Twitter: la classifica degli hashtag più usati nel 2015

Come sarà ricordato il 2015? Quali saranno le parole chiave che contraddistingueranno nella storia l’anno che si accinge a conclusione? Ebbene, considerando che è oramai tempo di bilanci per questo contrastante anno solare, si può cercare di comprendere come sia andata usufruendo della #YearOnTwitter realizzata dal popolare social network.

Twitter: la classifica degli hashtag più usati nel 2015
Verifica la tua copertura Inserisci il tuo indirizzo e scopri se sei raggiunto da fibra o ADSL
Abbiamo preso in carico la tua richiesta!
Un nostro esperto ti contatterà per aiutarti a trovare l'offerta giusta per te.

Twitter, come ogni anno, ha infatti stilato la classifica degli hashtag più popolari del 2015: una lista che quest’anno mostra ben poche sorprese, e che risulta essere fortemente influenzata dai grandi eventi che hanno interessato l’Italia e l’Europa e, purtroppo, dai tristi avvenimenti terroristici di Parigi.

Ne è derivato che, a livello complessivo, tra gli hashtag più popolari è spuntato #JeSuisCharlie, in relazione agli attacchi al giornale satirico Charlie Hebdo, e #PrayForParis, in rapporto a quanto accaduto nel più vicino 13 novembre. Tra i movimenti sociali è invece spiccato #BlackLivesMatter, twittato con Internet mobile per ben 9 milioni di volte, a comunicazione di un messaggio di unione per le comunità che si sono confrontate sugli eventi di Ferguson, Charleston e Baltimora. In ambito italiano (ma non solo), l’Expo 2015 ha catalizzato buona parte delle attenzioni.

Non manca, comunque, lo spazio per qualche approfondimento più leggero. Tra gli hashtag musicali più usati #OneDirection ha ottenuto la prima posizione, mentre per la Tv sono spiccate alcune delle serie più gettonate (da #TheWalkingDead a #Empire). Se ci spostiamo in ambito tecnologico, #iPad, #iPhone e #Apple occupano tre delle prime dieci posizioni.

Confronta tariffe Internet mobile»

Per quanto invece concerne i tweet più ritwittati, continuano a fare il giro del mondo le attività dei membri degli OneDirection. In ambito politico, oltre 440 mila condivisioni per il tweet con cui Barack Obama si dichiarava d’accordo con la sentenza della Corte Suprema che legalizzava i matrimoni gay negli Stati Uniti, mentre ha ottenuto quasi 280 mila condivisioni l’ultimo commovente messaggio di Leonard Nimoy, una delle leggende di Star Trek, poco prima della sua scomparsa (“La vita è come un giardino. I momenti perfetti possono essere vissuti, ma non preservati, eccetto che nella propria memoria”).

Ad ogni modo, eventi catastrofici a parte, una speranza sembra pur sempre esserci. Tra gli hashtag più utilizzati per esprimere i propri stati d’animo e le proprie passioni, #Love è al primo posto. Qualcosa vorrà pur dire, no?