Telegram App: tutto sulle nuove funzionalità

#megliotelegram, assicurano, con tanto di hashtag personalizzato, gli utenti del servizio di messaggistica russo, da sempre tra i più accreditati rivali contro il dominio di WhatsApp. Le ultime novità della piattaforma potrebbero spingere molti utenti a passare proprio a Telegram per le loro comunicazioni: vediamo qui di seguito quali sono e le contromisure che ha in serbo la piattaforma acquistata da Mark Zuckerberg qualche tempo fa.

Arrivano le chiamate vocali e i messaggi video

Due contendenti: WhatsApp e Telegram

Il mondo della messaggistica per dispositivi mobili è uno dei più vivaci, quando si parla di tecnologia digitale. Snapchat, WhatsApp, Telegram, Messenger, senza contare WeChat e tutte le applicazioni pressoché da noi sconosciute, ma usate da centinaia di milioni di persone in altre nazioni, come la Cina. Se almeno in Italia WhatsApp sembra essere il dominatore indiscusso, generando mostri come interminabili chat di gruppo tra famiglie, genitori, compagni di calcetto, le alternative non mancano, forse un po’ meno immediate ma spesso con delle funzionalità in più.

Chi non ama WhatsApp (ed è un po’ grandicello per godersi Snapchat appieno come un Millennial o un generazione-Z), di solito gira su Telegram. Creato dai fratelli Durov, le anime del social network russo VK, Telegram è un servizio di messaggistica basato sul cloud e gratuito.

Oggi molte delle innovazioni di Telegram sono presenti anche su WhatsApp, come il client web o le gif animate; ma questa applicazione rimane una delle più innovative, ad esempio con i bot (account gestiti da un programma che offrono funzionalità con risposte automatiche e immediate, per avere informazioni su un film o condividere video da YouTube), gli sticker (le emoji “sotto steroidi” disponibili in decine e decine di set diversi, dai personaggi di Game of Thrones al basket NBA) le chat segrete o la possibilità di usare anche dispositivi come i tablet e il wireless per comunicare.
Confronta le offerte per Internet mobile
Per questo Telegram, di solito la scelta favorita dai geek, conquista sempre più consensi e si propone come la piattaforma di messaggistica giusta per sperimentare per primi quei servizi che saranno adottati nei mesi successivi dalla concorrenza.

Le chiamate vocali

Le ultime settimane di Telegram hanno portato a importanti novità, che anche se probabilmente non faranno vacillare WhatsApp e il suo dominio rinsaldano la fama del protocollo russo.

Da qualche giorno, per prima cosa, è stata colmata l’unica vera grande lacuna rispetto a WhatsApp, e sono arrivate le chiamate vocali. Si parte dall’Europa occidentale e poi si allargherà via via il raggio al resto del mondo. In questo modo è possibile effettuare telefonate direttamente dall’applicazione sfruttando la propria connessione con Internet mobile. Ora anche gli utenti Telegram potranno risparmiare i loro preziosi minuti chiamando via Internet, ma non solo: gli sviluppatori non si sono limitati a replicare la funzionalità già presente con WhatsApp, ma hanno scelto di puntare ancora di più sulla qualità della chiamata e, soprattutto, sull’uso dell’intelligenza artificiale.

«Nei mesi passati abbiamo lavorato sodo per essere sicuri che le chiamate via Telegram siano le migliori in termini di qualità, velocità e sicurezza», si legge sul blog ufficiale. «E per essere sicuri che le vostre chiamate siano sicure al 100%, è sufficiente che voi e la persona che state chiamando confrontiate quattro emoji via telefono, senza codici o immagini complicate». La codifica delle chiamate vocali utilizza gli stessi sistemi delle chat segrete di Telegram.

Il machine learning, invece, si occuperà di incrociare i diversi dati di utilizzo e ottimizzare in maniera dinamica le informazioni, per chiamate sempre più limpide e fluide. «Telegram» continua la società «si adatterà e fornirà una qualità del suono eccellente su una linea wireless stabile – o comunque userà meno traffico dati se chiamerete da dentro un frigorifero con una cattiva ricezione».

Messaggi video in arrivo

Ma le novità di Telegram non finiscono qui. Se con le chiamate vocali si è colmato il ritardo in questo settore rispetto a WhatsApp, la novità di queste ultime ore potrebbe spostare gli equilibri a favore dell’”aeroplanino di carta”. Nella nuova versione beta dell’applicazione, infatti, la 3.1.8.1, è possibile inviare brevi messaggi video, con audio incluso, esattamente come si fa con i messaggi audio. Basta toccare il tasto del microfono e tenerlo premuto (l’icona si trasformerà in quella di una piccola fotocamera) per registrare il proprio videomessaggio con la fotocamera frontale.

L’interfaccia, come sempre quando si parla di Telegram, è molto curata: i filmati sono sempre visibili e in movimento nella chat, con l’audio disattivato di default per evitare di trasformare il vostro dispositivo in un rumoroso juke-box (ma basta il classico “tap” sopra il cerchio che indica il video per poter ascoltare anche il sonoro).

Essendo una funzione ancora in fase di prova, per poterla utilizzare è necessario avere Telegram Beta (e affinché anche il destinatario possa visualizzare il messaggio, deve avere Telegram Beta anche lui).

E WhatsApp che fa?

WhatsApp, comunque, non ha intenzione di stare a guardare. Si hanno già gustosi rumours su quelle che saranno le funzionalità introdotte nel prossimo futuro dal sistema di messaggistica più famoso del mondo, che – giova ricordarlo – dietro ha un colosso del calibro di Facebook.

In India sarebbe quasi pronto l’esordio di una funzionalità che permetterebbe di inviare denaro agli amici utilizzando proprio WhatsApp, un po’ come si fa oggi tra chi ha un conto corrente che aderisce al circuito Jiffy o similari. La stessa soluzione del resto è stata adottata negli Stati Uniti per un’altra “creatura” di Facebook, ovvero Messenger.

Altre innovazioni dovrebbero riguardare la possibilità di inviare più contatti all’interno di una chat nello stesso momento, e lo stato dovrebbe fare il suo esordio anche nella versione web di WhatsApp (il codice è già presente e dovrebbe diventare disponibile con un aggiornamento futuro). Altra feature (già presente in Telegram) sarà poi la possibilità di cancellare i messaggi appena inviati.

Commenti Facebook: