#salvalerinnovabili: la campagna assoRinnovabili per salvare l’energia pulita

#SalvaLeRinnovabili è il nome della campagna che assoRinnovabili ha lanciato in questi giorni, con l’obiettivo di dare sostegno allo sviluppo dell’energia pulita nel nostro Paese. L’Associazione ha manifestato in più occasioni il suo disaccordo con le misure previste dal Dl Crescita, note anche come “Spalma Incentivi”, che prevedono un’azione retroattiva sugli incentivi alle rinnovabili per tagliare le bollette luce delle PMI.

#salvalerinnovabili la campagna contro il decreto spalma incentivi
#SalvaLeRinnovabili: il perché della campagna di assoRinnovabili

E’ da tempo che assoRinnovabili invia delle proposte alternative al Governo Renzi per evitare gli effetti negativi della misura “spalma incentivi”, contenuta nel dl Crescita che ha come obiettivo tagliare del 10% alle bollette energia elettrica delle PMI, ma che, secondo l’associazione, provocherebbe effetti disastrosi sul settore dell’energia rinnovabile italiana.

assoRinnovabili ha consultato inoltre il Presidente Emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida al riguardo, il quale ha affermato che il Decreto Spalma Incentivi sarebbe incostituzionale.

L’Associazione ritiene che lo “spalma incentivi” causerebbe la perdita di almeno 10.000 posti di lavoro e porterebbe al fallimento numerose aziende.

Grazie alle rinnovabili, afferma l’associazione in un recente comunicato stampa, avremo nelle bollette della luce un risparmio complessivo compreso tra 7 e 8 miliardi di euro (per effetto della riduzione del prezzo dell’energia).

D’altronde, la Cgia di Mestre ha pubblicato uno studio in cui si afferma che il taglio alle bollette luce non beneficerà piccole aziende, o almeno no nella misura che il Governo si spera, dato che il provvedimento sarà quasi ininfluente per le piccole aziende, ovvero per l’85% delle imprese e dei lavoratori autonomi.

Per questo motivo, assoRinnovabili ha lanciato un appello a tutta la comunità, invitando a firmare a favore della campagna #SalvaLeRinnovabili:

 

Commenti Facebook: