Tutte le variazioni ai servizi TIM a partire da aprile

Brutte notizie sia per i clienti TIM ADSL o fibra ottica, sia per quelli mobile. A partire dal 3 aprile entrano in vigore una serie di cambiamenti a sfavore dei consumatori, che però avranno la possibilità di non accettare le nuove condizioni e recedere dai contratti senza penali. In pratica le bollette ADSL o fibra (con telefono fisso) avranno scadenze ogni 8 settimane e non più ogni 30 giorni, mentre da aprile i clienti TIM mobile dovranno pagare per il traffico dati extrasoglia. Per “farsi perdonare”, TIM regala 1 GB di traffico dati a tutti i clienti. Di seguito tutte le novità.

Ecco come cambiano le tariffe ADSL, fibra e mobile TIM dal 3 aprile

Arrivano novità per i clienti TIM titolari di una tariffa ADSL o fibra ottica con telefono fisso, ma anche per quelli che utilizzano TIM come provider mobile.

Le nuove condizioni saranno valide a partire dal 3 aprile; siccome si tratta di modifiche contrattuali unilaterali, qualora i clienti non volessero accettarle è possibile recedere dai propri contratti e passare ad un nuovo gestore, senza dover pagare penali (fatta eccezione per eventuali rate da saldare per l’acquisto di un dispositivo, caso in cui verrà addebitato il saldo delle rate residue a scadere e il prodotto resterà di proprietà del cliente).

AGGIORNAMENTO: alcune modifiche entrano in vigore già dal 1° marzo.

Per recedere dal contratto senza penali si può inviare una PEC a telecomitalia@pec.telecomitalia.it entro il 31 marzo 2017.

Per scegliere un nuovo provider, consigliamo di fare un confronto tariffe ADSL o telefonia mobile sui comparatori di SosTariffe.it:
Confronta Offerte ADSL

Bollette ADSL e fibra ogni 8 settimane, canone ogni 28 giorni

Seguendo l’esempio di Vodafone e Infostrada, dal 3 aprile anche TIM passerà al sistema di calcolo dei corrispettivi ogni 28 giorni anziché ogni 30 per le offerte ADSL o fibra ottica con telefono fisso passeranno; in più, le bollette verranno emesse ogni 8 settimane piuttosto che su base mensile.

Le variazioni, ammette TIM in una nota, comporta un aumento nei canoni annui per il servizio pari all’8,6%, “ma anche un risparmio di 20 euro nel caso in cui si riceva ancora la fattura cartacea e si utilizzi il bollettino postale per i pagamenti“.

Non più velocità ridotta per chi ha consumato il traffico dati

Per quanto riguarda i clienti TIM mobile, che finora vedevano ridursi la velocità di navigazione una volta che avevano consumato tutto il traffico dati disponibile, adesso potranno continuare a navigare soltanto attivando un’opzione Internet mobile.

In effetti, comunica TIM, “dal primo rinnovo successivo al 3 aprile 2017, terminati i Giga della propria offerta, si potrà continuare a navigare fino al rinnovo successivo solo attivando un’offerta dati aggiuntiva più adatta alle esigenze del cliente”. 

Anche in questo caso in base all’art. 70.4 del D.Lgs. 259 del 2003, è possibile recedere senza penali entro il 3 aprile 2017 anche passando ad altro gestore con portabilità del numero. Per scegliere un nuovo gestore, ecco il comparatore di SosTariffe.it:

Scopri le migliori offerte per il mobile

Commenti Facebook: