Tariffe GAS troppo care, l’AEEG indaga

L’inverno è alle porte e il consumo di gas si prepara ad aumentare esponenzialmente: tra teleriscaldamenti e caldaie autonome circa il 55% del gas viene consumato negli ultimi 3 mesi dell’anno. Ma come sono le tariffe del gas? Troppo alte, e l’autorità per l’Energia e il Gas ha aperto un’istruttoria per vederci chiaro.

Il mercato italiano del gas deve scontrarsi con due principali criticità: la difficoltà nel riempimento degli stoccaggi e i prezzi italiani, troppo elevati rispetto a quelli europei. C’è infatti una differenza rilevante tra il prezzo applicato nel mercato italiano e nei vari mercati europei, che in media è compresa tra 5 e 7 euro/MWh.

trasporto-gas

Gli impianti di stoccaggio non lavorano a pieno regime: l’utilizzo è solo parziale delle capacità di trasporto da alcuni punti di entrata nel sistema nazionale (come il punto di ingresso di Tarvisio che collega il gasdotto austriaco TAG). Il fatto evidenzia alcune anomalia vista la prolungata interruzione del gasdotto Transitgas, di non rapida soluzione.

Parola d’obbligo: concorrenza. E’ necessario garantire ai clienti finali la possibilità di usufruire dei benefici della concorrenza e di condizioni di prezzo più favorevoli, attraverso un’effettiva integrazione dei mercati. La recente decisione della Commissione europea di voler aprire l’accesso europeo al mercato del gas per aumentare la concorrenza e diminuire i prezzi di fornitura per famiglie ed imprese.

alle porte e il consumo di gas si prepara ad aumentare esponenzialmente: tra teleriscaldamenti e caldaie autonome circa il 55% del gas viene consumato negli ultimi 3 mesi dell’anno. Ma come sono le tariffe del gas? Troppo alte, e l’autorità per l’Energia e il Gas ha aperto un’istruttoria per vederci chiaro.

Il mercato italiano del gas deve scontrarsi con due principali criticità: la difficoltà nel riempimento degli stoccaggi e i prezzi italiani, troppo elevati rispetto a quelli europei. C’è infatti una differenza rilevante tra il prezzo applicato nel mercato italiano e nei vari mercati europei, che in media è compresa tra 5 e 7 euro/MWh.

trasporto-gas

Gli impianti di stoccaggio non lavorano a pieno regime: l’utilizzo è solo parziale delle capacità di trasporto da alcuni punti di entrata nel sistema nazionale (come il punto di ingresso di Tarvisio che collega il gasdotto austriaco TAG). Il fatto evidenzia alcune anomalia vista la prolungata interruzione del gasdotto Transitgas, di non rapida soluzione.

Parola d’obbligo: concorrenza. E’ necessario garantire ai clienti finali la possibilità di usufruire dei benefici della concorrenza e di condizioni di prezzo più favorevoli, attraverso un’effettiva integrazione dei mercati. La recente decisione della Commissione europea di voler aprire l’accesso europeo al mercato del gas per aumentare la concorrenza e diminuire i prezzi di fornitura per famiglie ed imprese.

Commenti Facebook: