Sospensione assicurazione moto: come fare

L’argomento interessa i motociclisti che utilizzano la moto solo per un mese, per due o tre quando arriva la bella stagione, ma non solo. L’esigenza di sapere come fare una sospensione assicurazione moto, nasce anche quando per altri motivi, il veicolo non viene utilizzato per un certo periodo, il che rende sconveniente pagare la copertura assicurativa. Ecco  tutti i vantaggi e le compagnie che offrono la possibilità di sospendere.

Interrompi la polizza e risparmia da subito con l'Rc moto sospendibile

Ci sono persone che non abbandonano mai la propria moto. La passione per le due ruote spesso si unisce ad uno stile di vita, e l’Italia è piena di centauri che vanno a lavoro, viaggiano e si spostano costantemente con il loro motociclo. C’è poi chi invece ha sia l’auto che la moto, e utilizza quest’ultima solo in certe occasioni o in determinati periodi dell’anno. In questi casi bisogna sapere come fare la sospensione assicurazione moto e a chi rivolgersi per pagare solo l’effettivo periodo di copertura.

Una guida all’interruzione della polizza, alle modalità per sospendere e riattivare l’Rc moto è quello che ci vuole per conoscere quale assicurazione fa per voi e quale compagnia la propone. Di seguito, i consigli di SosTariffe.it per scegliere un’assicurazione su misura.
Confronta assicurazioni moto

Perché scegliere la sospensione assicurazione moto

Quali sono i casi più frequenti, in cui si ha la necessità di sospendere la polizza moto? Si da per scontato che solo chi ha più di un veicolo abbia bisogno della sospensione, eppure questa risulta utile anche quando:

  • si usa la moto solo d’estate o in altri periodi dell’anno. Durante gli altri mesi invece si utilizzano i mezzi di trasporto pubblici;
  • emergenze finanziarie impongono limitazioni all’uso della moto. I costi di una due ruote riguardano il carburante, la manutenzione e la copertura assicurativa, ma può accadere che per tagliare le spese, ci sia il bisogno di risparmiare sull’Rc moto;
  • in caso di furto, in attesa di acquistare una nuova moto su cui spostare l’assicurazione;
  • per intraprendere un viaggio durante il quale la due ruote resta ferma in garage.

Come funziona l’Rc moto sospendibile

A scanso di equivoci, la polizza moto sospendibile non è altro che una classica assicurazione moto annuale che, in quanto tale, garantisce la copertura contro la responsabilità civile per 12 mesi, e che consente al contrario delle polizze c.d. temporanee, di far scattare una classe di merito favorevole in assenza di sinistri. L’unica differenza rispetto alla formula tradizionale, è che la compagnia di riferimento da ai clienti la possibilità di interrompere la copertura anche più volte durante l’anno assicurativo, per un periodo non inferiore a 3 mesi e non superiore all’anno.

Oggi la maggior parte delle assicurazioni online offre la possibilità di sospendere, come la maggior parte dei centauri sceglie polizze sospendibili. Il motivo è molto semplice. Fare la sospensione assicurazione moto permette di utilizzare il veicolo in modo flessibile, senza temere le sanzioni per mancata Rca, ma non solo.

La sospensione consente di risparmiare sull’Rc moto. 

Sì perché quando la polizza viene sospesa, il premio già pagato e non goduto durante la sospensione viene “congelato” e si potrà utilizzare quando davvero necessario, cioè alla riattivazione. In sostanza il motociclista risparmia quando la moto rimane ferma in garage.

Per attivare la sospensione poi, basta seguire le indicazioni della compagnia e compilare un modulo, scaricabile in genere online, con il quale comunicare alla compagnia la data desiderata d’interruzione. Quando il motivo della sospensione cessa, la riattivazione della polizza (sempre nelle assicurazioni online) può essere fatta facilmente accedendo alla propria area clienti, in un solo click.

Limiti e requisiti della sospensione assicurazione moto

Si intuisce come la facoltà di interrompere la polizza concessa dalla compagnia al cliente è un servizio utile in più, che non si può trasformare in un escamotage per evadere gli obblighi assicurativi, cioè per circolare senza Rca. La prima regola della sospensione assicurazione moto infatti, è che quando la polizza è interrotta il veicolo non può circolare né sostare su strade o luoghi pubblici.

Questa precisazione deve essere fatta, perché quando la compagnia accetta la sospensione e la moto (nonostante ciò) è in circolazione, l’assicurato dovrà pagare le sanzioni previste per mancanza di assicurazione. Questo è il primo limite alla sospensione ma esistono altri limiti, eccoli elencati:

  • la sospensione assicurazione moto può essere richiesta per un periodo non inferiore a 3 mesi e non superiore ad 1 anno, salvo condizioni contrattuali diverse di compagnia in compagnia;
  • la riattivazione deve essere fatta obbligatoriamente entro 1 anno dalla sospensione, pena la perdita della classe di merito acquisita.

Passiamo ora ai requisiti, perché non tutti gli assicurati possono attivare la sospensione e, nello specifico può farlo solo chi:

  • è in regola con le rate assicurative o ha già pagato l’intero premio annuale;
  • è contraente di una polizza moto annuale (non temporanea);
  • non possiede un veicolo in leasing salvo espressa autorizzazione della società.

Come fare la sospensione assicurazione moto online

Come accennato la maggior parte delle assicurazioni online ammette la possibilità di sospendere, e in particolare risultano sospendibili le polizze annuali di GENIALLOYD, DIRECT LINE e LINEAR. Con la polizza Moto Free di Genialloyd ad esempio, puoi sospendere l’Rca fino a due volte l’anno e per un periodo di tempo non superiore a 12 mesi e non hai nessuna spesa di riattivazione.

Per ottenere i preventivi moto in ordine di prezzo basta utilizzare il motore di ricerca offerte assicurative di SosTariffe.it e controllare che la compagnia che offre il prezzo migliore, ammetta oltre all’Rc auto anche l’interruzione Rc moto (per un controllo, basta collegarsi al portale ufficiale dell’assicurazione di riferimento).
Confronta preventivi RC moto

Commenti Facebook: