Tariffe elettriche a confronto: bioraria o monoraria

Non tutte le tariffe elettriche sono uguali. Non parliamo, ovviamente, delle differenze di prezzo che esistono tra i vari operatori, e che necessitano un confronto approfondito per valutare i vantaggi dell’uno o dell’altro. La scelta di una tariffazione multioraria o monoraria è ormai ineludibile a prescindere dal fornitore scelto, e conoscere le proprie abitudini è indispensabile per non spendere di più. Di seguito vediamo come valutare l’opportunità delle diverse tariffe elettriche a confronto, bioraria o monoraria.

Energia copia
Ecco quando conviene optare per un piano di tariffazione o per l'altro

Cosa cambia tra bioraria e monoraria

Tra i maggiori mutamenti relativi alla liberalizzazione del mercato del gas e dell’energia c’è sicuramente la possibilità di scelta tra diverse tipologie di tariffazione, invece di avere sempre lo stesso costo fisso a prescindere dal momento della giornata. I nuovi contatori infatti supportano questo cambiamento che ha lo scopo principale di promuovere e favorire comportamenti virtuosi in materia di energia da parte dei cittadini.

In una tariffa multioraria vengono infatti previste alcune fasce orarie relative a momenti della giornata in cui l’elettricità costa di più o di meno. Durante il giorno, con industrie e uffici che lavorano a pieno regime, l’energia elettrica è più richiesta e pertanto il prezzo è più alto; la sera, quando il consumo di energia è in gran parte limitato al contesto domestico, l’elettricità costa meno.

Le fasce per la tariffazione multioraria

Queste sono le fasce orarie che sono state stabilite dall’Autorità: in una monoraria il prezzo per kWh è uguale per tutte, in una bioraria c’è un prezzo per F1 e uno unico per le fasce F2 ed F3 (spesso indicate con F23 o F2+F3) mentre le più rare triorarie diversificano tutte e tre le fasce.

  • F1: dalle 8:00 di mattina alle 19:00 dal lunedì al venerdì, festività nazionali escluse
  • F2: dalle ore 7:00 alle ore 8:00 la mattina, dalle ore 19:00 alle ore 23:00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 7:00 alle ore 23:00 il sabato, festività nazionali escluse
  • F3: dalle ore 00.00 alle ore 7.00 e dalle ore 23.00 alle ore 24.00 dal lunedì al sabato, la domenica e festivi tutte le ore della giornata

Quando conviene la tariffazione multioraria e quando la monoraria

Ma quando conviene scegliere un tipo di tariffazione rispetto a un altro? Dipende naturalmente dalle proprie abitudini di consumo.

La tariffazione monoraria è adatta per i nuclei familiari dove, ad esempio, uno dei coniugi è in casa durante il giorno e si occupa dei lavori domestici indipendentemente dalla fascia oraria, utilizzando apparecchi particolarmente “energivori” come il forno o la lavatrice.

Viceversa, la tariffazione multioraria è perfetta per le case che non hanno bisogno di energia elettrica a parte il minimo indispensabile (come il frigorifero) durante il giorno ma concentrano i consumi soprattutto alla sera o nei weekend. L’esempio classico è quello della coppia, magari senza figli, con entrambi partner lavoratori fuori casa.

Le tariffe monorarie e biorarie sul mercato: l’esempio di Enel Energia

Vediamo alcune tariffe elettriche a confronto: bioraria o monoraria. Tutte e tre le offerte per l’energia elettrica domestica di Enel Energia sono presenti in entrambe le versioni.
Attiva un’offerta Enel Energia

  • Semplice Luce monoraria pratica un prezzo di 0,361 €/kWh al mese al netto dell’IVA, bloccato per un anno; la versione bioraria, invece, prevede una fascia “blu” (F23) che costa 0,144 €/kWh fino a 150 kWh/mese e 0,240 €/kWh oltre i 150 kWh/mese; la fascia “arancione”, invece (F1) ha un prezzo di 0,545 €/kWh.
  • Energia Pura monoraria, l’offerta per forniture solo con energia da fonti rinnovabili, costa 0,0780 €/kWh, mentre la versione bioraria costa 0,0365 €/kWh nella fascia “blu” e 0,1725 €/kWh nella fascia “arancione”.
  • E-light, l’offerta solo online di Enel Energia, ha un prezzo della componente energia pari a 0,0500 €/kWh per la monoraria, mentre la bioraria prevede 0,0245 €/kWh in fascia blu e 0,1005 €/kWh in fascia arancione.

Commenti Facebook: