Taglio alle commissioni interbancarie: le misure approvate dal Parlamento

Il Parlamento Europeo ha approvato pochi giorni fa un provvedimento per tagliare le commissioni bancarie, quelle che vengono addebitate ai rivenditori per le operazioni di pagamento con moneta elettronica. La riduzione sarà dello 0,3% per le operazioni con carta di credito e dello 0,2% con carta di debito. Sono previste anche delle misure per rendere più sicuri i pagamenti sul web e dare maggiori possibilità di scelta ai consumatori.

commissioni bancarie per l'uso di carta di credito e debito
Le commissioni più basse dovrebbero tradursi in minori costi per i consumatori

Il Regolamento europeo, proposto a luglio 2014 e votato nei giorni scorsi, prevede un taglio alle commissioni sulle transazioni con monete elettronica. Le commissioni bancarie sui pagamenti con carta costano ai rivenditori europei, secondo la Commissione Europea, oltre 10 miliardi di euro ogni anno.

La proposta approvata dal Parlamento

Le spese che le banche fanno pagare per l’elaborazione di transazioni nell’ambito di regimi come Visa e MasterCard – ha spiegato il Parlamento europeo – saranno limitate allo 0,3% del valore della transazione per le transazioni con carta di credito e 7 centesimi di euro o 0,2% del valore della transazione (se inferiore) per quelle con carta di debito”.

“I limiti – continua il Parlamento – si applicheranno sia alle transazioni nazionali sia a quelle nell’UE. Questi limiti saranno applicati per transazioni transnazionali e nazionali nell’UE e diverranno effettive un anno dopo l’entrata in vigore della norma. Col tempo, le tasse più basse dovrebbero tradursi in prezzi più bassi per gli utenti di carte”.

Con queste misure, il Parlamento prevede ridurre i costi delle transazioni a favore di commercianti e consumatori. In questa maniera, potrebbero venire eliminati i famosi “costi nascosti” che gravano su esercenti e, di conseguenza, pesano sui consumatori che si vedono rifiutare il pagamento tramite bancomat o carta di credito.

La polemica: pagheranno di più i consumatori?

La misura approvata nei giorni scorsi dal Parlamento che ha creato polemiche, anche se si tratta soltanto di un primo passaggio prima della ratifica da parte del Consiglio Europeo.

I commercianti sono soddisfatti, dato che secondo FederdistribuzioneLa riduzione delle commissioni interbancarie rappresenta uno stimolo allo sviluppo dei pagamenti elettronici, un elemento fondamentale nell’ambito della lotta all’evasione fiscale e una opportunità per i consumatori“.

Tuttavia, le società che forniscono i servizi finanziari sono scontente. Con il taglio alle commissioni interbancarie, soltanto la grande distribuzione troverà un beneficio, mentre i consumatori dovranno affrontare costi più elevati. In effetti, come già successo in altri Paesi, i costi relativi alla gestione del conto corrente o della carta di credito o debito sono stati trasferiti ai consumatori.

Antonio Longo, del Movimento Difesa ai Consumatori, ha spiegato che “per mantenere sicuro il sistema dei pagamenti elettronici è molto probabile che i costi annui delle carte di credito e di debito aumenteranno, e chi li paga quei costi? Non certo i commercianti e nemmeno le banche: saranno i consumatori”.

In effetti, in Spagna, USA e Australia, dopo aver tagliato le tasse interbancarie si è dovuto tornare indietro dopo il forte rincaro dei costi delle carte di credito e bancomat per i consumatori.

Secondo Longo quindi il fine non giustifica i mezzi: è necessario puntare sulla tracciabilità degli acquisti attraverso il pagamento digitale, ma bisogna prima trovare soluzioni meno costose per il consumatore.

Infine, se sei interessato a trovare un conto corrente nel quale non ci siano canoni da pagare per la carta di credito o il registro delle operazioni, ti consigliamo di dare un’occhiata ai conti correnti online a zero spese. Con questi prodotti, in effetti, non si pagano canoni di alcun tipo, ed in certi casi perfino l’imposta di bollo è carico della banca.

Per individuare il conto corrente più adatto alle tue esigenze, SosTariffe.it mette a tua disposizione un utile comparatore gratuito ed indipendente di conti correnti.

Confronta Conti Correnti

Commenti Facebook: