Tutte le offerte fuorilegge per l’estero

Pochi giorni fa, il Consiglio dei Ministri UE ha approvato il nuovo regolamento sulla riduzione graduale dei costi di roaming. Dal primo luglio prossimo scatterà l’eurotariffa: si spenderà al massimo 11 centesimi di euro + IVA per ogni SMS, 1 euro per ogni MB di traffico dati, 43 eurocent/min per telefonare e 19 eurocent/min per ricevere. Diventerà obbligatoria anche la fatturazione al secondo.
Tim propone chiamate in uscita e in ricezione in linea con l’eurotariffa e, dal 19 giugno, Carta Vacanze Europa: 3 euro al mese, 1 cent/min + 1 euro per lo scatto alla risposta per le chiamate effettuate, 1 euro ogni 30 minuti per le chiamate ricevute, 1 centesimo verso tutti per gli SMS.

Vodafone propone 51,5 cent/min per le chiamate in uscita, 22,8 cent/min per quelle in entrata e lancia Vodafone Passport: per le chiamate effettuate, si segue la tariffa da piano nazionale + 1 euro in Europa o 3 euro nei principali paesi extra UE; per le chiamate ricevute, 1 euro in Europa o 3 euro per i paesi extra UE, ogni 30 minuti.

Wind chiede 51 cent/min per le chiamate in uscita e 22 cent/min per quelle in entrata e propone Easy Roaming per le ricaricabili, al costo di 5 euro al mese: 15 cent/min dopo il primo minuto tariffato secondo euro tariffa, sia per le chiamate effettuate che per quelle ricevute.

3 Italia, infine, chiede 50 cent/min per le chiamate in uscita, 22 cent/min per quelle in entrata e propone «All’estero come a casa»: 1,6 cent di scatto alla risposta + prezzo nazionale per le chiamate in uscita, 22 cent di scatto alla risposta per le telefonate in arrivo.
PosteMobile ha annunciato il costo degli sms a 16 centesimi ma sono ancora troppi, costa meno usare una sim del vostro paese d’origine in roaming italiano che una scheda delle Poste.

i fa, il Consiglio dei Ministri UE ha approvato il nuovo regolamento sulla riduzione graduale dei costi di roaming. Dal primo luglio prossimo scatterà l’eurotariffa: si spenderà al massimo 11 centesimi di euro + IVA per ogni SMS, 1 euro per ogni MB di traffico dati, 43 eurocent/min per telefonare e 19 eurocent/min per ricevere. Diventerà obbligatoria anche la fatturazione al secondo.
Tim propone chiamate in uscita e in ricezione in linea con l’eurotariffa e, dal 19 giugno, Carta Vacanze Europa: 3 euro al mese, 1 cent/min + 1 euro per lo scatto alla risposta per le chiamate effettuate, 1 euro ogni 30 minuti per le chiamate ricevute, 1 centesimo verso tutti per gli SMS.

Vodafone propone 51,5 cent/min per le chiamate in uscita, 22,8 cent/min per quelle in entrata e lancia Vodafone Passport: per le chiamate effettuate, si segue la tariffa da piano nazionale + 1 euro in Europa o 3 euro nei principali paesi extra UE; per le chiamate ricevute, 1 euro in Europa o 3 euro per i paesi extra UE, ogni 30 minuti.

Wind chiede 51 cent/min per le chiamate in uscita e 22 cent/min per quelle in entrata e propone Easy Roaming per le ricaricabili, al costo di 5 euro al mese: 15 cent/min dopo il primo minuto tariffato secondo euro tariffa, sia per le chiamate effettuate che per quelle ricevute.

3 Italia, infine, chiede 50 cent/min per le chiamate in uscita, 22 cent/min per quelle in entrata e propone «All’estero come a casa»: 1,6 cent di scatto alla risposta + prezzo nazionale per le chiamate in uscita, 22 cent di scatto alla risposta per le telefonate in arrivo.
PosteMobile ha annunciato il costo degli sms a 16 centesimi ma sono ancora troppi, costa meno usare una sim del vostro paese d’origine in roaming italiano che una scheda delle Poste.

Commenti Facebook: