Truffa sim false: Telecom si dichiara parte lesa e si costituirà parte civile

In questi giorni Telecom Italia è nella bufera per una presunta truffa relativa a delle sim false . Secondo l’indagine della procura di Milano, tali schede telefoniche sono state utilizzate da alcuni rivenditori per ricevere premi legati alla produzione. Una vicenda, questa, risalente al 2007/2008 e su cui l’Authority aveva già dato il suo parere, condannando la società al pagamento di una mega multa di 1,4 milioni di euro.

Questa volta, però, Telecom Italia ha deciso rispondere alla procedura di indagine della Procura con un proprio comunicato stampa che chiarisce vari punti di questa intricata vicenda: secondo quanto scritto dall’azienda, infatti, la parte offesa è proprio Telecom, in quanto già nel 2008 aveva già sospeso i 14 dipendenti coinvolti nel caso, e si costituirà parte civile nei confronti degli imputati.

Non solo: dopo aver scoperto lo scandalo, la compagnia ha introdotto delle misure organizzative e procedurali per risolvere la situazione e per evitare che tale fenomeno non si ripresentasse, il tutto testimoniato da documenti e bilanci.

Intanto le indagini vanno avanti e nel registro degli indagati sono state iscritte un centinaio di persone, tra cui i 14 dipendenti del gruppo di cui vi abbiamo accennato inizialmente. Attendiamo ulteriori sviluppi sulla vicenda.

Commenti Facebook: