Si possono pagare le sigarette con il bancomat?

La risposta alla domanda se si possano pagare le sigarette con il bancomat fino a qualche anno fa poteva essere negativa, le commissioni su un conto di pochi euro infatti erano molto elevate e l'obbligo di accettare i pagamenti elettronici era sopra i 30 euro. Con la Legge di Stabilità 2016 però i commercianti sono stati forzati ad accettare le carte anche per le transazioni da 5 euro in su. Ecco maggiori dettagli su questo argomento e sulle migliori carte di Settembre

Si possono pagare le sigarette con il bancomat?

Dal 2020 è obbligatorio per tutti i tabacchi avere il POS e permettere ai clienti di pagare con carte e bancomat. I governi negli ultimi anni si sono impegnati in una lotta contro gli evasori fiscali e hanno spinto sia gli esercenti che gli utenti a privilegiare i sistemi di pagamento tracciabili. Il problema è che però non sono state previste e adottate delle sanzioni per chi si rifiuta di accettare il pagamento con bancomat per sigarette e altri articoli che costano meno di 5 euro.

Il nuovo bonus bancomat, che da Luglio ha sostituito il Cashback, è riservato solo ad esercenti e partite IVA e contribuisce ad abbattere i costi legati al POS per le attività e i liberi professionisti. La speranza è che con la promessa di una detrazione fiscale e di spese fisse molto basse i commercianti e i professionisti adottino i metodo di pagamento elettronici in modo più sistematico. Una delle agevolazioni per le attività consiste infatti nella riduzione del 100% delle commissioni applicate agli acquisti con POS. Sono anche previsti dei rimborsi sulle dichiarazioni dei redditi che variano dai 160 ai 320 euro.

Ma a te quanto costa pagare le sigarette con il bancomat? Questo dipende dal tipo di carta che decidi di attivare e dalle commissioni che la banca o l’emittente applica alle tue operazioni. Per gli esercenti c’è l’azzeramento delle spese di commissioni per pagamenti fino a 5 euro (o a seconda della società o banca da cui si noleggia il POS) e si paga un canone fisso mensile che può essere ridotto grazie al bonus bancomat. Per i clienti è importante invece valutare quali sono le condizioni su prelievi e transazioni sia in Italia che all’estero per poter evitare costi elevati.

Scopri le migliori carte di credito di Settembre»

Come puoi avere la tua carta

Per poter ottenere una carta di debito (bancomat o prepagata) e la carta di credito sono richiesti requisiti diversi. Nel primo caso infatti si tratta di carte che prelevano le somme spese direttamente dal conto, la seconda tipologia invece ti permette di comprare oggi e di restituire l’importo alla banca o all’emittente il mese successivo. Proprio per questo differente meccanismo nei pagamenti potresti avere una carta di debito ma non una carta di credito.

Se poi non sei residente in Italia, ma hai solo un domicilio e non possiedi un conto corrente il tuo strumento elettronico di pagamento possono essere le prepagate. Queste sono delle carte di debito che puoi ricaricare in contanti presso tabacchi, SisalPay e altri esercenti convenzionati, le più recenti sono anche dotate di IBAN quindi ti consentono anche di inviare e ricevere bonifici.

Una delle caratteristiche richieste per poter attivare una carta o un bancomat è di non essere iscritti come cattivi pagatori, questo è un elenco in cui finiscono coloro che saltano le rate del mutuo o di altri finanziamenti, che non pagano le bollette o che hanno il conto in rosso per almeno 3 mesi. Anche l’età può essere un elemento discriminante, se per esempio si hanno più di 75 anni è difficile trovare una banca che conceda una carta di credito.

In ogni caso, sia per carte che per bancomat, è necessario compilare i moduli della banca ed indicare i seguenti dati:

  • copia e numero documento d’identità
  • codice fiscale
  • documentazione relativa al reddito (busta paga, pensione o dichiarazione dei redditi)
  • residenza
  • permesso di soggiorno (per stranieri)

Le carte di credito sono degli strumenti di pagamento che ti consentono di effettuare spese più elevate, anzi in alcuni casi è esplicitamente richiesto che tu usi questo strumento piuttosto che il bancomat. Il plafond delle carte di debito giornaliero è infatti contenuto, in genere ogni operazione può arrivare al massimo a 250/500 euro. Con le carte di credito invece puoi anche effettuare transazioni da migliaia di euro, se compri un elettrodomestico o noleggi un auto per esempio ti viene richiesto il pagamento con carta e non con bancomat.

Usare questi strumenti di pagamento è assolutamente sicuro, le banche e gli emittenti hanno aumentato le misure di sicurezza per fare acquisti online con le carte. La doppia autenticazione, quindi con PIN e con un secondo codice usa e getta, è ormai la norma così come è adottato da quasi tutti gli istituti il 3D Secure. È importante però non diffondere i propri dati se non si è certi dell’attendibilità del sito su cui si fanno acquisti e non rispondere o inviare gli estremi della propria carta via mail o whatsapp.

Le migliori carte per comprare le sigarette

Dato che le sigarette costano tra i 4,50 euro ai 6 euro, in media, è importante per te che la carta non ti imponga delle commissioni sull’acquisto dei prodotti o dei servizi. Come vedremo tra poco questo non è quasi mai un problema che per il cliente, mentre è una delle scuse spesso utilizzate dagli esercenti per rifiutare il tuo pagamento con bancomat per piccoli importi. In effetti quando si paga con le carte la banca o la società da cui il commerciante affitta il POS può applicare da zero al 4% di commissione (spesso questa è la percentuale per i prelievi e i pagamenti in valuta straniera).

Se non sai bene che tipologia di carta vuoi attivare quali sono le caratteristiche e i costi più adatti alle tue esigenze, può esserti utile fare una ricerca delle carte in promozione a Settembre. Per facilitare il paragone tra diversi prodotti puoi utilizzare il comparatore di SOStariffe.it, o altri strumenti di confronto online che paragonano per te le differenti soluzioni gratis e in pochi minuti.

Ecco quali sono le caratteristiche migliori carte di credito disponibili a Settembre:

Carte Tipologia Canone Limiti spesa e prelievo Commissioni Servizi Requisiti
DOTS carta di debito con IBAN gratuito 999 euro al mese

prelievo massimo 250 euro al giorno
prelievo in Italia e in UE gratis

prelievi zona extra UE 3,45 euro
App per gestire i tuoi risparmi

carte virtuale

buono di benvenuto da 10 euro
Maggiore età e un indirizzo di residenza in Italia
Carta N26 carta conto gratuita 5.000 euro al mese

2.500 euro di prelievo (sempre di importi presenti sul conto)
prelievi 2 euro per ogni operazioni in Italia e in UE App

puoi pagare con lo smartphone

carta virtuale
Apertura conto N26
Tinaba carta conto gratuito 12.500 euro al mese

soglia massima prelievo giornaliera 250 euro
2 euro minimo per ogni prelievo App

estratto conto online gratuito

puoi pagare con Google Pay e Samsung Pay
Maggiore età e residenza in Italia
Widiba Carta Classic carta di credito 20 euro l’anno 1.500 euro al mese 2 euro per ogni prelievo in Italia o all’estero Notifiche Push delle operazioni

Estratto conto online gratis (cartaceo ti costa 1 euro)
Accredito sul conto mensile di almeno 800 euro o una giacenza media di 3 mila euro
Widiba Carta Gold carta di credito 50 euro l’anno 3.000 euro al mese

Nessun limite
minimo 2 euro per ogni prelievo o il 4% dell’importo Notifiche Push

SMS di avviso delle operazione compiute
Addebito minimo di 800 euro su conto corrente o patrimonio da 3.000 euro

Le American Express

Tra le carte più famose al mondo ci sono anche le Amex, queste però sono spesso rifiutate dagli esercenti perché applicano dei costi di commissioni molto più alti rispetto alle carte viste finora (Visa o Mastercard). Le American Express più popolari sono le carte: Verde, Oro e Platino. Ciascuna di queste soluzioni è riservata a dei profili di utenti precisi:

Amex Reddito Canone Commissioni
Verde Minimo 11 mila euro l’anno 75 euro l’anno 2,5 euro su pagamenti in valuta straniera

1,25 euro commissione minima su prelievo da ATM  o 3,9% dell’importo prelevato
Oro Minimo 25 mila euro 165 euro l’anno 2,5 euro su pagamenti in valuta straniera1,25 euro commissione minima su prelievo da ATM  o 3,9% dell’importo prelevato
Platino Reddito minimo 45 mila euro 60 euro al mese 2,5 euro su pagamenti in valuta straniera1,25 euro commissione minima su prelievo da ATM  o 3,9% dell’importo prelevato

Con ciascuna di queste carte puoi ottenere sconti e vantaggi se partecipi al Membership Rewards (programma a premi con promozioni presso negozi e attività convenzionate) e ci sono del welcome bonus personalizzati in base alla carta che attivi:

  • Carta Verde puoi avere 100 euro se spendi nei primi 12 mesi almeno 3.600 euro
  • Carta Oro  sarà gratuita per 1 anno se spendi almeno 12 mila euro e protezione frodi e acquisti online con rimborso fino a 2.600 euro
  • Carta Platino sconti e voucher del valore di 150 euro o puoi richiedere premi se spendi almeno 3.000 euro nei primi 3 mesi dall’attivazione della carta

Commenti Facebook: