Vodafone blocca i servizi con sovrapprezzo: tutte le novità

Vodafone, servizi con sovrapprezzo: l'operatore in rosso dal 30 aprile applicherà un blocco automatico alla loro attivazione, che si potrà sempre disattivare

Vodafone blocca i servizi con sovrapprezzo: tutte le novità

Grandi notizie per gli utenti Vodafone e di telefonia mobile in generale. A breve diventerà sostanzialmente impossibile attivare per errore i cosiddetti servizi con sovrapprezzo. Non è infatti raro che navigando in Internet sul telefono si finisca per cliccare su link poco chiari o nascosti tra immagini e video e ritrovarsi poi a pagare per l’invio di contenuti multimediali a cui non siamo per niente interessati. Il tasto per l’attivazione dei servizi con sovrapprezzo infatti viene spesso mascherato con abili stratagemmi o proposto in maniera truffaldina.

Lo scorso febbraio l’AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) ha finalmente preso provvedimenti al riguardo, obbligando tutti gli operatori a prevede il blocco automatico dei servizi con sovrapprezzo. Vodafone è stata tra le prime aziende a muoversi in questo senso, avviando una campagna informativa per i suoi clienti che annuncia la novità, mentre altri come WindTre hanno già un certo ritardo nel mettersi in pari con le istruzioni dell’AGCOM.

Confronta le offerte di Vodafone »

Vodafone, servizi con sovrapprezzo: cosa sono e come funzionano

I servizi con sovrapprezzo, detti anche Premium, a valore aggiunto o più semplicemente VAS, sono quelli che applicano specifiche tariffe per usufruire di contenuti digitali e permettono di personalizzare il proprio telefono. Per attivare tali servizi bisogna seguire la procedura descritta sul sito del fornitore attraverso la navigazione Internet o tramite SMS e inserire un codice temporaneo OTP (One Time Password) che si riceve sempre via SMS.

Nello specifico parliamo di piattaforme che permettono di ricevere suonerie, oroscopi, sfondi, previsioni meteo, news e contenuti simili. Per quanto riguarda gli utenti Vodafone, l’addebito del costo di tali servizi avviene in fattura non fiscale per le SIM in abbonamento o su credito telefonico per le tariffe Ricaricabili. Dato che l’utilizzo di tali servizi comporta un costo che si va ad aggiungere a quello previsto per i servizi di telefonia mobile, è sempre opportuno verificare le condizione di adesione prima di procedere all’acquisto.

I clienti Vodafone possono controllare i servizi VAS attivi sulla SIM, ed eventualmente procedere alla loro attivazione, accedendo da mobile e web al sito servizidigitali.vodafone.it o attraverso l’app My Vodafone, dopo aver effettuato il login con nome utente e password, dalla sezione Servizi Digitali.

Fino ad oggi era possibile attivare i servizi VAS solo se sulla linea non era attivo l’apposito blocco, che a breve diventerà automatico per tutti i clienti dell’operatore in rosso. Non tutti attivano i servizi con sovrapprezzo per errore ma la decisione dell’AGCOM, che gli operatori devono rispettare se non vogliono incorrere in pesanti sanzioni, sembra non fare distinzione sulla volontarietà o meno dell’utente. Resta comunque sempre la possibilità di disattivare il blocco senza alcun costo.

Vodafone, servizi con sovrapprezzo: tutte le novità sul blocco automatico

Vodafone abiliterà gratuitamente un blocco automatico “su tutte le utenze mobili prepagate e post-pagate che inibirà l’addebito su conto telefonico o credito residuo” dei servizi a sovrapprezzo a partire dal 30 aprile ed entro il 31 maggio 2021.

L’iniziativa di Vodafone nasce dalla Delibera AGCOM 401/2o/CONS confermata da quella numero 10/21/CONS che nell’insieme recitano: “L’Autorità ha avviato una consultazione pubblica volta ad adottare misure atte a eliminare in radice l’attivazione inconsapevole di servizi premium. A tal fine sono stati proposti due interventi regolamentari: un blocco (barring) di default sulle SIM e cioè una inibizione all’acquisto che può essere rimossa solo da una previa ed espressa manifestazione di volontà dell’utente che intende realmente sottoscrivere tali servizi e una procedura atta a rinforzare la prova di acquisizione del consenso per renderlo documentabile. […] La delibera n. 10/21/CONS conferma l’impianto generale della misura sottoposta a consultazione pubblica dalla delibera 401/20/CONS e propone – sia per le nuove SIM, sia per quelle in essere – l’estensione del blocco di default a tutti i servizi digitali a contenuto in abbonamento.  Con riferimento alla prova di acquisizione del consenso si propone, in luogo delle 2 One Time Password previste in consultazione, l’invio di una singola OTP di almeno 5 cifre“.

Il blocco automatico dei servizi con sovrapprezzo permette comunque di accedere a servizi di mobile ticketing, SMS informativi bancari, televoto, donazioni, servizi postali privati e quelli che rientrano all’interno del servizio universale postale, servizi elettronici di recapito certificato e posta elettronica certificata (PEC).

Il blocco dei servizi VAS viene effettuato automaticamente da parte di Vodafone e quindi l’utente non dovrà fare nulla se vuole che si attivo sulla sua SIM. Al contrario, se si desidera avere la possibilità di attivarli in futuro, dovrà inviare un SMS al numero 3424042000 con il testo “Sblocco” entro il 25 aprile 2021. In alternativa, è possibile richiederne la disattivazione contattando TOBi, l’assistente personale digitale dell’operatore britannico da web o app My Vodafone. Coloro che hanno deciso per la disattivazione del blocco automatico possono comunque tornare sui propri passi in qualsiasi momento e gratuitamente contattando il Servizio Clienti di Vodafone al 190.

Gentile Cliente ti informiamo che, ai sensi della delibera AGCOM 10/21/CONS, sul tuo numero mobile verrà attivato gratuitamente un blocco automatico dei servizi a sovrapprezzo. Per mantenere la tua utenza abilitata all’acquisto di questi servizi, entro il 25 aprile invia un SMS al numero 342404200“, recita il messaggio inviato dall’operatore ai propri utenti.

Vodafone, servizi con sovrapprezzo: l’iniziativa Soddisfatti o Rimborsati Servizi VAS

I clienti Vodafone che hanno attivato per errore un servizio a sovrapprezzo e vogliano recuperare il credito speso per il loro utilizzo possono richiedere un rimborso grazie all’iniziativa “Soddisfatti o Rimborsati Servizi VAS“. L’offerta è valida sia per chi dispone di una SIM Ricaricabile sia in abbonamento.

In entrambi i casi è possibile ottenere un rimborso del costo sostenuto se si tratta della prima volta che si effettua la richiesta. I clienti Ricaricabile possono inoltre ottenere la restituzione dell’importo speso per errore se il servizio è stato attivato entro i 30 giorni precedenti. Per i clienti in abbonamento il limite di tempo è esteso ai precedenti 60 giorni.

L’iniziativa Soddisfatti o Rimborsati on si applica per SMS bancari, biglietti dei trasporti o per il parcheggio, televoto, donazioni e contenuti di cinema, serie TV e musica dell’offerta Vodafone Entertainment.

Commenti Facebook: