Telecom World: 6 miliardi di utenze mobili e oltre 2 milardi con Internet fisso

Un rapporto presentato in occasione dell’ITU Telecom World di qualche giorno fa a Ginevra, “The World 2011”, scatta una fotografia sullo stato della comunicazione via Internet e via cellulare in tutto il pianeta e i risultati sono molto interessanti.

Secondo i dati resi noti, gli utenti che hanno sottoscritto un contratto di telefonia mobile (praticamente coloro che hanno un numero di telefonino) sfiorano oggi i 6 miliardi: un bacino d’utenza impressionante, che copre la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, stimata attualmente a 7 miliardi di individui.

Un numero decisamente minore, invece, è quello rappresentato dai possessori di una rete Internet fissa: in questo caso, infatti, gli utenti si fermano a 2,3 miliardi. Il trend di crescita è superiore nei paesi ad economia emergente, dove è sempre più alto il numero dei giovani, più avvezzi all’utilizzo della rete Internet.

E’ interessante notare come i paesi invia di sviluppo hanno la percentuale maggiore di penetrazione globale del mobile (circa il 79%) rispetto alle economie sviluppate. Una crescita che conferma ancora una volta quanto è già chiaro da tempo: il cellulare rappresenta non solo un mezzo con cui comunicare in maniera “tradizionale” (chiamate e messaggi) ma sempre più spesso è la piattaforma principale di accesso alla rete Internet.

Un punto, questo, da non sottovalutare e da tenere in considerazione per le strategie di lotta al digital divide. C’è, però, ancora molta differenza per quanto riguarda la banda larga e, quindi, la velocità di rete a disposizione: se un europeo può contare su una banda a 90 kbps, un africano riesce a malapena ad ottenere 2 kbps.

Commenti Facebook: