Senza assicurazione auto cosa si rischia?

In Italia, purtroppo, sono ancora moltissimi i veicoli che circolano in strade pubbliche senza una regolare copertura assicurativa RC (responsabilità civile). Si tratta di una pratica vietata espressamente dal Codice della Strada che comporta per il proprietario del veicolo non assicurato delle sanzioni. Ecco cosa si rischia quando si circola senza assicurazione auto. 

Ecco cosa prevede il Codice della Strada per chi guida un'auto non assicurata

Il Codice della Strada, all’articolo 193, chiarisce il divieto di circolare in strade pubbliche con un’auto senza assicurazione. La normativa vieta a qualsiasi veicolo sprovvisto di regolare copertura RC di percorrere oppure sostare in qualsiasi strada pubblica o aperta al pubblico. Nel caso in cui il proprietario di un veicolo decida di non rinnovare l’assicurazione auto, il mezzo non potrà accedere ad una strada pubblica.

Le auto senza copertura RC devono, quindi, essere custodite in un luogo privato (ad esempio un box auto) che annulli il rischio di un sinistro stradale che coinvolga il veicolo stesso. Si tratta di un aspetto molto importante di tutto il sistema assicurativo del mondo dei motori che viene regolato da una normativa molto rigida che, al netto di un periodo di tolleranza di 15 giorni successivo alla data di scadenza della polizza, non presenta deroghe.Confronta i preventivi e risparmia sulla polizza RC Auto

Auto senza assicurazione: ecco le sanzioni

Un automobilista che viene beccato alla guida di un’auto senza assicurazione dovrà fare i conti con una sanzione amministrativa il cui importo è compreso tra 841 Euro e 3.287 Euro. E’ possibile ottenere una riduzione del 25% di tale importo provvedendo alla sottoscrizione ed al pagamento di una nuova polizza auto entro i primi 30 giorni successivi alla scadenza della polizza precedente. In alternativa, è possibile ottenere tale riduzione dell’importo della sanzione amministrativa procedendo con la demolizione del veicolo dopo aver comunicato all’organo che ha accertato la trasgressione la volontà di procedere lungo questa strada.

Da notare, inoltre, che oltre alla sanzione amministrativa è previsto anche il sequestro del veicolo. Saranno le Forze dell’Ordine che hanno accertato la trasgressione ad occuparsi del sequestro ed, in particolare, del prelevamento e del trasporto in un luogo privato del veicolo stesso. In alcuni casi, il luogo dove l’auto senza assicurazione sarà custodita viene concordato con il proprietario. Per poter rientrare in possesso dell’auto sequestrata sarà necessario provvedere al pagamento della sanzione amministrativa entro 60 giorni e coprire tutte le spese del sequestro (prelevamento, trasporto e custodia del veicolo).

E’ importante sottolineare che la sanzione inflitta quando si guida un’auto senza assicurazione può essere raddoppiata. Questo provvedimento scatta quando lo stesso automobilista sia incorso, in un periodo di due anni, per almeno due volte nella stessa infrazione. Da notare, inoltre, che quando c’è la recidività il veicolo sequestrato non viene restituito una volta completati tutti gli adempimenti amministrativi. In questi casi, infatti, è previsto il fermo amministrativo di 45 giorni del veicolo stesso.

Un automobilista che venga sorpreso nel tentativo di utilizzare documenti assicurativi falsi o contraffatti al fine di evitare la sanzione amministrativa, eludendo i controlli delle Forze dell’Ordine, dovrà fare i conti con un’ulteriore sanzione al tentato illecito. In questo caso particolare, infatti, il Codice della Strada prevede la confisca amministrativa per l’auto non assicurata ed una sanzione accessoria che consiste nella sospensione della patente di guida per un anno. Questi provvedimenti si affiancano e non sostituiscono la sanzione pecuniaria illustrata nei paragrafi precedenti.

Come funziona il periodo di tolleranza di un’assicurazione auto scaduta

Le assicurazioni auto di durata annuale prevedono un periodo di tolleranza di 15 giorni una volta scadute. In sostanza, per i primi 15 giorni successivi alla scadenza, il veicolo è ancora dotato di una copertura assicurativa e l’automobilista non è soggetto a sanzioni di alcun tipo.

E’ importante sottolineare che il periodo di tolleranza si applica esclusivamente alla copertura RC Auto (le garanzie accessorie non sono incluse in tale periodo) e vale solo in Italia. Tale periodo è sancito dalla normativa vigente e non è necessario che venga esplicitato nel contratto. Il periodo di tolleranza non si applica per le assicurazioni temporanee di durata inferiore a quella annuale.

Commenti Facebook: