Trimestrale Vodafone, boom internet mobile

Vodafone Italia chiude il semestre al 30 settembre 2010 con ricavi totali pari a 4.400 milioni di euro, in calo dello 0,9%. I ricavi da servizi a 4.208 milioni di euro, registrano una contrazione dell’1,9% rispetto a settembre 2009, dovuta ad uno scenario macroeconomico incerto che ha condizionato i consumi e ad un acceso contesto competitivo caratterizzato da un significativo calo dei prezzi sui servizi tradizionali voce e messaggi.

Continua in parallelo la forte crescita dei servizi a banda larga mobile e mobile internet, banda larga fissa, e dei servizi per le Aziende.

Le SIM mobili, in aumento del 5,3% rispetto a settembre 2009, sono 30.692.000. In crescita i nuovi abbonati privati e aziende (+13,1% rispetto a settembre 2009). I volumi totali di traffico voce sono aumentati a 28,5 miliardi di minuti e i volumi totali di messaggi sono cresciuti del 14,1%, trainati dal successo di azioni promozionali mirate su specifici segmenti di clientela, come “Infinity Messaggi Tutti” e “Summer Card Messaggi”, quest’anno offerta gratuitamente a tutti i Clienti.

Nel semestre i ricavi dati e messaggistica sono aumentati del 5,8%, attestandosi a 1.081 milioni di euro, con un’incidenza sui ricavi da servizi mobili pari al 28,5%.

Accelera la crescita dei ricavi da banda larga mobile e servizi multimediali (+ 22,2%) grazie agli investimenti sui servizi, sulla qualità e copertura della rete, e ad iniziative commerciali di successo quali “Piu’ smart con Vodafone”, oltre che a promozioni dedicate che hanno incrementato la diffusione della Vodafone Internet Key e degli smartphone.

I ricavi da rete fissa sono aumentati del 10,0% raggiungendo quota 417 milioni di euro, in particolare grazie alla crescita dei ricavi ADSL, i cui clienti si sono attestati a 1.457.000 con un incremento del 33,1% rispetto a settembre 2009.

L’EBITDA si attesta a 2.093 milioni di euro, in contrazione del 2,6%. L’EBITDA in percentuale dei ricavi totali si attesta a 47,5%, con una riduzione dello 0,9% rispetto al primo semestre 2009. Le efficienze sui costi sono state reinvestite in iniziative commerciali e tecniche per stimolare la diffusione dei servizi dati e per l’acquisizione di Clienti in abbonamento mobile e fisso.

alia chiude il semestre al 30 settembre 2010 con ricavi totali pari a 4.400 milioni di euro, in calo dello 0,9%. I ricavi da servizi a 4.208 milioni di euro, registrano una contrazione dell’1,9% rispetto a settembre 2009, dovuta ad uno scenario macroeconomico incerto che ha condizionato i consumi e ad un acceso contesto competitivo caratterizzato da un significativo calo dei prezzi sui servizi tradizionali voce e messaggi.

Continua in parallelo la forte crescita dei servizi a banda larga mobile e mobile internet, banda larga fissa, e dei servizi per le Aziende.

Le SIM mobili, in aumento del 5,3% rispetto a settembre 2009, sono 30.692.000. In crescita i nuovi abbonati privati e aziende (+13,1% rispetto a settembre 2009). I volumi totali di traffico voce sono aumentati a 28,5 miliardi di minuti e i volumi totali di messaggi sono cresciuti del 14,1%, trainati dal successo di azioni promozionali mirate su specifici segmenti di clientela, come “Infinity Messaggi Tutti” e “Summer Card Messaggi”, quest’anno offerta gratuitamente a tutti i Clienti.

Nel semestre i ricavi dati e messaggistica sono aumentati del 5,8%, attestandosi a 1.081 milioni di euro, con un’incidenza sui ricavi da servizi mobili pari al 28,5%.

Accelera la crescita dei ricavi da banda larga mobile e servizi multimediali (+ 22,2%) grazie agli investimenti sui servizi, sulla qualità e copertura della rete, e ad iniziative commerciali di successo quali “Piu’ smart con Vodafone”, oltre che a promozioni dedicate che hanno incrementato la diffusione della Vodafone Internet Key e degli smartphone.

I ricavi da rete fissa sono aumentati del 10,0% raggiungendo quota 417 milioni di euro, in particolare grazie alla crescita dei ricavi ADSL, i cui clienti si sono attestati a 1.457.000 con un incremento del 33,1% rispetto a settembre 2009.

L’EBITDA si attesta a 2.093 milioni di euro, in contrazione del 2,6%. L’EBITDA in percentuale dei ricavi totali si attesta a 47,5%, con una riduzione dello 0,9% rispetto al primo semestre 2009. Le efficienze sui costi sono state reinvestite in iniziative commerciali e tecniche per stimolare la diffusione dei servizi dati e per l’acquisizione di Clienti in abbonamento mobile e fisso.

Commenti Facebook: