TIM lancia nuove offerte con prezzi legati all'andamento dell'inflazione

Dopo WINDTRE, che ha introdotto il nuovo meccanismo la scorsa settimana, anche TIM introduce l'adeguamento annuale dei prezzi in base all'inflazione. L'operatore, quindi, anticipa futuri aggiornamenti del canone mensile per le sue offerte seguendo l'evoluzione dell'indice di inflazione IPCA ISTAT. Per il momento, la novità riguarda esclusivamente alcune offerte di telefonia mobile e telefonia fissa rivolte ai nuovi clienti che passano a TIM. Ecco i dettagli completi di questo nuovo meccanismo:

In 30 secondi

TIM lancia nuove offerte con prezzi legati all'inflazione
  • Il listino di offerte TIM presenta ora nuove offerte di rete fissa e nuove offerte mobile "indicizzate" all'inflazione
  • L'adeguamento dei prezzi sarà su base annuale e il primo aggiornamento è previsto per il 1° aprile 2023
  • L'aumento massimo sarà del +10% su base annua
  • Per i già clienti TIM (per il momento) non cambia nulla
TIM lancia nuove offerte con prezzi legati all'andamento dell'inflazione

Alcune settimane, l’amministratore delegato di TIM, Pietro Labriola, in occasione della presentazione dei risultati finanziari del gruppo, aveva annunciato la volontà di introdurre un meccanismo che lega il canone mensile delle tariffe all’andamento dell’inflazione. Si tratta di un sistema con cui l’azienda intende contrastare l’aumento dei prezzi riversandolo sui consumatori finali che, di fatto, registreranno piccoli rincari su base annuale.

Da questa settimana, il meccanismo che lega il canone delle offerte TIM all’andamento dell’inflazione è ufficiale e viene incluso in alcune offerte di telefonia fissa e di telefonia mobile proposte dall’operatore ai nuovi clienti. L’aggiornamento dei prezzi sarà su base annuale e partirà dal 1° aprile 2024, sulla base dei dati dell’inflazione del 2023. Ecco i dettagli completi in merito al nuovo sistema che lega il canone delle offerte TIM all’andamento dell’inflazione.

Scopri le migliori offerte fibra da 16 euro al mese »

TIM lancia le prime offerte con prezzi legati all’inflazione: ecco come funziona il meccanismo

COME FUNZIONANO LE OFFERTE CON PREZZI LEGATI ALL’INFLAZIONE DI TIM
1. Il canone mensile si adegua all’andamento dell’inflazione su base annuale
2. Il primo aggiornamento è previsto per il 1° aprile 2024
3. Per ora, il nuovo meccanismo vale solo per i nuovi clienti TIM di rete fissa e di rete mobile
4. L’aggiornamento del prezzo all’inflazione non sarà una rimodulazione del contratto
5. L’aumento del canone, come definito dall’operatore, non potrà superare il 10% su base annuale

Da questa settimana, TIM ha aggiornato il suo listino di offerte di telefonia fissa e mobile introducendo un meccanismo che lega l’andamento del prezzo all’inflazione. Per il momento, però, tale meccanismo riguarda esclusivamente le tariffe per i nuovi clienti. Il sistema che prevede aggiornamenti costanti del prezzo è parte integrante delle condizioni contrattuali dell’offerta. In sostanza, l’aumento del prezzo non sarà considerato una rimodulazione e non attiverà il diritto di recesso per modifica unilaterale delle condizioni contrattuali.

TIM prevede un adeguamento annuale dei prezzi. Stando a quanto si legge nella descrizione delle nuove offerte dell’operatore, infatti, a partire dal 1° aprile 2024 è previsto un “incrementato annualmente in misura percentuale pari all’indice di inflazione (IPCA) ISTAT, non tenendo conto di eventuali valori negativi, più un coefficiente pari a 3,5 punti percentuali. L’incremento complessivo non potrà superare il 10%”. La clausola contrattuale, quindi, prevede sia un rincaro minimo che un tetto massimo identificato nella misura del 10% del canone. L’aggiornamento avverrà su base annuale, quindi, comportando rincari costanti per i clienti che non avranno la possibilità di registrare cali del canone in caso di un’inflazione negativa.

Per il momento, è bene specificare, non cambia nulla per i già clienti TIM, sia di rete fissa che di rete mobile. L’operatore, infatti, non ha annunciato alcuna novità in tal senso per i suoi clienti. L’introduzione della clausola che introduce l’adeguamento automatico del canone all’inflazione per i già clienti è possibile esclusivamente con una rimodulazione tariffaria da parte dell’operatore che dovrà essere comunicata con adeguato anticipo e che darà diritto ai clienti coinvolti di poter recedere gratuitamente, passando ad altro operatore.

Da notare, però, che in caso di cambio offerta potrebbe essere introdotto il meccanismo di prezzi legati all’inflazione in quanto anche le nuove offerte per già clienti prevedono tale sistema. L’amministratore delegato di TIM, Labriola, ha anticipato la volontà di estendere questo sistema ad una parte sempre più grande della customer base: “Tutte le volte che dovremo vendere un nuovo servizio, sfrutteremo l’opportunità per cambiare le clausole del contratto senza cambiare il contratto esistente”.

La tariffa giusta per te
Quanti Minuti?
Almeno 200 MIN
Quanti SMS?
Almeno 50 SMS
Quanti GB?
Almeno 20 GB

Anche altri operatori di telefonia introdurranno offerte legate all’inflazione?

Per il momento, solo TIM e WINDTRE hanno scelto di introdurre un meccanismo che lega l’andamento dei prezzi delle offerte all’inflazione, con aggiornamenti su base annuale in entrambi i casi. Come avvenuto già in passato per altre modifiche contrattuali così “importanti” (come il passaggio alla fatturazione a 28 giorni di qualche anno fa), il meccanismo potrebbe molto presto essere adottato da un numero maggiore di provider. Ad oggi, in ogni caso, non si registrano dichiarazioni in tal senso dalle aziende del settore delle telecomunicazioni.

In ogni caso, il sistema potrà essere introdotto solo per le nuove offerte mentre per le offerte già attive, sia di telefonia fissa che mobile, sarà necessario passare per una rimodulazione unilaterale del contratto che dovrà prevedere l’introduzione della clausola all’interno delle condizioni dell’offerta. Tale modifica dovrà, inoltre, essere comunicata con adeguato anticipo da parte dei singoli provider, in base alla normativa vigente sulle rimodulazioni.

Per i clienti ci sarà sempre la possibilità di cambiare operatore e passare a tariffa senza tale meccanismo. Ricordiamo che per scegliere un nuovo operatore ed una tariffa più conveniente è possibile consultare il comparatore di SOStariffe.it per offerte di telefonia mobile e per offerte Internet casa in modo da scegliere con precisione le tariffe più vantaggiose del momento.