Smartphone all’estero: i consigli per risparmiare soldi e traffico dati

Fortunatamente è difficile, oggi, spendere troppo quando si telefona e ci si collega all’estero trovandosi in un Paese dell’Unione Europea, ma i rischi non mancano: soprattutto se ci si dimentica di attivare la connessione 4G solo quando serve. E se si è in una nazione non-Ue, i vecchi problemi di bolletta ritornano: ecco come fare per evitarlo.

Come evitare di esaurire il traffico dati... appena scesi dall'aereo

Il problema delle telefonate e connessioni all’estero

Mai più bollette stratosferiche per chi è all’estero? Insomma. L’addio al roaming – una parola ormai legato al passato, visto che i costi relativi sono stati aboliti il 15 giugno dell’anno scorso – ha sicuramente rivoluzionato il mondo della telefonia mobile per chi viaggia molto nei Paesi dell’Unione Europea, ma sono tante le nazioni a noi molto vicine (come ad esempio la Svizzera) dove una chiamata può costare ancora moltissimo, per non parlare di una connessione dati.

Cercare sempre il wireless e usare i contenuti offline

Il consiglio numero uno per risparmiare soldi e traffico dati quando si è all’estero è cercare una connessione wireless: in molti Stati, infatti, le linee aperte e gratuite sono davvero tante, dagli hotel ai caffè. E quando si prenota per il proprio soggiorno è bene assicurarsi che la connessione sia sempre garantita. Attenzione, però: se vi collegate a una linea pubblica, come ad esempio il Wi-Fi di un aeroporto, è meglio rinunciare a effettuare operazioni che coinvolgono troppi dati sensibili, come ad esempio controllare il proprio conto corrente. Non si sa mai.
Confronta le offerte di telefonia mobile »
Un altro consiglio è quello di sfruttare il più possibile la connessione… di casa. Già, perché sono sempre di più le applicazioni che consentono di scaricare contenuti che normalmente richiederebbero una connessione attiva (dai film in streaming di Netflix fino alle cartine di Google Maps) direttamente sul proprio dispositivo. Oggi gli smartphone e i tablet arrivano tranquillamente a 64, 128 e perfino 256 GB, come un hard disk SSD di un portatile, quindi non c’è più nemmeno la scusa dello spazio.

Attenzione a disattivare il roaming dati

Quando si passa il confine italiano, a meno di non avere offerte dedicate è necessario disabilitare il roaming dati, selezionando l’apposita opzione nelle Impostazioni (si trova facilmente sia su smartphone e tablet Android che iOS, e consente di accedere a Internet solo quando è disponibile una rete Wi-Fi). Altrimenti rischiamo che ancora prima di arrivare in hotel il nostro operatore ci possa mandare una notifica dove c’è scritto che il nostro traffico dati è già terminato.

Attenzione anche al “roaming marittimo”, quello praticato da molti operatori per le crociere e gli trasferimenti via nave e traghetto in genere: è molto costoso, anche per una semplice controllata al proprio profilo Facebook o Instagram.

Commenti Facebook: