Telefonia mobile: il futuro nella gestione tramite app e social

La penetrazione dei social network nelle nostre vite ormai riguarda ambiti che fino a poco tempo fa sembravano intoccabili, e l’interazione a distanza tra diversi soggetti si fa sempre più sofisticata. Un’evoluzione che non è passata inosservata nemmeno agli occhi delle aziende, le quali sempre più stanno cominciando a potenziare i loro canali social per un dialogo coi propri clienti più ricco di opportunità, veloce ed efficace.

Telefonia mobile: il futuro nella gestione tramite app e social

Social network: qui per restare

Qualche anno fa si poteva pensare che i social network fossero tutto sommato una moda passeggera, destinata sbiadire rapidamente com’era diventata un successo mondiale. Oggi non si può invece fare a meno di riconoscere la centralità di queste “reti” nella vita di tutti i giorni: si guarda la televisione soltanto se si può commentare in diretta su Twitter, le foto di ogni istante finiscono sulla bacheca di Facebook o, con gli opportuni hashtag, su Instagram pronti per essere commentati, si cerca (e si trova) lavoro preparando al meglio il proprio profilo LinkedIn.

Anche strumenti che social network non si possono dire propriamente definire, ma che basano il proprio successo sugli aspetti “sociali”, sono diventati imprescindibili: basti pensare agli acquisti fatti solo dopo aver controllato le recensioni su Amazon, o dei soggiorni prenotati in hotel con almeno un voto superiore all’8 su Booking o Trivago, o ancora ristoranti che non meritano la nostra visita se non hanno almeno cinque stelle e mezzo su Tripadvisor.

I segreti del successo

Il grande successo dei social network è merito di un cocktail assai ben riuscito di immediatezza nella comunicazione (ad esempio i giornalisti, ormai, considerano Twitter la propria primaria fonte di notizie, ancora prima delle agenzie tradizionali), interfaccia semplice e intuitiva, portabilità (non esiste social network senza la sua applicazione per smartphone e per tablet) e potenzialità, anche nel lungo termine (come testimoniano le nuove funzioni inaugurate da Facebook o da Twitter, a partire dai Vine fino agli avatar animati).

I social network e la telefonia mobile

Portabilità, appunto: e non a caso proprio la gestione del telefono cellulare è un’attività che è entrata a far parte di quelle che sempre più spesso possono essere interamente seguite per mezzo dei social network.

Addirittura alcune offerte “young”, riservate dagli operatori ai giovani sotto i 30 o i 35 anni, prevedono che non si paghi il normale traffico dati per collegarsi su Facebook o su Twitter, senza dimenticare gli euro di credito omaggio o premi vari guadagnati mettendo un “like” dove richiesto. E c’è da dire, naturalmente, che la frequentazione e la consultazione dei social network sta diventando una delle attività più impegnative per quanto riguarda la banda consumata, soprattutto da quando si trovano senza problemi contenuti come fotografie ad alta definizione o filmati.

Allo stesso tempo, quando bisogna contattare il servizio clienti per qualche problematica o una semplice domanda, il social network è diventato una delle scelte più popolari. Del resto le alternative non sono sempre delle più agevoli: tempo perso al telefono con un’amena musichetta senza poter parlare con un’operatore in carne e ossa, mail poco chiare con risposte che arrivano come in uno stillicidio, code interminabili nei negozi “fisici”.

Il customer service tramite social, invece, è rapido e veloce, e molti sono gli operatori che rispondono nel giro di pochissimi minuti alle segnalazioni che arrivano su Twitter o su Facebook. In più, i profili sono pubblici, quindi si ha subito una percezione dell’efficienza del servizio clienti, basandosi sui commenti degli altri utenti.

Soprattutto, la funzionalità più interessante dei social network sembra essere proprio quella di abbattere la barriera esistente tra i clienti e i fornitori del servizio: non più “noi” da una parte e “loro” dall’altra, ma un universo fluido, con continui coinvolgimenti attraverso campagne promozionali, sconti, concorsi a premi, a cui è semplicissimo aderire. E le prospettive per il futuro sembrano ancora più interessanti.

Il ruolo delle app

La controparte dei social network e del loro rapportarsi con le offerte di telefonia mobile, necessaria per rendere il servizio davvero completo, è rappresentata dalle app, sempre più sofisticate e complete. Ormai è prassi collegarsi in mobilità per conoscere immediatamente il proprio traffico residuo, attivare e disattivare opzioni, addirittura trasformare il proprio telefono in un cordless casalingo. La bolletta non è più cartacea, ma viene soprattutto consultata su smartphone o su tablet; la ricarica è questione di pochi secondi tramite qualche clic sull’app dedicata.

Da oggi l’App di SosTariffe.it, scaricabile gratis dagli store iOS e Android, permette di confrontare e risparmiare su tariffe e assicurazioni e controllare in real time lo stato di avanzamento delle proprie pratiche. Inserendo i dati del veicolo è possibile ricevere un remind all’avvicinarsi delle scadenze di assicurazione auto, bollo e revisione. E per ottenere una consulenza gratuita su ADSL, gas e luce, è sufficiente aprire l’app e scattare una foto alla bolletta.

Scarica gratis l’App di SosTariffe.it e risparmia »

All Digital di Wind, offerta a tutto social

Un ottimo esempio di interazione con il gestore attraverso social network e applicazioni è Wind All Digital, l’offerta dell’operatore che premia chi usa questi canali innovativi per i propri rapporti con Wind.
Attiva All Digital di Wind »
Di per sé All Digital, fino al 29 novembre, dà diritto a 500 minuti veri verso tutti, SMS illimitati verso tutti e 2 GB di traffico Internet; il costo sarebbe di 14 euro ogni 4 settimane, ma può diventare di 10 euro ogni 4 settimane facendo ricorso ai canali digitali di Wind, ricaricando dal sito di Wind o dall’app MyWind, usando l’Area Clienti e o l’App MyWind per informazioni e, per l’assistenza, contattando il customer care attraverso Facebook, Twitter e l’app Wind Talk. E in più per il primo mese ci sono 3 euro da spendere come si vuole per app, libri e molto altro negli store Google Play e Windows Phone.