Torri Telecom, in borsa entro giugno

Gli advisor Deutsche Bank e Banca Imi stanno preparando per giugno il listing delle torri di Telecom Italia: un altro tassello del movimentato settore delle torri di trasmissione, con la cessione delle infrastrutture di Wind ormai alle porte e significativo impatto anche sulle strategie dei diversi operatori.

Torri
Ancora non si conosce quanto potrà essere il ricavo dell'Ipo

Come riporta Il Sole 24 Ore, la vendita delle torri di Telecom Italia, nelle intenzioni del gruppo, avrebbe dovuto portare incassi per circa 1 miliardo. Con l’Ipo l’incasso sarà invece inferiore, rinunciando a realizzare il 100% dell’asset e tenendo conto dello sconto che è consuetudine applicare nelle operazioni di collocamento sul mercato.
Vai a Internet Senza Limiti »
Sempre secondo il quotidiano economico mancano ancora gli elementi per stabilire quanto potrà ricavare il gruppo dall’Ipo, sia perché non si conosce la percentuale del capitale che verrà collocata (l’ipotesi più probabile è che almeno nella prima fase Telecom mantenga il controllo al 51% della newco in cui saranno trasferite 10mila torri) sia perché non è calcolabile a priori l’Ebitda della società, legato anche ai contratti di affitto che verranno stipulati con Telecom stessa.

Dal punto di vista degli investimenti, in questo primo 2015 è proseguito l’impegno di Telecom per la fibra ottica, e gli analisti attendono da tempo l’accordo con Sky che dovrebbe portare i contenuti della tv streaming sulle infrastrutture di rete dell’operatore.

Commenti Facebook: