Tariffe Biorarie e Monorarie: consumare di sera non è più così conveniente

Scegliere un’offerta bioraria è sempre meno conveniente. Anche concentrando i propri consumi di elettricità nelle fasce orarie più economiche non si riescono a raggiungere i risparmi garantiti dalle migliori offerte monorarie, ovvero le tariffe che prevedono che il prezzo dell’energia elettrica sia indipendente dall’orario di utilizzo. La conferma arriva dall’ultimo studio di SosTariffe.it che ha calcolato la spesa media annua per l’elettricità con entrambi i tipi di tariffe per tre diversi profili di consumo. Ecco tutti i dettagli relativi al risultato del nuovo studio. 

Ecco i risultati del nuovo studio di SosTariffe.it

Scegliere una tariffa luce monoraria a prezzo fisso permette di risparmiare di più rispetto alla scelta di una tariffa bioraria, ovvero una particolare tipologia di offerta che prevede un prezzo dell’elettricità differente a seconda della fascia oraria di utilizzo dell’energia. Da notare, inoltre, che il risparmio è inversamente proporzionale ai consumi registrati.

L’ultimo studio di SosTariffe.it in tema di tariffe di energia elettrica ha evidenziato le differenze tra le offerte luce monorarie e quelle biorarie andando ad individuare tre diversi profili di consumo (caratterizzati da un preciso fabbisogno energetico annuo) per chiarire le differenze tra le varie tipologie di tariffe.

Tre profili di consumo: come cambiano i risparmi possibili

Lo studio di SosTariffe.it, condotto nel corso del mese di febbraio 2020 grazie allo strumento di comparazione delle offerte di energia elettrica, ha preso in considerazione tre profili tipo di consumo energetico, riferiti tutte e tre alla città di Milano, andando ad evidenziare le differenze in termini di costi.

I profili considerati sono:

  • consumo annuo di 1000 kWh che identifica il profilo di un single che vive da solo
  • consumo annuo di 2700 kWh che identifica il consumo tipico di una famiglia da 3-4 componenti
  • consumo annuo di 5000 kWh che identifica un nucleo familiare di 7 persone

Lo studio ha poi analizzato la diversa convenienza tra le offerte di energia elettrica monorarie e biorarie per ogni profilo di consumo. Per quantificare costi e risparmi sono state considerare cinque tra le offerte più economiche presenti sul mercato libero nel corso del mese di febbraio 2020.

La tabella qui di seguito va a riassumere i risultati dello studio di SosTariffe.it in merito ai vantaggi legati alla scelta tra tariffa monoraria e tariffa bioraria per la fornitura di energia elettrica per la propria casa.

Monoraria vs bioraria: cosa cambia tra le due tariffe

Prima di entrare nei dettagli dei risultati dello studio, è importante fare una chiara distinzione tra le offerte luce di tipo monorario e quelle di tipo biorario. Come già anticipato in precedenza, le tariffe monorarie presentano un prezzo dell’energia elettrica completamente indipendente dall’orario di utilizzo della stessa.

Per quanto riguarda le tariffe biorarie, invece, il costo dell’energia elettrica dipende dall’orario di utilizzo. Per chiarire i costi delle tariffe multi-orarie vengono definite le seguenti fasce orarie:

  • F1: 8 – 19.00 dei giorni lunedì – venerdì
  • F2: 7-8 e 19-23 dei giorni lunedì-venerdì, 7-23 del sabato
  • F3: 00-7 e 23-24 dei giorni lunedì-sabato; tutte le ore per domenica e festivi

Single che vive da solo: con la monoraria risparmi fino al 7,72%

Per il profilo di consumo caratterizzato da un fabbisogno energetico di 1000 kWh all’anno, scegliendo una tariffa bioraria si registra un costo medio di 230 Euro all’anno (la soluzione più economica comporta una spesa di 216 Euro mentre la più cara prevede una spesa complessiva di 241 Euro). Per quanto riguarda le tariffe monorarie, invece, il costo medio è di 213 Euro. In questo caso, il prezzo annuale oscilla da 191 a 222 Euro. Scegliendo una tariffa monoraria è possibile ottenere un risparmio medio del 7,72%

Famiglia di 3-4 componenti: con la monoraria risparmi fino al 4,44%

L’analisi dei costi per il primo profilo di utente offre risultati simili anche per il profilo con consumo energetico annuo di 2700 kWh di energia elettrica che identifica un nucleo familiare composto da 3-4 persone. In questo caso, il costo medio delle migliori offerte bioriarie è di 467 Euro all’anno (la più conveniente prevede una spesa di 456 Euro mentre la più costosa comporta una spesa di 481 Euro).

Scegliendo una tariffa monoraria, invece, la famiglia composta da 3-4 componenti registrerà una spesa annua media di 447 Euro. In questo caso, la soluzione più economica permette di contenere i costi sino a 411 Euro mentre la più cara prevede una spesa complessiva di 463 Euro all’anno. Optando per le tariffe a prezzo fisso nell’arco della giornata è possibile ottenere un risparmio di 4,44%.

Famiglia numerosa: con la monoraria risparmi “solo” del 2,56%

All’aumentare dei consumi energetici, le differenze tra le due tipologie di tariffa si assottigliano. Con un fabbisogno annuo di 5000 kWh, che corrisponde ai consumi di una famiglia molto numerosa (in media 7 componenti), si registra un costo medio annuale di 840 Euro scegliendo una tariffa bioraria. In questi casi, la spesa minima è di 818 Euro mentre la massima di 861 Euro. Per una tariffa monoraria, invece, il costo medio annuale è di 819 Euro. Il risparmio optando per un’offerta monoraria sarà del 2,56%. 

App e comparatore per scegliere l’offerta su misura

Come fare, quindi, a scegliere l’offerta luce più conveniente? Per avere un quadro preciso e dettaglio dei costi annui e per individuare la migliore tariffa per la propria fornitura di energia elettrica è possibile consultare il comparatore di offerte di SosTariffe.it. Impostando il proprio consumo energetico (o stimandolo tramite l’apposito tool di calcolo), sarà possibile individuare le migliori offerte disponibili e verificare i margini di risparmio rispetto al mercato tutelato. Indicando anche l’effettiva distribuzione dei consumi (tra fascia F1 e fasce F2 e F3) sarà possibile anche verificare la soluzione più conveniente tra tariffe monorarie e biorarie.

Scopri le migliori offerte luce

Grazie all’applicazione SosTariffe.it, disponibile gratuitamente per il download su smartphone Android (dal Play Store) e su iPhone (dall’AppStore), sarà facile avviare la comparazione delle offerte direttamente dal proprio dispositivo mobile, velocizzando e semplificando la procedura per attivare le tariffe più convenienti.

Commenti Facebook: