Tv Full HD, cosa bisogna sapere con il digitale terrestre

Mentre la tv analogica in definizione standard (SD) permette di vedere un’immagine generalmente in rapporto 4:3, formata da 576 righe di 720 pixel ciascuna, il segnale video HD viene trasmesso in 16:9 ed è composto da almeno 720 righe con 1.280 pixel ognuna fino a 1.080 righe con 1.920 pixel ciascuna.

Il dettaglio dell’HD è generato quindi dal maggior numero di pixel che concorrono a formare l’immagine.

Questo tipo di immagini si possono vedere solo se tutta la “filiera” è in HD, a partire dal contenuto all’origine che deve essere filmato con videocamere ad alta definizione, poi fondamentale è la ricezione, che deve essere decodificata da un decoder ad alta definizione anche i cavi di collegamento all’apparecchio televisivo devono essere HD così come il televisore.

Il segnale HD può essere trasmesso tramite satellite o digitale, per entrambi è strettamente necessario possedere un decoder, integrato alla tv o esterno, abilitato alla ricezione di trasmissioni in alta definizione.

Attualmente sono ancora pochi i programmi ripresi con telecamere ad alta definizione, ma possono essere aggiunti pixel artificialmente attraverso l’”upscaling” che può essere effettuato dall’emittente prima di procedere alla trasmissione, prende il nome di “upconversion” in questo caso, oppure la conversione può essere effettuata direttamente dagli apparecchi televisivi dotati di “upscaler”. Questo procedimento migliora la qualità dell’immagine, che comunque non sarà mai al livello di un programma registrato in HD direttamente all’origine.

Attualmente esistono due modelli di televisori caratterizzati da differenti risoluzioni, a 720 linee oppure a 1080 linee. Entrambi i modelli possono essere abilitati a particolari scansioni generalmente indicate con le lettere “i” e “p”. “P” è la scansione progressiva, che trasmette contemporaneamente tutti i punti dell’immagine, “i” invece, è la modalità interlacciata e mostra in modo alternato le righe pari o quelle dispari senza che lo spettatore riesca ad accorgersene. La scansione interlacciata permette il risparmio della banda, perché trasmette solo metà dei pixel ogni volta, però può comportare un leggero sfarfallio dal momento che le immagini si aggiornano più lentamente. Le emittenti preferiscono la trasmissione in formato 1080i.

Le risoluzioni attualmente disponibili si dividono in:

– SD 576i : è il televisore analogico, che ha 576 righe da 720 pixel ciascuna, per un totale di 414.720 pixel trasmessi alternati. la Trasmissione al secondo è pari a 10 milioni di pixel circa.

Tv HD 720p: è composto da 720 righe con 1.280 pixel ciascuna mostrati tutti insieme, per una trasmissione di circa 46 milioni di pixel ogni secondo.

Tv Full HD 1.080i: è formato da 1.080 righe composte da 1.920 pixel mostrati alternati per righe pari o dispari, con una trasmissione di 52 milioni di pixel al secondo.

Tv Full HD 1.080p: ha 1.080 righe da 1.920 pixel mostrati tutti nello stesso momento.

L’odierna offerta di canali in alta definizione è ancora decisamente limitata per quanto riguarda il digitale terrestre, sono infatti disponibili Canale5e Italia1 e anche qualche partita su Mediaset Premium è trasmessa in HD, il tutto esclusivamente dove è avvenuto lo switch-off, sempre in queste zone Rai trasmetterà i mondiali di calcio in HD.

Il satellitare con Sky sembra al momento l’offerta pay tv migliore per poter usufruire di contenuti in alta definizione, propone infatti circa trenta canali e una buona programmazione tutta in HD.

v analogica in definizione standard (SD) permette di vedere un’immagine generalmente in rapporto 4:3, formata da 576 righe di 720 pixel ciascuna, il segnale video HD viene trasmesso in 16:9 ed è composto da almeno 720 righe con 1.280 pixel ognuna fino a 1.080 righe con 1.920 pixel ciascuna.

Il dettaglio dell’HD è generato quindi dal maggior numero di pixel che concorrono a formare l’immagine.

Questo tipo di immagini si possono vedere solo se tutta la “filiera” è in HD, a partire dal contenuto all’origine che deve essere filmato con videocamere ad alta definizione, poi fondamentale è la ricezione, che deve essere decodificata da un decoder ad alta definizione anche i cavi di collegamento all’apparecchio televisivo devono essere HD così come il televisore.

Il segnale HD può essere trasmesso tramite satellite o digitale, per entrambi è strettamente necessario possedere un decoder, integrato alla tv o esterno, abilitato alla ricezione di trasmissioni in alta definizione.

Attualmente sono ancora pochi i programmi ripresi con telecamere ad alta definizione, ma possono essere aggiunti pixel artificialmente attraverso l’”upscaling” che può essere effettuato dall’emittente prima di procedere alla trasmissione, prende il nome di “upconversion” in questo caso, oppure la conversione può essere effettuata direttamente dagli apparecchi televisivi dotati di “upscaler”. Questo procedimento migliora la qualità dell’immagine, che comunque non sarà mai al livello di un programma registrato in HD direttamente all’origine.

Attualmente esistono due modelli di televisori caratterizzati da differenti risoluzioni, a 720 linee oppure a 1080 linee. Entrambi i modelli possono essere abilitati a particolari scansioni generalmente indicate con le lettere “i” e “p”. “P” è la scansione progressiva, che trasmette contemporaneamente tutti i punti dell’immagine, “i” invece, è la modalità interlacciata e mostra in modo alternato le righe pari o quelle dispari senza che lo spettatore riesca ad accorgersene. La scansione interlacciata permette il risparmio della banda, perché trasmette solo metà dei pixel ogni volta, però può comportare un leggero sfarfallio dal momento che le immagini si aggiornano più lentamente. Le emittenti preferiscono la trasmissione in formato 1080i.

Le risoluzioni attualmente disponibili si dividono in:

– SD 576i : è il televisore analogico, che ha 576 righe da 720 pixel ciascuna, per un totale di 414.720 pixel trasmessi alternati. la Trasmissione al secondo è pari a 10 milioni di pixel circa.

Tv HD 720p: è composto da 720 righe con 1.280 pixel ciascuna mostrati tutti insieme, per una trasmissione di circa 46 milioni di pixel ogni secondo.

Tv Full HD 1.080i: è formato da 1.080 righe composte da 1.920 pixel mostrati alternati per righe pari o dispari, con una trasmissione di 52 milioni di pixel al secondo.

Tv Full HD 1.080p: ha 1.080 righe da 1.920 pixel mostrati tutti nello stesso momento.

L’odierna offerta di canali in alta definizione è ancora decisamente limitata per quanto riguarda il digitale terrestre, sono infatti disponibili Canale5e Italia1 e anche qualche partita su Mediaset Premium è trasmessa in HD, il tutto esclusivamente dove è avvenuto lo switch-off, sempre in queste zone Rai trasmetterà i mondiali di calcio in HD.

Il satellitare con Sky sembra al momento l’offerta pay tv migliore per poter usufruire di contenuti in alta definizione, propone infatti circa trenta canali e una buona programmazione tutta in HD.

Commenti Facebook: