Visual Effects di Google Meet: come funziona

Smart-working e relazioni a distanza hanno reso ancora più popolari applicazioni per chiamate e video-chiamate online come Google Meet. In questa guida approfondiamo come funziona una delle sue estensioni più apprezzate, Visual Effects.

Come funziona Visual Effects di Google Meet

Le misure di distanziamento fisico imposte dall’attuale emergenza da Coronavirus hanno avuto un impatto molto significativo sulle modalità di relazione sociale. Soprattutto negli ambienti lavorativi, la necessità di adottare strumenti efficaci per la condivisione del lavoro e le riunioni sono diventati sempre più richiesti.

In questa guida, parliamo del servizio di chiamate e video-chiamate online Google Meet e in particolare dell’estensione Visual Effects, che consente di migliorare la qualità di ogni sessione grazie all’introduzione di speciali effetti visivi. Tra i più apprezzati, c’è la funzionalità “green screen”, che permette di utilizzare un fondale a scelta con la telecamera del vostro dispositivo.

Visual Effects di Google Meet: che cos’è

Visual Effects di Google Meet è un’estensione gratuita da installare su browser Chrome di Google e dedicata a migliorare le funzionalità e la qualità delle video-chiamate con Google Meet. Questa estensione vi consente di applicare una serie di effetti visivi speciali alla vostra telecamera.

Complici anche le conseguenze che l’emergenza sanitaria da Coronavirus ha avuto sulle abitudini lavorative e sulle relazioni sociali più in generale, questa estensione è particolarmente apprezzata per rendere più efficaci le video-chiamate, permettendo ad esempio di oscurare il fondale, oppure modificando i parametri della luce.

Ecco gli effetti visivi ad oggi disponibili con Visual Effects di Google Meet:

  • occhiali al viso della persona inquadrata;
  • testo sullo schermo;
  • funzione fermo immagine (freeze);
  • miglioramento del contrasto;
  • inversione dell’immagine;
  • pixelaggio dell’inquadratura;
  • sfocatura dell’immagine (blur);
  • funzione “green screen”.

Una delle funzionalità più apprezzate è quella dello “green screen”. Questo termine rimanda alla tecnica che viene utilizzata nel video-montaggio per sostituire o modificare il fondale di una ripresa. Grazie all’estensione Visual Effects, con Google Meet potrete caricare un’immagine a vostra scelta che apparirà come sfondo durante le video-chiamate effettuate tramite l’applicazione di Google.

È importante però ricordare che attualmente l’opzione “green screen” funziona in modo corretto solo se siete in possesso di un green screen fisico da posizionare dietro di voi. La barriera colorata consente infatti all’estensione di identificare facilmente la porzione di sfondo su cui applicare l’immagine da voi caricata. Questo non significa che non possiate utilizzare l’opzione anche in mancanza di “green screen” fisico, ma in questa condizione otterrete una resa qualitativamente più bassa.

Visual Effect di Google Meet: come funziona

Se siete incuriositi dalle potenzialità dell’estensione Visual Effects di Google Meet, vi spieghiamo come funziona e quali sono le caratteristiche e i passaggi necessari per procedere con l’installazione e il suo utilizzo.

Per quanto riguarda l’installazione, innanzi tutto dovrete assicurarvi di utilizzare un browser Chrome di Google. Chrome è l’applicazione per navigare su internet sviluppata dall’azienda americana. Esistono infatti altri browser, come Firefox e Safari. Se state utilizzando uno di questi due, non potrete al contrario installare e attivare l’estensione.

Detto questo, attraverso un browser Chrome, recatevi presso lo store online dedicato, ovvero il Chrome Web Store. Dalla Home, cliccate alla voce Estensioni e digitate nella barra di ricerca posta in alto a sinistra “Visual Effects”. Tra i primi risultati, troverete l’estensione che state cercando al nome di Visual Effects for Google Meet. A questo punto, potrete cliccare direttamente sul bottone blu posto a destra “Aggiungi a Chrome”. In alternativa, cliccate sul risultato per visualizzare la pagina dello store dedicata al prodotto gratuito. In questa sezione, potrete leggere alcune informazioni dedicate, gli ultimi aggiornamenti rilasciati dagli sviluppatori, le recensioni e visualizzare altre estensioni simili. Per procedere con l’installazione da questa pagina, vi basterà selezionare il bottone blu posto in alto a destra “Aggiungi a Chrome”.

L’utilizzo di Visual Effects all’interno dell’applicazione Google Meet è particolarmente semplice. Se avete effettuato l’installazione correttamente, all’avvio della schermata video di Google Meet potrete subito notare una tendina sulla sinistra con le opzioni di effetti visivi proposti. Per attivarli, vi basterà spuntare quello desiderato.

Infine, abbiamo già sottolineato come uno degli effetti più apprezzati sia quello del “green screen”, che permette di modificare il fondale della schermata video. Seguite questi passaggi per utilizzare questa funzionalità:

  1. attivate Google Meet;
  2. selezionate la voce “Impostazioni”;
  3. dal menu selezionato, cliccate alla voce “Background virtuale”;
  4. potrete scegliere uno dei fondali di default, cliccando sulle relative icone;
  5. selezionate o meno la casella “Ho un green screen” per consentire all’applicazione di ottimizzare le proprie prestazioni a seconda dei casi.

Nella sezione precedente abbiamo ricordato come sia utile avere un green screen fisico per permettere alla funzionalità una prestazione ottimale.

Visual Effects di Google Meet: recensioni

Visual Effects di Google Meet è un’estensione abbastanza diffusa tra gli utilizzatori di Google Meet. Al momento, più di 40mila utenti l’hanno scaricata da Chrome Web Store. È inoltre da considerarsi molto positivo il rating di questo servizio gratuito, che totalizza 4 stelle su 5.

In generale, le recensioni degli utenti online sono anch’esse positive, pur sottolineando la presenza di alcuni piccoli bug che devono essere modificati dagli sviluppatori. Coloro che hanno scaricato l’estensione parlano soprattutto del grandissimo potenziale di Visual Effects e apprezzano con entusiasmo soprattutto l’opzione “green screen”. Allo stesso tempo, quest’ultima è la funzionalità per la quale si riscontrano più spesso difficoltà nell’utilizzo e bug da risolvere.

Per concludere, Visual Effects di Google Meet è un’applicazione gratuita che ha ottenuto un buon riscontro tra gli utenti online. Nonostante alcuni bug minori, soprattutto per quanto riguarda l’opzione “green screen”, se ne vede il grande potenziale.

Google Meet: che cos’è

Trattando dell’estensione Visual Effects, non abbiamo potuto tralasciare l’applicazione Google Meet. Per questo motivo, riteniamo importante dedicare una sezione di questa guida al servizio per approfondirne caratteristiche e funzionalità.

Google Meet è una delle alternative per chiamate e video-chiamate online ad oggi disponibili. Il servizio esiste già da tempo ma, a causa dell’impatto dell’emergenza sanitaria in corso, è diventato particolarmente utile per rispettare le misure igienico-sanitarie in vigore che prevedono il distanziamento fisico tra le persone. Così come Google Meet, oggi si parla frequentemente di Zoom e Microsoft Teams.

Il servizio di Google è stato di recente rinominato: molti infatti si ricorderanno dell’applicazione sotto il nome di Google Hangouts. Si tratta di una soluzione integrata nel pacchetto applicativo di Google e G Suite (quest’ultimo dedicato in esclusiva alle necessità delle aziende) e può essere utilizzata anche su device mobile tramite un’applicazione disponibile per sistemi operativi iOS, Android e Web.

Tra i punti di forza di Google Meet ci sono certamente l’immediatezza e la semplicità d’uso, che permette di realizzare chiamate e video-chiamate gestendo facilmente fino a 250 persone. Inoltre, è possibile effettuare lo streaming live per un massimo di 10.000 spettatori su un singolo dominio web. Proprio a causa dell’aumento della richiesta sul mercato di questo tipo di servizi, Google ha aggiornato l’applicazione includendo ulteriori funzionalità che in parte ricordano quelle più apprezzate di servizi come Zoom: parliamo della visualizzazione a galleria degli utenti che partecipano alla chiamata e la condivisione dello schermo.

Per quanto riguarda i prezzi, Google Meet è gratuito per scuole e aziende fino al 30 settembre. L’utenza base per utilizzare Google Meet costa circa 6 Euro al mese ed include 30GB di spazio di archiviazione su Cloud, oltre a tutti gli altri servizi disponibili con G Suite.

Google Meet: come utilizzarlo al meglio

Da quando sono entrate in vigore le misure di distanziamento fisico a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, lo smart working è diventata una realtà molto diffusa, così come strumenti per il lavoro da remoto. Tra queste, in questa guida abbiamo approfondito Google Meet e in particolare l’estensione Visual Effects. Come utilizzare al meglio questo servizio? Ecco alcuni suggerimenti per sfruttare tutte le potenzialità dell’applicazione di Google.

1. Pianificate la video-chiamata

Seppur si tratti di una riunione online, è bene non abbandonare le buone abitudini che rendono una riunione di persona il più efficace possibile. Pianificare non significa solamente fissare sul calendario una data e ora per l’incontro, ma anche decidere in anticipo i punti di toccare con i partecipanti e i documenti che verranno presi in considerazione durante la chiamata.

Sarà utile in questo senso adoperare l’integrazione tra Google Meet e G Calendar, oltre che la chat presente in Google Meet.

2. Decidete le modalità di interazione

Presentare e discutere un’idea o un piano attraverso uno schermo può rivelarsi un’impresa difficile. Infatti, molte dimensioni comunicative tipiche di una riunione in “presenza”, come il linguaggio del corpo, vengono a mancare. Per rimediare, può aiutarvi il delineare all’inizio della riunione le regole di interazione tra i componenti. Ad esempio, esplicitate se l’incontro prevede una presentazione da parte di una singola persona, se sia previsto un moderatore e come possa procedere una discussione a più voci nel caso in cui si tratti piuttosto di una sessione di brain-storming.

3. Approfondite la conoscenza di Google Meet

Google Meet offre molte opzioni che aiutano a migliorare notevolmente la qualità di chiamate e video-chiamate, ma che spesso non sono conosciute da tutti. Vediamone due importanti:

  • opzione “mute”, per togliere momentaneamente l’audio nel caso in cui siate circondati da un contesto sonoro rumoroso oppure stiate digitando sulla tastiera. Vi basterà cliccare sull’icona del microfono;
  • opzione “condivisione schermo”, per condividere una schermata, documento specifico o finestra che sia.

Commenti Facebook: