mese per il V1.5e (contratto di 24 mesi).

Per ora i Vodafone Booster non sono acquistabili sul sito ma cliccando sul pulsante Avvisami si riceveranno informazioni tempestive non appena saranno disponibili.

Commenti Facebook: