di

Tipi di Mutuo: classificazione Bankitalia secondo il tasso d'interesse

Secondo Bankitalia, esistono 5 tipi di mutui, a seconda della tipologia di tasso d'interesse applicato: tasso fisso, tasso variabile, tasso misto, mutuo a due tipi di tasso e tasso agevolato. Ognuno può essere più o meno conveniente, a seconda del profilo e le esigenze del cliente. Di seguito, vediamo quali sono i 5 tipi di mutuo secondo Bankitalia, e quale conviene di più ad ogni cliente.

Tipi di Mutuo: classificazione Bankitalia secondo il tasso d'interesse

La Banca d’Italia, nella sua Guida “Il mutuo per la casa in parole semplice” spiega in poche pagine come scegliere un mutuo, puntualizzando inoltre quali sono i tipi di mutui che si possono richiedere a seconda del tasso d’interesse.

1. Mutuo a tasso fisso

Nel mutuo a tasso fisso, il tasso di interesse resta quello fissato dal contratto per tutta la durata del prestito. Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali diminuzione dei tassi di mercato che dovessero verificarsi nel tempo.

Il mutuo a tasso fisso però è consigliato a chi teme che i tassi di mercato possano aumentare, e sin dal momento della firma del contratto vuole conoscere con certezza gli importi delle singole rate e dell’ammontare complessivo da restituire.

A fronte di questo vantaggio la banca o intermediario solitamente applica con­dizioni meno vantaggiose rispetto al mutuo a tasso variabile.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

2. Mutuo a tasso variabile

Il mutuo a tasso di interesse può variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza seguendo le oscillazioni di un tasso di mercato o di politica monetaria di riferimento.

Comporta il grande rischio di essere soggetto ad un eventuale aumento insostenibile dell’importo delle rate.

A parità di durata, i mutui a tassi variabili sono solitamente più convenienti all’inizio, ma le rate possono crescere nel tempo, anche in misura consistente.

Il mutuo tasso variabile è ideale per chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato, o in ogni caso potrà sostenere eventuali rincari dell’importo delle rate.

3. Mutuo a tasso misto

Con questo finanziamento, il tasso di interesse può passare da fisso a variabile (e viceversa) a scadenze fisse e/o a determinate condizioni stabilite dal contratto. Vantaggi e svantaggi sono alternativamente quelli del tasso fisso o del tasso variabile.

4. Mutuo a due tipi di tasso

Questo tipo di mutuo è suddiviso in due parti: una con il tasso fisso, una con il tasso variabile. Il mutuo a doppio tasso è ideale per chi preferisce una soluzione intermedia tra il tasso fisso e il tasso variabile, equilibrando vantaggi e svantaggi di ciascuno.

5. Mutuo a tasso agevolato

In alcuni casi gli enti pubblici possono contribuire al pagamento degli interessi di un mutuo, agevolando il tasso.

Vuoi conoscere quali sono i migliori finanziamenti a seconda del tuo profilo? Utilizza il nostro comparatore gratuito ed indipendente di prestiti e trova subito la soluzione che fa per te.

Confronta Prestiti »

Commenti Facebook: