Twitter e Facebook alla guerra dei video: chi vincerà?

Il segmento è di quelli appetibili, poiché in grado di veicolare importanti introiti pubblicitari. Logico, pertanto, pensare che in casa Twitter e in casa Facebook le novità in merito alla visualizzazione di filmati multimediali siano ben lungi dall’esaurirsi, e che presto potranno sorgere ulteriori innovazioni al fine di conquistare crescenti quote di mercato.

Novità in vista per due dei principali social network al mondo
Novità in vista per due dei principali social network al mondo

Partiamo da Twitter. Stando a quanto trapela dalla società di San Francisco, Twitter permetterà a tutti gli utenti di caricare video della durata massima di 10 minuti senza apparenti limiti in termini di formati supportati e di dimensione dei file. L’immagine di anteprima potrà inoltre essere selezionata dalla stessa utenza, al fine di migliorare l’efficacia della condivisione. Entro poche settimane, dunque, Twitter permetterà ai propri utenti di postare video su Internet mobile (e non solo) senza ricorrere a piattaforme terze come Vine e YouTube.

Confronta offerte Internet mobile»

È invece scattata in anticipo la proposta di Facebook, che da diversi mesi ha abituato i suoi utenti alla visualizzazione dei video in auto-play: un sistema discretamente invasivo, che sembra essere il giusto trampolino di lancio per permettere alla società di Mark Zuckerberg di acquisire una posizione di primaria rilevanza nel settore.

Insomma, da Facebook e Twitter arrivano due chiari segnali del modo in cui si evolverà l’advertising online, sempre più pronto allo “strumento” video, piuttosto che a quello testuale. Secondo una recente ricerca presentata da Iab Italia, d’altronde, il mercato del video advertising è in costante crescita negli ultimi due anni, e potrebbe superare quota 11 miliardi di dollari nel 2016.

Un piatto evidentemente troppo ricco per poter essere sottovalutato.

Commenti Facebook: