Televideo Mediaset: serve ancora? 

Televideo da pensionare, nell’era di Internet? In realtà, il servizio di teletext disponibile per le varie emittenti appare ancora oggi una fonte piuttosto consultata, per la sua immediatezza e chiarezza. Anche Mediaset ne ha una sua versione che ha quasi compiuto vent’anni, essendo disponibile per gli spettatori ormai dal 1997: si chiama Mediavideo ed è accessibile da Canale 5, Italia 1, Rete 4, Iris, La5, Mediaset Extra, Italia 2 e TOP Crime.

Il teletext di Canale 5, Rete 4, Italia 1 è ancora oggi consultato da milioni di italiani

Che cos’è il teletext

Il teletext può sembrare oggi la reliquia di un’altra epoca, un po’ come il fax o, per molti, perfino il telefono fisso. Si tratta di una serie di pagine di testo interattive, con una grafica estremamente semplice, che forniscono informazioni di vario tipo, come le ultim’ora delle varie agenzie di stampa, la guida tv per i canali dell’emittente in questione, gli orari dei treni e così via. Molto spesso c’è un’intera redazione dedicata proprio ai servizi di teletext, i cui primi standard risalgono circa al 1975.

Il primo teletext in Italia è stato Televideo, quello della Rai, disponibile dal 1984; poi è stato il turno di Mediavideo, la versione Mediaset, dal 1997 e dal 2002 anche La7 Video e MTV Video.

Il teletext di Mediaset: Mediavideo

Il televideo di Mediaset, Mediavideo, è strutturato come una sorta di quotidiano elettronico, con contenuti suddivisi per argomento: una prima parte informativa dedicata alle notizie, poi delle macro-sezioni su varie tematiche come lo sport, la borsa, l’oroscopo, la guida tv, il turismo, il meteo, le scommesse e così via.

A differenza del Televideo Rai (che su Rai 3 presenta una versione diversa a seconda della regione dalla quale si consulta il teletext), Mediavideo, il secondo teletext più visualizzato d’Italia, è identico per tutte le reti Mediaset. In occasione dei suoi 10 anni, nel 2007, Mediavideo è stato rinnovato con l’aggiunta di nuove sezioni su arte, cultura e folklore.
Confronta le offerte Mediaset Premium

Come è strutturato Mediavideo

La struttura di Mediavideo oggi è la seguente:

  • Informazione: dalla pagina 100 alla 179. La 100 è la pagina principale, che funziona anche da indice, mentre la 101 è quella dedicata all’ultima notizia. Nella pagina successiva, 102, Ora per ora, si trovano le ultime 25 “ultimissime”, disponibili in versione completa dalla 175 alla 179. 103 è la pagina dedicata alle principali notizie aggiornate in tempo reale. Dalla 112 alla 174 si trovano gli articoli di informazione generale, così articolati: Cronaca 112-127, Politica 128-132, Estero 133-144, Spettacolo 145-154, Televisione 155-164, Gossip 165-174, speciali Tgcom 180-199.
  • Sport: dalla 201 alle 219. La 201 ospita l’ultimissima sportiva, la 202 l’elenco delle cinque notizie principali. Altre sezioni sono state soppresse nel 2013 in seguito alla chiusura della Sportal, la società che curava le informazioni riguardanti lo sport.
  • Economia: da 300 a 350.
  • TV: da 300 a 349. Prima serata da 301 a 307, sintesi dei programmi Mediaset (oltre alle reti terrestri anche Boing, Mediaset Premium, Disney Channel, Disney Junior) dalla 308 alla 313, informazioni specifiche su Canale 5, Italia 1, Rete 4, Rai 1, Rai 2, Rai 3, La 7 e MTV da 315 a 322.

Da ricordare poi il servizio per non udenti, da sempre uno dei più utili tra quelli forniti tramite teletext. Questi sono infatti i sottotitoli che consentono anche a chi ha disabilità uditive di seguire i programmi, e sono disponibili dalla pagina 770 in poi: alla pagina 770 Top Crime, alla pagina 774 Iris, alla pagina 775 Rete 4, alla pagina 776 Italia 1, alla pagina 777 Canale 5, La5, Mediaset Extra.

Tra i programmi che offrono sempre i sottotitoli ci sono molte soap opera, film e fiction, in più è sottotitolata anche l’edizione del TG5 delle 20.00 in diretta tutte le sere.

Le alternative a Mediavideo

Tuttora Mediavideo è molto consultato, ma non si può dire che manchino alternative che non fanno ricorso al modello utile ma superato del teletext, più ricche di informazioni e a portata di mano (ad esempio sul proprio smartphone, con app dedicate).

Inutile dire che è Internet a farla da padrone, in vari modi. Sul sito ufficiale di Mediaset, infatti, è possibile trovare il palinsesto con tutti i programmi previsti per il giorno corrente e per la settimana, non solo per quanto riguarda le reti in chiaro ma anche quelle di Mediaset Premium, ovvero la pay tv in digitale terrestre di proprietà dell’emittente.

Anche le versioni delle app Mediaset per smartphone e per tablet consentono di consultare la guida tv, e in più – così come per i servizi on demand – è possibile sfruttare tutte le funzionalità interattive di questo approccio: ad esempio, collocare il programma desiderato, una volta trovato, in un elenco con tutte le trasmissioni da guardare in futuro, scaricare un contenuto dell’abbonamento Mediaset Premium sul dispositivo per usufruirne anche senza connessione (grazie alla funzione Download & Play) e così via.

Per quanto riguarda le altre informazioni, naturalmente i siti dei maggiori quotidiani online prevedono amplissime sezioni dedicate alle news aggiornate minuto dopo minuto, molto più veloci da navigare e complete da parte del teletext. Ma in tutti i casi in cui non si è sotto copertura Internet e si ha bisogno di una veloce e completa rassegna delle informazioni più rilevanti del momento, Mediavideo può essere ancora un’alternativa insospettabilmente utile.

Commenti Facebook: