Sky gratis: rischi e conseguenze del card sharing

Chi cede al desiderio di vedere Sky pagando una frazione del suo canone, basandosi su pratiche pirata illegali come il cosiddetto card sharing, rischia grosso: per una recente sentenza della Cassazione, fino a 4 anni di reclusione e diverse migliaia di euro di multa. Ecco perché il fenomeno della condivisione illecita dei contenuti accessibili con una card regolare viene combattuto con molto rigore.

Punizioni esemplari per chi cerca di guardare la tv satellitare senza pagare

Che cos’è il card sharing

Per molti la tentazione è forte: le card che permettono l’accesso a Sky sembrano molto semplici da clonare, in modo da poterle sfruttare anche su un decoder o con un sistema che comunque non fa capo a quello del titolare dell’abbonamento. Le conseguenze, però, possono essere molto gravi. Il card sharing – che consente di diffondere la visione di una pay tv a partire da una smart card regolare – è una pratica diffusa quanto perseguibile, e proprio la Corte di Cassazione si è da poco espressa con molta durezza.

Con il card sharing, si dà vita a un’organizzazione con decoder appositi connessi a Internet, che avviano una comunicazione con dei server pirata e consentono la visione in chiaro dei canali criptati. Tutto quello che serve è una smart card con abbonamento in regola e di un PC che regoli le diverse codifiche e decodifiche, in maniera non molto diversa dalle celebri “wafercard” che colpirono duramente il fatturato di Tele+, in Italia, qualche anno fa.

Che cosa si rischia con il card sharing

Per chi si approfitta di questi espedienti, il rischio è  notevole. La Corte di Cassazione ha appena condannato un uomo di 52 anni che vedeva Sky con il card sharing a quattro mesi di reclusione e duemila euro di multa. La sentenza è stata comminata «perr aver installato un apparecchio con decoder regolarmente alimentato alla rete Lan domestica e Internet collegato con apparato tv e connessione all’impianto satellitare, rendendo così visibili i canali televisivi del gruppo Sky Italia in assenza della relativa smart card».

Il gioco, insomma, decisamente non vale la candela, al di là delle (doverose) considerazioni etiche. In più, la qualità della visione e dell’audio è nettamente inferiore, oltre alla latenza che rallenta la regolare trasmissione. In più Sky offre canoni particolarmente bassi in questo momento, e non mancano iniziative come quelle che in certi periodi consentono di provare un mese tutti i pacchetti dell’operatore satellitare a meno di 10 euro, nel caso degli abitanti di Milano.
Scopri Sky TV + Calcio + Famiglia + HD
Per tutti gli altri comunque gli sconti non mancano: al momento un abbonamento a Sky TV più un pacchetto a Calcio, Sport, Cinema, oltre a Sky Famiglia, l’alta definizione, il servizio Sky Box Sets, il decoder My Sky HD e, infine, anche una televisione HD LG da 22” pollici in omaggio (fino al 23 ottobre) costa per un anno 29,90 euro ogni 4 settimane.

Commenti Facebook: