Telecom, banda larga per tutti

L’Italia e la banda larga non si sono mai piaciuti. Fuori dai grandi centri urbani e dei distretti industriali, ci sono ancora molte zone dove non è conveniente portare la connettività adsl. Telecom cambia però atteggiamento e afferma che investire in determinate aree ancora scoperte potrebbe essere un’ottima opportunità per crescere.

Oscar Cicchetti, responsabile Technology & Operations di Telecom Italia, spiega che “il paese ha oggettivamente un ritardo digitale complessivo. Nessuno ha dubbi sul fatto che le reti del futuro saranno esclusivamente in fibra”.

telecom-italia

Telecom sposa la fibra ottica. Entro il 2012 saranno coperte 13 grandi città in fibra. Il piano di Telecom prevede di coprire 500mila famiglie entro fine anno, 1 milione e 300mila a fine 2012 e 2 milioni e mezzo a fine 2013. Si tratta di obiettivi di copertura in linea con l’agenda digitale UE. Si partirà con 4 città nel 2010, 5 nel 2011 e 4 ulteriori nel 2012.

La rete in fibra arriverà così in 51 città al 2015 e in 151 città al 2018 mentre per quanto riguarda l’Adsl la società guidata da Franco Bernabè conta di coprire il 97% delle linee nel 2010 e il 99% al 2012. Si tratta di una copertura Adsl per 1.585 centrali in più.

la banda larga non si sono mai piaciuti. Fuori dai grandi centri urbani e dei distretti industriali, ci sono ancora molte zone dove non è conveniente portare la connettività adsl. Telecom cambia però atteggiamento e afferma che investire in determinate aree ancora scoperte potrebbe essere un’ottima opportunità per crescere.

Oscar Cicchetti, responsabile Technology & Operations di Telecom Italia, spiega che “il paese ha oggettivamente un ritardo digitale complessivo. Nessuno ha dubbi sul fatto che le reti del futuro saranno esclusivamente in fibra”.

telecom-italia

Telecom sposa la fibra ottica. Entro il 2012 saranno coperte 13 grandi città in fibra. Il piano di Telecom prevede di coprire 500mila famiglie entro fine anno, 1 milione e 300mila a fine 2012 e 2 milioni e mezzo a fine 2013. Si tratta di obiettivi di copertura in linea con l’agenda digitale UE. Si partirà con 4 città nel 2010, 5 nel 2011 e 4 ulteriori nel 2012.

La rete in fibra arriverà così in 51 città al 2015 e in 151 città al 2018 mentre per quanto riguarda l’Adsl la società guidata da Franco Bernabè conta di coprire il 97% delle linee nel 2010 e il 99% al 2012. Si tratta di una copertura Adsl per 1.585 centrali in più.

Commenti Facebook: