Versamento della polizza su carta ricaricabile: era una truffa

Da qualche tempo sono in circolazione falsi assicuratori, millantatori pronti a bussare alla porta di chiunque per richiedere il versamento della polizza su carta ricaricabile. Si tratta di una truffa, ed è questo ciò che è accaduto ad una malcapitata 40enne di Lucca. In questo caso i Carabinieri hanno scoperto il raggiro ed arrestato il truffatore. Riguardo alle assicurazioni è bene diffidare dalle imitazioni e rivolgersi solo a soggetti, e compagnie assicurative attendibili e verificabili.

I falsi assicuratori bussano alla porta. Diffidate dalle imitazioni

Si trattava di una polizza vita realmente esistente, e un uomo, spacciandosi per broker assicurativo, ha bussato alla porta di una 40enne di Lucca richiedendole il versamento del premio polizza su carta ricaricabile. La malcapitata è caduta nella truffa e lo ha capito soltanto quando la vera compagnia assicurativa l’ha contattata.

In questo caso i Carabinieri hanno fatto il loro dovere, sono riusciti a risalire all’intestatario della carta ricaricabile – uno dei tanti falsi assicuratori in circolazione – e ad arrestarlo per truffa. Non tutte le storie però sono a lieto fine ed attualmente in Italia i falsi assicuratori pronti a riscuotere una polizza sono in aumento.

Una delle truffe più utilizzate è proprio la truffa della carta ricaricabile. Con il versamento su carta ricaricabile del premio polizza infatti, il trasferimento di denaro è immediato e farlo sparire prelevandolo è semplice.

Come tutelarsi?

Innanzitutto quando qualcuno bussa alla vostra porta per chiedere denaro bisogna sempre indagare e non fermarsi all’apparenza, possibilmente, evitare di far introdurre estranei in casa, tanto meno assolvendo alle loro richieste di versamento di soldi su carta prepagata.

Un uomo o una donna ben vestiti, educati e gentili, che bussano alla vostra porta esibendo documenti o tessere per comprovare la rappresentanza di compagnie assicurative o di altro genere, ben potrebbero essere falsi assicuratori. I sospetti aumentano se la visita a domicilio è dovuta ad una riscossione polizza, intestata a voi o a vostri familiari.

In questi casi prima di procedere al versamento, dovete sincerarvi che l’apparenza della situazione non tragga in inganno e contattare il familiare o le compagnie assicurative di riferimento.

Per evitare di incappare nella truffa è consigliabile:

  • Controllare sul sito dell’Ivass l’abilitazione della compagnia assicurativa ad emettere l’assicurazione, o in alternativa, controllare l’abilitazione dell’assicuratore o intermediario;
  • Controllare che i riferimenti forniti dall’assicuratore (intestatario, numero di polizza, scadenze) siano veritieri;
  • Affidarsi sono a compagnie assicurative esistenti, attendibili e verificabili.

Ci si può rivolgere alle tradizionali agenzie territoriali o alle assicurazioni online. Le assicurazioni online permettono di acquistare una polizza economica senza muoversi da casa, direttamente sul web. I vantaggi esistono dal punto di vista del risparmio che della gestione, che può avvenire grazie alla semplice connessione internet.

Inoltre le assicurazioni online sono verificabili: si tratte delle note compagnie assicurative trasferitesi sul web per tagliare i costi di gestione e far risparmiare i consumatori. Per richiedere preventivi gratuiti alle assicurazioni online, anche per Rc auto ed Rc moto, bastano pochi minuti.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: