Tariffe smartphone abbonamento o ricaricabile? 

In passato c’era una divisione molto più netta tra abbonamento e ricaricabile in relazione alle offerte di telefonia mobile, ora la divisione è molto più sfumata. Buona parte di questo cambiamento si spiega con la pratica sempre più comune, presso alcuni operatori, di offrire l’acquisto dello smartphone a rate anche con le ricaricabili. Altri fornitori di servizio continuano invece con una marcata separazione tra le due modalità. Ecco quindi cosa scegliere per le tariffe smartphone: abbonamento o ricaricabile.

Tariffe smartphone abbonamento o ricaricabile? 

Che cosa cambia tra le tariffe

Di norma, un’offerta di telefonia mobile con abbonamento prevede un pacchetto ben preciso di minuti, SMS, dati, e una volta che questi sono esauriti è necessario aspettare che passi il periodo standard per il rinnovo (di solito un mese o, come ora accade con più frequenza, quattro settimane). Inoltre c’è un vincolo temporale di 24 o 30 mesi, e chi vuole cambiare tariffa oppure operatore deve pagare una penale. Per quanto ormai siano simili le tariffe smartphone abbonamento o ricaricabile, per queste ultime in genere non c’è vincolo (a meno che non ci si leghi all’acquisto a rate di un dispositivo mobile) ed è anzi possibile cambiare piano tariffario quando si vuole.

In sostanza, gli abbonamenti sono consigliati per chi ha un consumo abbastanza regolare sia di chiamate che di SMS e traffico dati, vuole abbinare uno smartphone alla sua offerta pagandolo a rate e non ha intenzione di cambiare operatore nel breve periodo. Viceversa chi è sempre in cerca dell’offerta migliore farà bene a sottoscrivere una ricaricabile.

Le offerte con Wind

Wind prevede un solo tipo di abbonamento, Wind Magnum, sempre caratterizzato da minuti e SMS illimitati a partire da 24 euro al mese ma con la dotazione di GB per il traffico dati che può variare da 2 GB a 14 GB. In più ora c’è anche Sky Online incluso per 6 mesi, con i pacchetti Intrattenimento o Cinema oppure quello Squadra del Cuore per tutta la durata del campionato di Serie A.

Attiva Wind Magnum 2 Giga »

Con Wind Magnun non paghi la Tassa di Concessione Governativa, prevista invece per i normali abbonamenti (5,16 euro al mese).

E non solo: con la promo Wind Magnum Sport Edition fino all’11 dicembre c’è uno smartwatch Samsung Gear S2 in omaggio a zero euro al mese, pagando solo un anticipo di 49,90 euro.

Le offerte per ricaricabile di Wind sono invece All Inclusive, All Inclusive 2 Giga, All Inclusive Young con Google Play, All Inclusive Senior, All Inclusive Music, All Inclusive Games, la nuova All Inclusive Movies con Wuaki, All Digital. Con Wind la differenza tra abbonamento e ricaricabile riguarda più che altro la dotazione illimitata, perché la possibilità di avere uno smartphone in dotazione è presente, anche se con canoni diversi (più scontati per Wind Magnum), in entrambe le varianti.

Le offerte con TIM

TIM è uno degli operatori che fa meno differenze tra ricaricabile e abbonamento, proponendo invece delle “offerte mobili” generiche per telefonia mobile (come le varie TIM Special, TIM Young, TIM 60+ e così via). In più ci sono le tariffe, come TIM Smart Mobile, che oltre alla SIM includono anche il telefono fisso con ADSL o fibra ottica illimitate, le chiamate a 0 centesimi al minuto, la linea di casa inclusa e TIMvision, il servizio per cinema, serie TV, cartoni anche fuori casa e senza consumare i gigabyte dell’offerta.
Confronta le offerte TIM »
Per chi invece vuole avere anche lo smartphone, c’è TIM NEXT, un’opzione attivabile insieme a qualsiasi tariffa che includa anche del traffico dati (quasi tutte, in pratica) e che permette l’acquisto a rate di un dispositivo mobile dietro il pagamento di un contributo iniziale e un canone mensile, di solito in più varianti. La durata del vincolo può essere di 24 o 30 mesi e c’è inoltre la possibilità di sostituire lo smartphone dopo un anno con un modello nuovo. Per chi attiva entro il 6 dicembre ci sono anche 2 GB 4G in più per il traffico dati.

Le offerte con Vodafone

A differenza di TIM Vodafone prevede una differenza abbastanza netta tra le offerte in abbonamento (o meglio con smartphone incluso), cioè le tre RELAX – RELAX, RELAX Casa Edition con fibra o ADSL incluse, RELAX Completo Family Edition con due smartphone e due SIM – e quelle ricaricabili, le Vodafone Flexi (Flexi Start e Flexi Maxi, a partire rispettivamente da 10 euro e 15 euro ogni quattro settimane). Per le Flexi si può scegliere liberamente quanto traffico dati includere, da 100 MB a 5 Giga. In più c’è l’opzione Riparti per non rimanere mai senza Internet.
Confronta le offerte Vodafone »
Da notare che sono appena uscite le offerte Flexi Start + Christmas Card, che uniscono anche l’intrattenimento di Netflix incluso per 3 mesi.

Le offerte con Tre

Per quanto riguarda Tre, tra i primi operatori a lanciare gli abbonamenti con smartphone incluso, c’è differenza tra le offerte in abbonamento, solo SIM o anche con dispositivo mobile incluso (le diverse FULL, 400, Unlimited e Unlimited Plus, e FREE, che permette di cambiare smartphone dopo 15 mesi) e le ricaricabili, cioè ALL-IN 200 Extra, ALL-IN 400 Extra, ALL-IN 800 Extra e ALL-IN ONE.
Attiva ALL-IN 800 Extra »
Le offerte ALL-IN Extra hanno la particolarità di raddoppiare ogni 6 mesi la dotazione di minuti e di SMS, e possono basarsi sia su credito residuo che su carta di credito o conto corrente. Anche per le ricaricabili, però, c’è la possibilità di acquistare uno smartphone a rate: sono le offerte Scegli 10, Scegli 15, Scegli 20 e Scegli 30, che di solito si attivano insieme a un pacchetto ALL-IN.

Le offerte con Tiscali

Infine c’è Tiscali, che prevede esclusivamente offerte ricaricabili (Super 1 Giga, Super 2 Giga, Super 3 Giga, Super Inclusive) e non dà la possibilità di acquistare a rate uno smartphone. Per tutte le offerte, però, ci sono almeno 2 mesi di Infinity, la televisione streaming on demand di Mediaset Premium.
Attiva Super 2 Giga »
Scegliere tra le tariffe smartphone abbonamento o ricaricabile è insomma ormai più che altro una questione di operatore, considerando che ciascuno sceglie liberamente il fattore su cui basare la differenza (dalla dotazione illimitata di minuti di traffico alla possibilità di avere lo smartphone, e così via).