Social network, una risorsa anche per i calciatori

Quando si parla di social network e di calciatori all'interno di una stessa frase, di norma lo si fa per criticare qualche atteggiamento più o meno incongruo. È quanto accaduto nelle ultime settimane con l'attaccante dell'Inter Icardi, e quanto successo pochi giorni fa con quello dell'Atalanta, Livaja.

Social network, una risorsa anche per i calciatori

In ogni caso, non tutti sembrano ritenere i social network quali controproducenti per la categoria dei calciatori, anzi. Ad intervenire sul dibattito è stato, pochi giorni fa, il presidente dell’Aic Damiano Tommasi, secondo cui nell’ambiente situazioni di confronto verbale duro e a volte esagerato sono prevedibili.

“Se a questo aggiungiamo che nell’era dei social network tutto è facile e permesso” – ha proseguito il numero 1 dell’Associazione italiana calciatori – “per un ragazzo di quell’età è facile cadere nell’errore o mettersi sullo stesso livello di chi lo sta insultando”.

Paragona le tariffe ADSL»

Quindi, il presidente dell’Aic rompe definitivamente gli indugi e si dichiara molto favorevole nei confronti della rete e della tecnologia in generale, definendo “i social network una risorsa per noi e per i tifosi”, ma riconoscimendo che “a volte si dà troppa importanza ai social e non sappiamo farli funzionare a nostro favore”.

Commenti Facebook: