Tele2.it ancora insufficiente l’informativa sul P2P

Tele2 è stata nuovamente multata dall’Agcom per aver violato la delibera n.19298 del 18 dicembre 2008 sulle limitazioni P2P applicate sulla propria rete.

Il bollettino N°30 del 17 Agosto 2009 dell’Agcom condanna Opitel S.p.a, società proprietaria di Tele2, al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria di 50.000 euro. Prima della condanna del 18 Dicembre, infatti, Tele2 non comunicava del tutto all’utente finale di applicare limitazioni al traffico P2P in determinate fasce orarie, continuando a pubblicizzare le proprie offerte ADSL come flat.

A seguito della condanna l’Agcom ha reputato che l’informativa inserita sul portale dell’operatore, nella sezione Domande frequenti:

“TELE2 applica sistemi automatici finalizzati ad ottimizzare la banda in alcune aree e in alcune fasce orarie. Questi sistemi non bloccano completamente le connessioni Peer To Peer, ma potrebbero limitarle nelle  asce orarie di picco, quando l’utilizzo della rete è particolarmente intenso (le ore pre-serali e serali). Desideriamo infatti evitare che il massiccio utilizzo di banda, tipico dei programmi P2P, possa danneggiare chi usa la rete per attività più tradizionali, come ad esempio la navigazione e la consultazione della posta elettronica

e nelle Condizioni generali di contratto:

“TELE2 potrà adottare particolari pratiche di cd. traffic shaping con finalità puramente tecniche di controllo della congestione e di ottimizzazione dell’uso della rete”.

non fosse: “efficace ed idonea  a fornire al consumatore medio un’informazione chiara ed  esaustiva”.

Inoltre nel periodo dal 2 al 26 Marzo 2009 sono pervenute numerose lamentele da parte di utenti che hanno subito lentezza e disocontinuità del servizio dati su linea adsl. I clienti oltretutto erano venuti a conoscenza solo a posteriori dei sistemi di filttraggio messi in atto da parte di Tele2 e come riporta la sentenza:” I segnalanti hanno inoltre
evidenziato la mancanza di informazioni sull’esistenza e uso di tali sistemi nel contratto sottoscritto con l’operatore”.

ata nuovamente multata dall’Agcom per aver violato la delibera n.19298 del 18 dicembre 2008 sulle limitazioni P2P applicate sulla propria rete.

Il bollettino N°30 del 17 Agosto 2009 dell’Agcom condanna Opitel S.p.a, società proprietaria di Tele2, al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria di 50.000 euro. Prima della condanna del 18 Dicembre, infatti, Tele2 non comunicava del tutto all’utente finale di applicare limitazioni al traffico P2P in determinate fasce orarie, continuando a pubblicizzare le proprie offerte ADSL come flat.

A seguito della condanna l’Agcom ha reputato che l’informativa inserita sul portale dell’operatore, nella sezione Domande frequenti:

“TELE2 applica sistemi automatici finalizzati ad ottimizzare la banda in alcune aree e in alcune fasce orarie. Questi sistemi non bloccano completamente le connessioni Peer To Peer, ma potrebbero limitarle nelle  asce orarie di picco, quando l’utilizzo della rete è particolarmente intenso (le ore pre-serali e serali). Desideriamo infatti evitare che il massiccio utilizzo di banda, tipico dei programmi P2P, possa danneggiare chi usa la rete per attività più tradizionali, come ad esempio la navigazione e la consultazione della posta elettronica

e nelle Condizioni generali di contratto:

“TELE2 potrà adottare particolari pratiche di cd. traffic shaping con finalità puramente tecniche di controllo della congestione e di ottimizzazione dell’uso della rete”.

non fosse: “efficace ed idonea  a fornire al consumatore medio un’informazione chiara ed  esaustiva”.

Inoltre nel periodo dal 2 al 26 Marzo 2009 sono pervenute numerose lamentele da parte di utenti che hanno subito lentezza e disocontinuità del servizio dati su linea adsl. I clienti oltretutto erano venuti a conoscenza solo a posteriori dei sistemi di filttraggio messi in atto da parte di Tele2 e come riporta la sentenza:” I segnalanti hanno inoltre
evidenziato la mancanza di informazioni sull’esistenza e uso di tali sistemi nel contratto sottoscritto con l’operatore”.

Commenti Facebook: