Smart grid, Enel si allea con le amministrazioni

Con la riforma delle amministrazioni locali divenuta realtà dopo lo scorso aprile, con l’approvazione della legge 56, si è molto insistito sulla necessità di rendere più ecosostenibili zone urbane e hinterland relativi, riducendo i consumi energetici e ottimizzando il consumo delle ricerche. In un convegno a Napoli organizzato dal Consorzio Anea si è parlato anche dei prossimi passi di Enel in questo senso.

Smart-City
Enel punta sempre di più sulle smart grid avanzate

Nel convegno, «Sostenibilità Energetica ed il ruolo delle Utilities per lo sviluppo smart delle Aree Metropolitane», è intervenuto anche Giuseppe Santino, responsabile Distribuzione Territoriale Campania di Enel Distribuzione.

Secondo il manager, «le città del futuro avranno livelli di urbanizzazione crescenti, diventando le principali responsabili dei consumi e quindi dell’inquinamento. In questo contesto il ruolo dei distributori di energia e di altri servizi cambia profondamente e diventa fondamentale: le smart grids sono la risposta efficace per rendere la città metropolitana anch’essa smart».
Confronta le offerte Enel Energia »
Per questo Enel punta molto sull’integrazione con le amministrazioni per la proposta di smart grid avanzate, come dimostrano i progetti a Bari e Genova, dove i centri di controllo urbano realizzati permettono di disporre di mappature energetiche e di altre informazioni legate al territorio, strategiche per lo sviluppo e per la progettualità delle aree urbane.

Lo scorso anno, sono stati siglati accordi tra Enel e Telecom per sinergie di rete durante la posa della fibra ottica, finalizzata allo sviluppo di progetti di smart city.

Commenti Facebook: