Ryanair: 2 euro in più a biglietto per i costi causati da cancellazioni e ritardi

Una notizia che non piacerà ai passeggeri che utilizzano spesso i voli offerti da Ryanair: la compagnia irlandese ha deciso, infatti, che i biglietti acquistati avranno una mini tassa di 2 euro in più per ogni utente. L’aumento è già in vigore da qualche giorno, precisamente dal 4 aprile.

Perché tale scelta? A quanto pare la compagnia low cost ha deciso di porre questa sovrattassa per compensare ai costi legati alla cancellazione dei voli e ai ritardi rispetto agli orari previsti, tenendo conto delle direttive previste dalla normativa dell’Unione Europea sul tema in questione. La norma di riferimento è la EU261.

Proprio per questo motivo, quindi, Ryanair ha deciso di porre a carico dei passeggeri i costi legati ai ritardi, alle cancellazioni e a disservizi causati da forza maggiore. Sono costi che, stando alle cifre diffuse dalla stessa compagnia europea, incidono notevolmente sul bilancio della società: nel 2010 si è arrivati addirittura a 100 milioni di euro a fronte di 15 mila cancellazioni.

Tra i principali motivi dei ritardi e delle soppressioni di diverse tratte aeree lo scorso anno, lo ricorderete, l’eruzione del vulcano Eyjafjallajkull o il gelo che ha paralizzato il  Nord Europa verso la fine dell’anno.

Commenti Facebook: