Torri Wind, arriva la conferma di Abertis

Nella giornata di ieri le voci si erano rapidamente tramutate in certezza: i vincitori dell’asta per aggiudicarsi le oltre 6.000 torri di Wind erano gli spagnoli di Abertis, dopo aver battuta la concorrenza di Ei Towers della cordata F2i-Providence (nonché American Tower, uscita dai giochi qualche settimana prima).

Abertis
Gli spagnoli sarebbero interessati anche a un ulteriore pacchetto di 1.000 torri

Ora arriva anche la conferma di Abertis, chiarificando però che l’accordo è in fase di negoziazione fino a metà del mese: «Abertis informa che la sua controllata Abertis Telecom Terrestre è stata scelta da Wind come ‘preferred bidder’ per la possibile acquisizione di una parte delle sue torri di telefonia mobile in Italia».

Abertis rende anche noto che in caso di effettivo accordo il mercato sarà debitamente informato. L’obiettivo degli spagnoli è quello di far confluire il 90% acquistato della nuova newco (Galata, con una settantina di dipendenti, creata da Wind appositamente per le torri) in un gruppo più ampio da quotare in Borsa, e di cui potrebbe fare parte anche altre infrastrutture, come le 2.000 torri messe in vendita da Portugal Telecom.
Confronta le offerte Wind »
Secondo le indiscrezioni, Abertis sarebbe intenzionato ad aggiudicarsi anche un ulteriore pacchetto di 1.000 torri da Wind, facendo così crescere ulteriormente il prezzo di 700 milioni di euro stimati dal mercato: le ultime voci parlano di ben 1 miliardo di euro.

Commenti Facebook: